Salta al contenuto principale

Thayeria boehlkei

Weitzman, 1957

E' di gran lunga la più popolare specie di Thayeria in acquariofilia, venduta spesso come 'pesce 'pinguino' o 'tetra pinguino', che in realtà è Thayeria obliqua

Image
Descrizione

Thayeria boehlkei, Penguin Tetra - Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)

Nome comune
False penguin tetra - Falso tetra pinguino
Aspettativa di vita
5 anni
Dimensioni massime in natura

6-7 cm SL

Dimensioni massime in acquario

Sebbene secondo Fishbase raggiunge soli 3,2 cm di lunghezza, sembra che in realtà diventi decisamente più grande, Seriouslyfish segnala una lunghezza media di 6 cm, mentre esemplari di 7,5 cm non sono affatto rari.

Ci sono solo tre specie nel genere Thayeria, tra cui Thayeria boehlkei è di gran lunga la più popolare in acquariofilia. Delle tre specie, la specie tipo del genere, e l'originale 'pesce "pinguino' o 'tetra pinguino', è Thayeria obliqua, anche se di solito anche Thayeria boehlkei viene venduta sotto lo stesso nome (anche se è stato visto in vendita come tetra 'mazza da hockey', hockeystick tetra).

Le due specie sono facili da distinguere, in quanto in Thayeria boehlkei la spessa striscia nera che si estende dal lobo inferiore della pinna caudale viaggia lateralmente lungo il corpo fino all'opercolo (la copertura delle branchie). In Thayeria obliqua la striscia invece si assottiglia verso l'alto, dissolvendosi completamente prima di raggiungere la pinna dorsale.

Anche la terza specie, Thayeria ifati, è un pesce molto grazioso ma raramente disponibile in commercio. In questa specie la striscia nera è presente solo nella parte superiore del lobo caudale inferiore, ma è definita molto più chiaramente rispetto a Thayeria obliqua e si estende verso l'alto sopra la linea laterale, oltre la pinna dorsale. Quando sono in buone condizioni le pinne dorsale e anali sviluppano belle punte rosse, ed i lobi caudali si bordano del colore dell'ambra.

Differenze tra le specie di Thayeria
Differenze della livrea tra le specie di Thayeria (Thayeria sanctamariae è attualmente considerato sinonimo di Thayeria obliqua - Foto © Aquafisher.org.ua

Tutte e tre le specie nuotano con lo stile obliquo, con la testa rivolta verso l'alto, tipico del genere. Questo angolo di 30° circa che mantengono con la superficie, insieme alla colorazione bianca e nera e allo stile di nuoto, contribuisce a mimetizzare i pesci nel loro ambiente e a proteggerli dai predatori.

Come per molti generi di piccoli caracidi, lo status tassonomico delle specie del genere Thayeria è attualmente Incertae Sedis, il che significa incerto. La maggior parte degli esperti concordano sul fatto che è necessaria una revisione completa della famiglia, con il probabile risultato che molte specie saranno collocate in generi nuovi o diversi.

Distribuzione

Sud America: bacino del Rio delle Amazzoni superiore in Perù e fiume Araguaia in Brasile.

NOT EVALUATED
Habitat

Ambiente: pelagico; acqua dolce; clima tropicale.

Il Rio Araguaia attraversa diversi stati brasiliani ed ha un elevato numero di affluenti che vi si svuotano, per cui è probabile che Thayeria boehlkei si possa trovare in vari tipi di habitat, dalle zone inondate stagionalmente con una crescita rigogliosa di piante subacquee, ai torrenti che attraversano la giungla, con folta vegetazione marginale ma rada in acqua.

Temperatura in natura
22 - 28°C
Valore pH in natura
6.0 - 8.0
Valori acqua in natura
dH range: 5 - 19
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 60x40x40h cm per un piccolo gruppo di esemplari, ma sarebbe meglio tenere un grande gruppo in un grande acquario.
Thayeria boehlkei offre uno superbo spettacolo negli acquari fittamente piantumati o di comunità ben pensati. Un acquario piantumato può naturalmente essere ulteriormente decorato con radici contorte, rami, rocce levigate e pietre. E' meglio utilizzare un substrato scuro, e prendere in considerazione l'aggiunta di alcune piante galleggianti per fornire le condizioni di ombra preferite dai pesci.

In alternativa, perché non allestire un acquario stile biotopo-giungla? Utilizzate un substrato di sabbia di fiume, e aggiungere un paio di legni sottili (se non riuscite a trovare legni della forma desiderata, il faggio comune è sicuro da usare, se accuratamente essiccato e scortecciato) e radici contorte.

L'aggiunta di un po' di lettiera di foglie secche (sono adatte foglie di faggio, quercia o mandorlo indiano Ketapang; si può usare anche una miscela di tutte e tre) enfatizza ulteriormente la sensazione naturale e, oltre a offrire dei ripari aggiuntivi per i pesci, induce la crescita di benefiche colonie microbiche mano a mano che avviene la decomposizione. Questi microrganismi possono fornire una preziosa fonte di cibo secondario per gli avannotti, mentre si ritiene che i tannini e altre sostanze chimiche rilasciate dalle foglie in decomposizione siano utili per le specie di pesci d'acqua nera e non.
Le foglie possono essere lasciate nella vasca fino a che non si decompongono completamente o rimosse e sostituite ogni qualche settimana. Per acidificare e scurire ulteriormente l'acqua si possono usare anche le pignette di ontano, che hanno ulteriori effetti battericidi e antimicotici, non è necessario utilizzare la torba naturale, la cui raccolta è sia insostenibile che dannosa per l'ambiente.
Molto simile alla fibra di torba è la fibra di cocco, che è essenzialmente un sottoprodotto industriale e soprattutto una risorsa rinnovabile; se ne può lasciar cadere qualche manciata nella vasca. Dopo pochi giorni diventerà completamente satura d'acqua e affonderà sul fondo, dove può sembrare davvero efficace. A condizione che venga praticata una buona routine di mantenimento dell'acqua, non dovrebbero verificarsi effetti negativi utilizzando torba o foglie in acquario.

In questo tipo di allestimento è preferibile un'illuminazione abbastanza diffusa. Le piante acquatiche pertanto non cresceranno molto bene, ma anche molti habitat di questa specie in natura sono privi o poveri di piante.. Si potrebbero comunque aggiungere specie che possono sopravvivere in condizioni di scarsa illuminazione, come felce di Giava (Microsorum pteropus), muschio di Giava (Taxiphyllum barbieri), Anubias o Cryptocoryne. Nessuna di queste è tipica del biotopo, naturalmente, ma possono essere certamente utilizzate per creare un look efficace.

Comportamento e compatibilità: Thayeria boehlkei è una specie pacifica, che non competere bene con compagni di vasca molto chiassosi o molto più grandi. l'ideale sarebbe tenerla con altre specie del Sud America, come Hemigrammus o Hyphessobrycon, pesci matita, Apistogramma e altri piccoli ciclidi, Corydoras e loricaridi. In una comunità più generale, può essere combinato con piccole rasbore, barbus, Anabantoidei e ciclidi nani dell'Africa occidentale, come le specie di Pelvicachromis.

Ne va acquistato sempre un gruppo di almeno 6 esemplari, preferibilmente 10 o più. E' una specie di branco per natura, e se la passeranno molto meglio se saranno in compagnia del proprio genere. Quando sono tenuti in numero sufficiente è limitato anche qualsiasi potenziale morso di pinne, in quanto i pesci tendono a concentrarsi sul litigare tra di loro. Come la maggior parte dei tetra, in realtà sembrano vivere molto più in salute se allevati in questo modo in ogni caso.

Temperatura in acquario
22 – 28°C
Valori acqua in acquario
pH: 5,5 - 8,0 è molto adattabile per quanto riguarda la chimica dell'acqua, anche perché quasi tutti i pesci in commercio sono riprodotti in serie allo scopo. Sta bene sia in acqua tenera e acida che più dura e alcaline
Durezza: fino a 20°H
Alimentazione

Probabilmente in natura si nutre di insetti piccoli, vermi, crostacei e altri zooplancton. Per le migliori condizioni di salute e di colorazione offrire pasti regolari di piccolo cibo vivo e/o congelato, come chironomus, daphnia e artemia, anche se dovrebbero accettare volentieri anche il mangime secco in fiocchi e in granuli.

Riproduzione

I Thayeria boehlkei si riproducono abbastanza facilmente, anche se è necessario allestire un acquario separato in cui farlo, se si desidera aumentare il numero di avannotti. Va già bene una vasca a artire dai 45 cm di lunghezza, che dovrebbe essere molto poco illuminata e contenere ciuffi di piante a foglie fini, come muschio di Giava, o mop da riproduzione, per dare ai pesce un posto dove deporre le uova. In alternativa, si può coprire la base della vasca con un qualche tipo di rete con le maglie abbastanza grandi da far passare le uova, ma abbastanza piccole da non farle raggiungere dagli adulti. La chimica dell'acqua è meno problematica rispetto a molte altre specie di tetra, ma è sempre meglio che l'acqua sia da acida a neutra. La temperatura deve essere importata a qualche grado in più rispetto all'acquario principale, in quanto l'aumento di temperatura aiuta ad indurre i pesci a riprodursi. Non c'è alcuna reale necessità di usare la filtrazione con torba o l'acqua ro con questa specie, anche se è possibile farlo se lo si desidera. Un piccolo filtro in spugna ad aria molto delicato è tutto quello che serve in termini di filtrazione.

Possono essere fatti riprodurre in gruppo, con una mezza dozzina di esemplari di ciascun sesso. I pesci vanno condizionati con un sacco di piccoli alimenti vivi, e la deposizione delle uova non dovrebbe presentare troppi problemi.

In alternativa, possono essere riprodotti a coppie. Con questa tecnica, i pesci vanno condizionati tenendo maschi e femmine in acquari separati. Quando le femmine sono notevolmente piene di uova ed i maschi mostrano i loro colori migliori, scegliere la femmina più grassa e il maschio più colorato e trasferirli nella vasca da deposizione in serata. Dovrebbero deporre le uova la mattina seguente.
Questa specie è particolarmente feconda e una singola femmina può produrre ben 3000 uova, anche se circa 1000 è più usuale. A quanto pare i maschi possono rilasciare tanto sperma durante un evento di deposizione delle uova che a volte è necessario immediatamente un cambio parziale dell'acqua.

In entrambi i casi, gli adulti mangiano le uova se ne viene data loro la possibilità, per cui devono essere rimossi non appena si notano le uova semi-adesive. Queste si schiudono in 12-24 ore, e gli avannotti raggiungono il nuoto libero 3-4 giorni dopo. Devono essere alimentati con alimenti tipo infusori per i primi giorni, fino a quando non sono grandi abbastanza per accettare microworm o naupli d'artemia. Le uova e gli avannotti sono fotosensibili nelle prime fasi della vita e l'acquario dovrebbe essere tenuto al buio, se possibile.

Specie appartenenti al Genere

False penguin tetra - Falso tetra pinguino

E' di gran lunga la più popolare specie di Thayeria in acquariofilia, venduta spesso come 'pesce 'pinguino' o 'tetra pinguino', che in realtà è Thayeria obliqua

Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni max: 6-7 cm SL
Temperatura: 22 - 28°C

Difficile da trovare in commercio, viene confusa spesso con le altre specie di Thayeria

Dimensioni max: 3.5 cm SL
Temperatura: 23 - 28°C
Penguinfish, Penguin tetra - Tetra pinguino

Non si trova facilmente in commercio, ma è l'originale 'pesce pinguino' o 'tetra pinguino', anche se in realtà attualmente viene venduto sotto questo nome il congenere Thayeria boehlkei

Aspettativa di vita: 5 anni
Dimensioni max: 7.6 cm SL
Temperatura: 22 - 28°C
Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Thayeria boehlkei
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette