Salta al contenuto principale

Pimelodus pictus

Steindachner, 1876

Quella di Pimelodus pictus è la specie più popolare del genere in acquariofilia e con buone ragioni, in quanto è una delle specie più piccole e più belle, anche se non sono per niente adatti a tutti gli acquari di comunità.

Image
Descrizione

Pimelodus pictus - Foto di Hristo Hristov

Nome comune
Pictus cat, Pim
Aspettativa di vita
6 - 8 anni
Dimensioni massime in natura

11.0 cm TL

Quella di Pimelodus pictus è la specie più popolare del genere Pimelodus in acquariofilia e con buone ragioni, in quanto è una delle specie più piccole e più belle, anche se non sono davvero adatti a tutti gli acquari di comunità.

Ne vengono importate un paio di varianti geografiche. I pesci provenienti dalla Colombia hanno una spruzzata di piccole macchie scure su tutto il corpo, mentre la forma peruviana ha macchie molto più grandi sul corpo e piccole macchie sulla testa. Si può anche trovare in vendita come "pim maculato", "pim pictus" o "pesce gatto angelicus". Quest'ultimo nome in particolare può causare confusione con il popolare pesce gatto africano Synodontis angelicus. Quando queste due specie sono viste fianco a fianco però non si possono confondere: il Synodontis è quasi nero con macchie di colore giallo o bianco, ed da una forma completamente diversa da Pimelodus pictus.

Fate attenzione al momento del loro acquisto. Quando sono appena importati possono essere piuttosto malandati, perché tendono a soffrire sia per la denutrizione che per la mancanza di ossigeno. Come gli altri pim, si tratta di un pesce senza squame ed è quindi anche molto sensibile a determinate malattie come quella dei puntini bianchi. Purtroppo la sua pelle delicata significa anche che è sensibile a molti dei farmaci più comuni presenti sul mercato. Assicuratevi di leggere attentamente le istruzioni prima di aggiungere qualsiasi farmaco ad un acquario contenente questi pesci, e in caso di dubbio dimezzare la dose come misura precauzionale.

Va esercitata molta cautela anche quando si cerca di catturare qualsiasi specie di Pimelodus. Hanno pinne pettorali molto rigide e spine dorsali, che possono facilmente impigliarsi nelle maglie di un retino da acquario. Possono anche causare ferite dolorose se vi capita di essere punti. La sensazione è simile a quando si è punti da un'ape o da una vespa: un dolore acuto iniziale, seguito da un gonfiore localizzato e sensazioni palpitanti abbastanza brutte. La tossina responsabile non viene effettivamente iniettata nella pelle, ma è contenuta nel muco che ricopre le spine della pinna. Anche se questi "punture" sono essenzialmente innocue, certamente provocano un paio d'ore di disagio, per cui si dovrebbe evitare di maneggiare questi pesci, ove possibile. Provate a utilizzare un bicchiere o qualcosa del genere invece di un retino se è necessario spostarli per qualsiasi motivo.

Attualmente i Pimelodus pictus sono inclusi nella famiglia Pimelodidae 32 generi e oltre 80 specie (compresi i Pimelodus), il che la rende così la seconda più grande famiglia e una tra le più diversificate tra quelle dei pesci gatto. Tuttavia la maggior parte degli esperti concordano sul fatto che è necessaria una completa revisione sistematica della famiglia, in quanto ci sono poche informazioni sulle relazioni filogenetiche (parentele evolutive) tra i vari generi. Anche le informazioni tassonomiche a livello di specie sono molto scarne. È quindi probabile che almeno alcuni dei Pimelodidi in futuro saranno riclassificati.

  • Specie predatrice piscivora
  • Specie non riprodotta in cattività, gli esemplari in commercio provengono quasi totalmente dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o di allevamento.
Distribuzione
South America: bacini del Rio delle Amazzoni e dell'Orinoco
NOT EVALUATED
Habitat

Ambiente: bentopelagico acqua dolce; clima tropicale.
Pimelodus pictus tende ad essere trovato in acque correnti poco profonde, con substrati sabbiosi o fangosi, sia nel corso principale dei fiumi che nei loro affluenti.

Temperatura in natura
22 - 25°C
Valore pH in natura
6.0 - 8.0
Valori acqua in natura
dH range: 5 - 19
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 120x50x50h cm, è una specie molto attiva che va allevata in gruppo di minimo 6 esemplari.
Pimelodus pictus sta al meglio in un ambiente poco illuminato con abbondante spazio per il nuoto, e qualche riparo e nascondiglio per garantirgli sicurezza. In un acquario ben illuminato non lo vedrete muoversi molto, se non forse al momento del pasto. In condizioni di luce smorzata invece andrà in giro per l'acquario nuotando in crociera per la maggior parte delle ore del giorno, una volta che si è ambientato. Come la maggior parte dei pesci gatto, è preferibile un substrato di sabbia fine.
L'aggiunta di alcune radici, legni e rami e forse qualche pietra arrotondata e liscia contribuirebbe a simulare il tipo di ambiente fluviale dove la specie abita in natura. Le piante possono essere utilizzati, se si vuole, ma vanno scelte specie robuste, come Anubias o felce di Giava, perché non hanno esigenze di illuminazione particolari. Possono anche essere coltivate legate agli arredi, il che contribuirà a massimizzare la quantità di spazio disponibile. La filtrazione dovrebbe essere forte ed efficiente, preferibilmente con una buona quantità di corrente nell'acqua.
E' essenziale un rigido regime di manutenzione, in quanto come tutti gli altri "pim" è sensibile deterioramento delle condizioni dell'acqua, spesso perdendo i barbigli. Cambi d'acqua parziali settimanali dovrebbero essere considerati un obbligo.

Comportamento e compatibilità: Pimelodus pictus è abbastanza tranquillo, ma tenere a mente che è una specie predatrice. Purtroppo spesso viene venduto come un abitante di fondo per acquari di comunità con pesci più piccoli, situazione che deve aver portato alla morte di innumerevoli neon, guppy, platy e specie di dimensioni simili. In realtà è adatto solo a grandi acquari i cui abitanti siano abbastanza grandi da non essere ingeriti. Può anche disturbare compagni di vasca che si muovono e più lentamente (come molti Ciclidi) con i suoi alti livelli di attività e i lunghi barbigli, soprattutto di notte o durante il momento del pasto. I migliori compagni di vasca sono quindi specie attive e robuste, come pesci arcobaleno, caracidi medio-grandi, ciprinidi e grandi pesci gatto come Loricaridi o Doradidi.

Anche se sopravviveranno anche se allevati come singolo esemplare, in realtà i Pimelodus pictus sono per natura una specie da branco, per cui usciranno molto più allo scoperto e saranno molto più attivi quando allevati in gruppo di sei o più esemplari. Se tenuto da solo tende a rimanere nascosto durante le ore diurne, per emergere solo dopo lo spegnimento delle luci.

Alimentazione

Molto facile da sfamare. In natura Pimelodus pictus preda prevalentemente invertebrati acquatici, ma in acquario accetterà avidamente qualsiasi cosa gli venga offerta. Cibo vivo e/o congelato, come chironomus, tubifex o piccoli lombrichi sono apprezzati con particolare gusto, ma accetteranno anche mangime secco affondante.
Fare attenzione a non sovralimentarli, in quanto è una di quelle specie che abitualmente si ingozzano fino a quando non possono letteralmente mangiare oltre, finendo con lo stomaco dilatato enormemente. Da adulti hanno bisogno di essere nutriti solo ogni pochi giorni.
La risposta alla fornitura di cibo in acquario di un gruppo di questi pesci è molto vivace e frenetica: quando sentono l'odore del cibo in acqua, iniziano a delirare. Fino a che non si sono abituati ad un nuovo acquario però potrebbe essere necessario aggiungere il cibo durante la notte per farglielo mangiare, essendo riluttanti ad uscire allo scoperto.

Riproduzione

Non sembra che i Pimelodus pictus siano mai stati riprodotti in acquario.

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
I 10 peggiori pesci da comunità di tutti i tempi biggia Dom, 05/22/2011 - 20:00

Riassunto/commento dell'articolo di Practical FishKeeping The 10 worst community fish of all time in cui si propone un elenco di pesci considerati e comprati abitualmente come per l'acquario di comunità e che invece sarebbe molto meglio per loro ma anche per noi, per trarre maggiori soddisfazioni dall'hobby acquariofilo, allevare in una vasca dedicata e pensata per loro.

Come scegliere
Pimelodus pictus © Hristo Hristov biggia Sab, 03/17/2018 - 21:57

I Pimelodus pictus sono una bella e insolita specie, non adatta ai comuni acquari di comunità - Foto © Hristo Hristov

Photogallery
Iscriviti a Pimelodus pictus
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette