Salta al contenuto principale

Il ciclo dell'azoto e il ciclo senza pesci: prepara il tuo acquario per i pesci (Injaf)

Il ciclo senza pesci e il ciclo dell'azoto sono probabilmente le cose più importanti che imparerai quando si tratta di allevare i pesci. E' molto facile ed è davvero importante per i pesci: un piccolo sforzo all'inizio ti ripagherà con gli interessi a lungo termine.

Traduzione dell'articolo:
"The Nitrogen Cycle and the Fishless Cycle – getting your aquarium ready for fish" di INJAF
sul sito di INJAF - It's Not Just A Fish.

Io non sono solo un pesce - sono Occie
Io non sono solo un pesce - sono Occie

Il ciclo senza pesci e il ciclo dell'azoto sono qualcosa di cui sentirai parlare molto in relazione all'acquariofilia. Probabilmente è "la" cosa più importante che imparerai quando si tratta di allevare i pesci. Ora, niente panico, non è spaventoso e scientifico, è molto facile ed è davvero importante per i pesci. Non avai bisogno di una laurea in chimica, ma un piccolo sforzo ora ti ripagherà con gli interessi a lungo termine.

Probabilmente è giusto dire che ci sono due livelli. Uno è ciò che devi assolutamente sapere, non ci sono due modi al riguardo. Il secondo è l'aspetto più approfondito delle cose. Probabilmente potrai andare avanti anche senza sapere tutto su quel lato. Ma devi conoscere le cose di base altrimenti tu e i tuoi pesci non vi godrete il vostro hobby tanto quanto dovreste. Questa guida ti guiderà attraverso la necessità di conoscere le cose.

Cos'è un ciclo senza pesci?

Un ciclo senza pesci è il termine usato per descrivere il processo di crescita di una colonia di "batteri buoni" nel filtro dell'acquario prima che qualsiasi pesce venga introdotto nella vasca. Aggiungendo una fonte di ammoniaca puoi incoraggiare la crescita dei batteri che trasformano l'ammoniaca in nitrito e il nitrito in nitrato. Ma prima di iniziare un ciclo senza pesci è necessario comprendere il processo che si sta intraprendendo.

Il ciclo dell'azoto: la necessità di sapere le cose

Il ciclo dell'azoto si riferisce al processo che si svolge nella vasca per convertire i rifiuti dei pesci da tossici a non tossici. I pesci espellono l'ammoniaca attraverso le branchie, urinano e defecano nell'acqua. L'urina e i rifiuti producono ammoniaca mentre si decompongono. I batteri convertono l'ammoniaca in nitriti, più batteri convertono i nitriti in nitrati. Questo è il cosiddetto ciclo dell'azoto. Il processo viene talvolta definito nitrificazione.

L'ammoniaca è tossica per i pesci, nella migliore delle ipotesi danneggia le branchie e causa problemi respiratori, nel peggiore può uccidere. In natura viene neutralizzata da una moltitudine di fattori; la pioggia la diluisce, i batteri nel suolo e nell'ambiente circostante la processano e nel mare le rocce nelle barriere sono piene di batteri che lavorano tutti per rendere sicure queste tossine.

Come viene gestita l'ammoniaca in acquario?

Dipende tutto dai "batteri buoni", gli stessi che si occupano dell'ammoniaca nell'ambiente naturale. La differenza è che i batteri all'inizio non esistono in un acquario nuovo, poiché non hanno nulla di cui nutrirsi. Il processo del ciclo senza pesci sviluppa la colonia di "batteri buoni", il che significa che possiamo replicare un processo naturale per aiutarci a mantenere i nostri pesci al sicuro dalle tossine.

Tutti gli acquari necessitano di un filtro di un qualche tipo () per ospitare i "batteri buoni". Pensa a un filtro come a un "hotel per batteri". I filtri aspirano l'acqua per mezzo di una piccola pompa. L'acqua scorre quindi attraverso le spugne / cannolicchi in ceramica ("media") all'interno. I batteri buoni vivono sui e nei media, e mentre l'acqua vi scorre, elaborano l'ammoniaca prima che l'acqua rifluisca nel corpo della vasca.

C'è un certo tipo di batteri a cui piace "mangiare" l'ammoniaca, chiamati batteri nitrosomonas. Se è presente ammoniaca nell'acqua, questo batterio inizierà a svilupparsi e moltiplicarsi fino a quando non ci saranno abbastanza batteri per "mangiare" tutta l'ammoniaca disponibile. I batteri trasformano l'ammoniaca in nitriti.

Ottimo, quindi abbiamo affrontato l'ammoniaca, lezione finita?

Non proprio. Anche il nitrito è tossico per i pesci. Si lega alle molecole del sangue a cui dovrebbe legarsi l'ossigeno. L'ossigeno non riesce a legarsi correttamente al sangue e i pesci iniziano a soffrire. I loro organi non ricevono l'ossigeno di cui hanno bisogno per funzionare correttamente e iniziano a mostrare segni di strisce marroni nelle pinne poiché il sangue trasporta meno ossigeno e inizia a sembrare marrone invece che rosso.

Fortunatamente per gli acquariofili, esistono altri tipi di batteri a cui piace "mangiare" i nitriti, chiamati batteri nitrospira. Questi batteri sono abbastanza felici di condividere il filtro con altri batteri, quelli che "mangiano" l'ammoniaca.

Questi batteri richiedono un po' di tempo per svilupparsi, ma una volta che il loro numero è sufficiente, possono lavorare velocemente e sono bravi nel lavoro di squadra. Mentre un gruppo sgranocchia l'ammoniaca e lo trasforma in nitrito, l'altro gruppo è pronto a sgranocchiare il nitrito. Il nitrito viene convertito in nitrato. Il nitrato non è tossico per i pesci, a meno che non si accumuli a livelli significativi. Non ci sono batteri che possono vivere in un filtro convenzionale in grado di rimuovere i nitrati. Mantenere i nitrati a livelli accettabili è compito dell'acquariofilo, e si ottiene effettuando cambi parziali d'acqua. Quando rimuovi parte della vecchia acqua per sostituirla con acqua fresca, rimuovi anche parte dell'accumulo di nitrati. L'acqua nuova dovrebbe avere i nitrati più bassi e quindi il livello di nitrati nell'acquario diminuirà.

In sintesi:

  • i pesci espellono l'ammoniaca
  • i rifiuti organici si scompongono in ammoniaca
  • i batteri nel filtro convertono l'ammoniaca in nitrito
  • più batteri convertono i nitriti in nitrati
  • si rimuovono i nitrati con i cambi d'acqua

Ok, lavoro fatto, ciclo dell'azoto capito.

Posso mettere i miei nuovi pesci direttamente nella mia nuova vasca oggi?

Purtroppo no. Prima i batteri hanno bisogno di alcune settimane per stabilirsi, generalmente ci vogliono dalle quattro alle sei settimane per completare un ciclo senza pesci per preparare i batteri a prendersi cura dei tuoi pesci. Ma non preoccuparti, mentre sei impegnato a far crescere i tuoi batteri, avrai tutto il tempo per impostare il tuo acquario nel modo desiderato e ricercare le esigenze dei pesci che desideri allevare. Ottenere il layout giusto prima di aggiungere i pesci è molto più facile che cercare di organizzare le cose con un sacco di aiutanti nuotatori! Ed essere completamente al passo con le esigenze dei tuoi nuovi pesci significa che non dovrai avere il panico dell'ultimo momento. Questo ti dà anche la possibilità di assicurart che tutta la tua attrezzatura funzioni correttamente.

Ma mi è stato detto di allestire il mio acquario, lasciarlo qualche giorno e poi posso aggiungere i pesci?

Questa cosa la vediamo pubblicata molto spesso sui forum di Internet; insomma, gli acquariofili hanno comprato il loro nuovo acquario e l'hanno allestito, dopo che gli era stato detto da qualcuno (molto spesso un negozio) che possono lasciarlo solo pochi giorni e tutto sarà pronto. Purtroppo questo non è corretto. Lasciando la vasca allestita per alcuni giorni non si ottiene nulla, non c'è nulla nella vasca per incoraggiare i batteri a crescere, quindi la vasca non è più pronta per i pesci dopo pochi giorni rispetto a quando l'hai allestita.

A un certo punto è stata considerata pratica normale aggiungere i pesci immediatamente. Molto spesso venivano usati i pesci rossi come pesci "sacrificali" per far funzionare i batteri in preparazione per i veri residenti. A volte si consigliava alle persone di iniziare con alcuni pesci "resistenti" per avviare il ciclo.
Ora che abbiamo capito più a fondo cosa succede a un pesce quando viene utilizzato in questo modo, è considerata una pratica estremamente cattiva usare i pesci per ciclare un acquario.
Ovviamente ci sarà sempre qualcuno che lo ha fatto e dirà che è andato tutto "bene". Indipendentemente da ciò che pensano o dicono, è molto improbabile che i pesci si siano sentiti "bene" durante il processo.

INJAF è fortemente contrario all'uso dei pesci per il ciclo di un acquario e ti invita a intraprendere un ciclo senza pesci per preparare la nuova casa dei tuoi pesci, in modo che sia pronta per loro per entrare direttamente e divertirsi.

Cosa succede a un pesce durante il ciclo che significa che non sta "bene"?

L'ammoniaca può avere diversi effetti spiacevoli sui pesci, sintomi di avvelenamento da ammoniaca tra cui:

  • Problemi respiratori
  • Emorragie interne ed esterne, aree arrossate della pelle causate dalle emorragie dei capillari sanguigni nella pelle e negli organi interni
  • Nuoto irregolare, iperattività ed eccitabilità e spasmi quando i nervi vengono danneggiati
  • Cerca costantemente di scappare dall'acqua saltando fuori
  • Iperproduzione di muco che causa un appannamento bianco della pelle
  • Se non trattata, morte

Quanto sopra è stato preso da fishtanksandponds.co.uk, leggi l'articolo completo per informazioni più dettagliate (non preoccuparti, non c'è bisogno di un dottorato di ricerca per questo!). Ci sono anche alcune informazioni molto utili e complete nell'articolo ‘Frequently asked questions on ammonia’ di Practical Fishkeeping.

Come accennato in precedenza, il nitrito si lega al sangue e impedisce all'ossigeno di farlo. I sintomi includono:

  • Letargia
  • striature marroni nelle pinne e nella coda
  • danni ai tessuti
  • infezioni secondarie come infezioni batteriche
  • Se non trattata, morte

Ci sono ulteriori informazioni sull'avvelenamento da nitriti su fishtanksandponds.co.uk, per favore leggi l'articolo completo per maggiori dettagli (di nuovo, non è richiesto nessun dottorato di ricerca!). Anche Practical Fishkeeping ha un articolo ‘Frequently asked questions on nitrite’.

Un pesce esposto ad ammoniaca e/o nitriti può soffrire di problemi a lungo termine anche quando le condizioni dell'acqua sono migliorate. Gli articoli di cui sopra di Practical Fishkeeping e fishtanksandponds.co.uk danno una chiara spiegazione dei problemi che un pesce dovrà affrontare se non viene intrapreso un ciclo senza pesci. Facendo un ciclo senza pesci puoi evitare questi effetti spiacevoli e potenzialmente pericolosi per la vita dei tuoi pesci.

E i batteri in flacone, mi è stato detto che avrebbero preparato l'acquario in pochi giorni?

I batteri in bottiglietta o flacone provocano molti dibattiti sui forum di acquariofilia! Stiamo lavorando ad alcune informazioni più dettagliate al riguardo, quindi tieni d'occhio questo spazio per ulteriori informazioni. Tuttavia, è meglio non pensare a nulla come "scorciatoia" per il ciclo senza pesci; in alcuni casi i batteri in bottiglia possono essere in grado di accelerare il ciclo senza pesci, ma sarà comunque necessario comprendere il processo e testare l'acqua per assicurarsi che il ciclo dell'azoto funzioni correttamente prima di aggiungere qualsiasi pesce alla vasca.

Come faccio a fare un ciclo senza pesci per far funzionare i miei batteri in modo che quando metto i miei pesci nella vasca sia pronta per loro?

Ci sono alcuni metodi, che troverai consigliati in vari gradi su Internet. Per tutti dovrai investire in un kit di test. È preferibile un kit per test liquidi in quanto, secondo la nostra esperienza, sono un po' più accurati. Dovrai essere in grado di testare:

  • Ammoniaca
  • Nitriti
  • Nitrati
  • pH (una misura di acidità)
  • GH (durezza generale dell'acqua)
  • KH (durezza carbonatica dell'acqua)

Qualunque metodo scegli per il ciclo senza pesci, devi prima impostare la vasca e l'attrezzatura. Non è necessario che l'arredamento sia perfezionato perché potrai giocherellare con gli arredi mentre i batteri si sviluppano. Ma dovrai configurare l'acquario, riempirlo d'acqua, impostare il filtro e i media e avviarlo a funzionare.

Metodo Uno: il metodo del cibo per pesci

Con questo metodo, il cibo per pesci viene aggiunto nella vasca per produrre ammoniaca quando inizia a decomporsi. Il modo più semplice per pensarci è immaginare di nutrire pesci invisibili. Ogni giorno aggiungi semplicemente la quantità di cibo che daresti ai pesci se ci fossero. Quando il cibo marcisce, produce ammoniaca. Questo avvia la crescita dei batteri.

In alternativa, puoi mettere del cibo per pesci in un calzino o in un'estremità tagliata di un paio di collant (nota: se hai intenzione di usare quello della tua ragazza / moglie / mamma, in genere è meglio averne il permesso prima di "essere ritenuto responsabile delle azioni delle donne che trovano la loro calzetteria preferita piena di cibo per pesci e che galleggia in una vasca!).
Man mano che il cibo marcisce, i collant lo manterranno in un punto e ne faciliteranno la rimozione quando non ne avrai più bisogno.

Metodo due: il gambero

Metti un gamberetto o un pezzo di gambero in una calza o un pezzo di collant tagliato e mettilo nella vasca, nella corrente generata dal filtro. Man mano che il gambero marcisce, produrrà ammoniaca in modo simile al metodo del cibo per pesci sopra.

Metodo tre: aggiunta di ammoniaca domestica

L'ammoniaca domestica può essere acquistata nei negozi di bricolage e talvolta nelle farmacie. L'ammoniaca domestica viene solitamente diluita a una certa percentuale, sarà indicato sulla bottiglia. Puoi utilizzare il nostro calcolatore per calcolare quanta ammoniaca devi aggiungere alla tua vasca.

Avrai bisogno di una piccola siringa per misurare la quantità di ammoniaca che devi aggiungere, puoi trovarla in farmacia o dare un'occhiata su eBay o nei negozi online.

Nota: mai, ripeto mai, sii tentato di annusare il contenuto di una bottiglia di ammoniaca per curiosità. Questo porta quasi inevitabilmente alla sensazione che le tue narici si stiano sciogliendo e che gli occhi siano in fiamme.

Metodo quattro

Sono disponibili vari kit che hanno lo scopo di aiutarti a fare il ciclo senza pesci in prontezza per i tuoi pesci. Consigliamo Biomature di Waterlife (nota, non abbiamo affiliazioni a Waterlife o ad altre società, lo consigliamo perché è un buon prodotto) che deve solo essere aggiunto secondo le istruzioni. Contiene una fonte di ammoniaca e ti dice come calcolare quanto dovete aggiungerne.

Come faccio a sapere se ho abbastanza ammoniaca nel mio acquario per far funzionare i batteri e iniziare il ciclo senza pesci?

Devi assicurarti di coltivare abbastanza batteri da essere in grado di far fronte al cambiamento fatto da te aggiungendo una fonte di ammoniaca, o fatto dai tuoi pesci aggiungendo ammoniaca. È generalmente accettato che 2-3 ppm (parti per milione) sia il miglior livello di ammoniaca a cui mirare mentre cicli il tuo acquario. Ciò significa che quando il tuo ciclo è completo avrai una bella e grande colonia di batteri che non sarà sopraffatta dalla quantità di rifiuti che i tuoi pesci produrranno.

È qui che entra in gioco il tuo kit di test. Quando testi l'acqua per l'ammoniaca, il colore del campione nella provetta cambierà. Il colore corrisponderà (più o meno) a uno dei colori sulla tabella del kit del test. Questo ti dirà qual è il livello di ammoniaca nell'acqua della tua vasca.

Usare l'ammoniaca domestica o il kit Waterlife è il modo più semplice per sapere esattamente quanto aggiungerne. L'uso del mangime per pesci o dei gamberi può essere un po' un andare per tentativi ed errori, in quanto potrebbe essere necessario aumentare la quantità di cibo che si sta usando se le letture dell'ammoniaca non sono abbastanza alte. Se stai usando l'ammoniaca per uso domestico puoi usare il nostro calcolatore per calcolare quanto ne devi aggiungere.

Se stai usando il mangime per pesci, puoi usare il nostro calcolatore (non farti confondere dal titolo, è multi tasking!) per aiutarti a capire più o meno quanto aggiungerne. Basta inserire la percentuale di proteine ​​nel cibo (che è indicata sulla confezione) e il volume di acqua nell'acquario. Quindi immettere 10 nella casella "quantità giornaliera di cibo in grammi" e fare clic su "calcola". Il risultato di "Al giorno la proteina si scompone in:" è espresso in milligrammi per litro (m / g) per l'ammoniaca, che è equivalente a parti per milione. Una volta che sai quanta ammoniaca vi daranno le proteine in 10 g, puoi aumentare o diminuire la quantità finché il calcolatore non vi dà circa 2-3 m / g o 2-3 ppm.

Mentre fate il ciclo senza pesci

Questo è un buon momento per coinvolgere i bambini se il tuo acquario si trova in una casa di famiglia o se i pesci sono destinati a un bambino. Aiutare i bambini a capire le esigenze dei pesci è un ottimo modo per farli appassionare all'acquariofilia. Se possono essere coinvolti nel processo del ciclo con te, li aiuterà davvero a sentirsi parte della "squadra", per non parlare dei vantaggi di aiutarli a capire un po' di chimica e di biologia senza che se ne rendano conto. I bambini sono gli acquariofili, gli ambientalisti del futuro e possono davvero trarre vantaggio dall'imparare a prendersi cura delle creature viventi, e svilupparsi in sicurezza mentre si prendono cura di altre piccole vite. Puoi stampare il nostro diario del ciclo da compilare per i tuoi figli (e da compilare per te!), Fai clic sul link sottostante:
Modello di diario del ciclo senza pesci

Prima di aggiungere una fonte di ammoniaca

  • Allestisci il tuo acquario con acqua, decorazioni e filtro (anche riscaldatore se hai intenzione di allevare pesci tropicali)
  • Calcola quanta acqua hai nella vasca. Puoi usare il nostro calcolatore per aiutarti, semplicemente aggiungi le misure richieste dal calcolatore
  • Testa l'acqua per pH, GH, KH e nitrati prima di iniziare. I primi tre possono cambiare durante il ciclo e influenzarlo, quindi devi sapere da dove sei partito. I nitrati solitamente sono presenti in una certa misura già nell'acqua del rubinetto, quindi è necessario sapere con cosa si è iniziato per vedere se sta aumentando man mano che il ciclo procede. Assicurati di annotare i risultati, poiché potrebbe essere necessario farvi riferimento. Per testare il pH dovresti prendere un campione di acqua del rubinetto e lasciarlo riposare per 24 ore, questo ti darà una lettura del pH più accurata
  • Se utilizzi l'ammoniaca per uso domestico, calcola quanto ne devi aggiungere utilizzando il nostro calcolatore

Poi…

  • Aggiungi la tua fonte di ammoniaca e fai test per assicurarti di averne aggiunta abbastanza (se stai usando cibo per pesci / gambero dovrai aspettare alcuni giorni prima che l'ammoniaca si mostri, quindi prova dopo un paio di giorni)
  • Riprova il giorno successivo e aggiungi altra ammoniaca se necessario per riportare la lettura a 2 ppm. Potrebbe non essere necessario aggiungere altro per un paio di giorni, ma continua a controllare ogni giorno e annota i risultati del test ogni volta
  • Continua ad aggiungere ammoniaca ogni volta che il livello scende al di sotto di 2 ppm per riportare il livello a 2 ppm, puoi utilizzare il nostro calcolatore per calcolare quanto extra aggiungere
  • Se stai usando cibo per pesci / gambero potresti dover aggiungere altro se i livelli di ammoniaca iniziano a diminuire
  • Esegui test ogni giorno, prendi nota dei risultati, aggiungi ammoniaca quando necessario
  • Prova a fare i test e aggiungere l'ammoniaca alla stessa ora ogni giorno
  • Controlla pH, GH e KH ogni pochi giorni: un calo di PH o KH può indicare un problema con il ciclo, vedi la nostra sezione risoluzione dei problemi per come affrontarlo

Dopo circa una settimana...

  • I livelli di ammoniaca dovrebbero diminuire. Se non lo fanno, non preoccuparti, ogni ciclo è individuale e potrebbero essere necessari alcuni giorni in più.
  • Testa i nitriti. Potrebbe essere necessario attendere un po' più di una settimana, ma continua a testare a giorni alterni e osserva la comparsa dei nitriti. Probabilmente otterrai letture sia per l'ammoniaca che per i nitriti, i livelli di ammoniaca inizieranno a diminuire man mano che il ciclo si sviluppa e i nitriti aumentano
  • Continua ad aggiungere ammoniaca per mantenerne il livello a 2 ppm, dovrebbe iniziare a diminuire più rapidamente man mano che sempre più batteri si sviluppano e la elaborano più velocemente
  • I nitriti inizieranno a salire
  • Esegui il test a giorni alterni e prendi nota dei risultati
  • Continua a controllare pH, GH e KH ogni pochi giorni

Dopo circa 3 settimane...

  • Ora i livelli di ammoniaca dovrebbero diminuire rapidamente
  • Continua a testare e ad aggiungere ammoniaca, poiché devi comunque mantenere felici i tuoi batteri dell'ammoniaca mentre si sviluppano i batteri dei nitriti
  • Inizia a testare i nitrati, potrebbero non aver ancora iniziato a salire poiché di solito ci vogliono dalle quattro alle sei settimane perché ciò accada, ma vale sempre la pena controllare per ogni evenienza
  • Continua a controllare pH, GH e KH ogni pochi giorni

Dopo circa quattro o sei settimane...

  • I nitrati inizieranno a salire. I nitrati sono il prodotto finale del ciclo dell'azoto, quindi quando vedrai l'aumento dei nitrati saprai che il tuo ciclo è a buon punto e quasi completo
  • L'ammoniaca e i nitriti dovrebbero essere visualizzati a zero entro ventiquattro ore dall'aggiunta di ammoniaca a 2 ppm
  • Continua a controllare pH, GH e KH ogni pochi giorni

Infine…

  • L'ammoniaca e i nitriti vengono portati a zero entro ventiquattro ore dall'aggiunta di ammoniaca a 2 ppm
  • I nitrati aumentano (a volte in modo drammatico)

Woo hoo! Il mio ciclo senza pesci è finito! Posso finalmente inserire dei pesci, per favore?

Quasi... prima di aggiungere qualsiasi pesce è necessario fare un grande cambio d'acqua per diluire i nitrati che si sono accumulati. Non ti preoccupare; questo non danneggerà i vostri batteri attentamente curati (ma ricorda di usare un condizionatore per l'acqua).

  • Fai due cambi d'acqua del 50% ciascuno: fanne uno del 50%, riempi la vasca e fanne un altro del 50% e riempi nuovamente. Questo ridurrà i livelli di nitrati a livelli simili all'acqua del rubinetto
  • Se hai aggiunto acqua fredda, assicurati che la temperatura sia giusta per i residenti previsti
  • Controlla che tutto il resto sia come dovrebbe essere; pH, GH, KH, e di sapere tutto, quale cibo ecc. devi avere quando acquisterai i tuoi pesci
  • Vai a fare shopping!

Se non aggiungete pesci non appena l'acquario è pronto, dovete continuare ad aggiungere ammoniaca ogni giorno per mantenere i batteri sani e felici.

Risoluzione dei problemi

Se il tuo ciclo senza pesci sembra essere arrivato a un certo punto e si è interrotto, devi controllare quanto segue:

  • pH: un pH basso può causare problemi con il ciclo senza pesci. Al di sotto di pH 6 i batteri possono diventare molto meno attivi e possono persino interrompere l'elaborazione delle tossine e morire.
  • KH - anche la bassa durezza carbonatica può causare problemi. I carbonati vengono utilizzati durante il processo di nitrificazione, quindi se KH è troppo basso non ci saranno abbastanza carbonati nell'acqua perché il processo di nitrificazione funzioni.
  • Livelli di nitrati: i nitrati superiori a 100 ppm sono stati identificati su alcuni forum Internet come causa di problemi con il ciclo senza pesci per vari motivi.

Ma non temere, esistono semplici rimedi per rimettere le cose in carreggiata. Per aumentare contemporaneamente la durezza carbonatica e il pH è sufficiente aggiungere del bicarbonato di sodio. Puoi acquistarlo nella sezione cucina della maggior parte dei supermercati, ma non confonderlo con il lievito perché non sono la stessa cosa. Per lavorare su quanto aggiungere, dovrai sapere qual è il tuo KH ora e cosa vuoi che sia, se miri a mantenerlo sopra 5, il che dovrebbe mantenere corretto il percorso del tuo ciclo. Una volta che sai qual è la tua lettura attuale, puoi usare il nostro calcolatore per calcolare quanto aggiungere.

Una volta aggiunto il bicarbonato di sodio, verifica il pH. L'aggiunta di bicarbonato di sodio aumenterà il pH, ma non è una correlazione diretta, quindi dovrai controllare ogni volta che modifichi il KH.

In una configurazione d'acqua dolce il KH può scendere abbastanza rapidamente, quindi è una buona idea abituarsi a controllarlo e alzarlo durante il ciclo, in modo da poterlo mantenere stabile quando ci saranno pesci che vivranno nella vasca. Se il KH scende troppo quando hai dei pesci nell'acquario, causerà un "crash del pH" in cui i livelli di acidità nell'acqua aumentano drasticamente mentre il pH "crolla" verso il basso. Questo può spazzare via un intero acquario prima che tu ti renda conto di cosa sta succedendo.

Per gestire i nitrati superiori a 100 ppm, effettua due cambi d'acqua consecutivi del 50% (non dimenticare il condizionatore) e assicurati di abbinare la temperatura dell'acqua nuova a quella della vecchia prima di aggiungerla all'acquario. Puoi usare l'acqua scaldata nel bollitore per portarla a temperatura se necessario. Effettua un cambio del 50%, riempi di nuovo l'acquario, quindi fai un altro cambio del 50%. In questo modo avrai rimosso molti nitrati senza rischiare di sconvolgere la colonia batterica aggiungendo il 100% di acqua nuova.

Suggerimenti per accelerare il ciclo senza pesci

Se hai un altro acquario con un filtro maturo, puoi prendere un po' dei media da quello e metterli nel tuo nuovo filtro. Questo darà il via alla colonia batterica e la aiuterà a svilupparsi più velocemente. Allo stesso modo, se hai un amico con un acquario maturo, potresti chiedere se è disposto a donarti un po' di media maturi. Anche alcuni negozi d'acquari ti daranno un po' di media maturi, quindi vale sempre la pena chiedere anche al negozio locale.

Il riscaldamento dell'acqua incoraggerà i batteri a crescere più velocemente, quindi aggiungere un riscaldatore per acquario e mantenere la temperatura a circa 26°C, accelererà un po' il ciclo.

Il ciclo istantaneo

Questo vale se stai spostando il tuo allestimento in un nuovo acquario (solitamente più grande). Tutto quello che devi fare è prendere tutti i media dal vecchio filtro e metterli in quello nuovo. Hai la stessa quantità di pesci, che producono la stessa quantità di rifiuti, quindi la quantità di batteri necessaria per processare i rifiuti è la stessa che hai nel filtro quindi il ciclo è veloce e istantaneo. Dovrai monitorare l'ammoniaca ecc. per alcuni giorni per assicurarti che tutto vada come dovrebbe dopo il trasferimento.

Se non vuoi usare i vecchi media filtranti, perché magari il filtro nuovo ha bisogno di spugne di forma diversa, ad esempio, puoi semplicemente spostare il vecchio filtro nel nuovo acquario e farlo funzionare insieme al nuovo filtro per qualche settimana. Ogni settimana puoi rimuovere un po' del vecchio supporto (anche tagliando le spugne con le forbici se non serve che le conservi) poiché i batteri inizieranno a colonizzare il nuovo media filtrante. Continua a testare l'acqua regolarmente per assicurarti che tutto sia stabile e che non stai rimuovendo troppo del vecchio media filtrante troppo presto.

Ulteriore aiuto e consiglio

Per ulteriore aiuto e consigli, consulta la nostra sezione forum consigliati. Tutti i forum menzionati hanno acquariofili esperti anche nel ciclo dell'azoto e nel ciclo senza pesci e che saranno felici di darti consigli personali in base alla tua situazione individuale.

Glossario di termini

Se non sei sicuro a cosa si riferisca una parte della terminologia, molto probabilmente troverai la risposta in uno dei glossari collegati di seguito. In caso contrario, visita uno dei nostri forum consigliati e qualcuno saprà sicuramente aiutarti:

Glossary of terms – da planetcatfish.com
Glossary of terms – da seriouslyfish.com, utilizzate il glossario a discesa a destra della ricerca del profilo

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette