Salta al contenuto principale

Pethia conchonius

(Hamilton, 1822)

Considerato uno dei piccoli ciprinidi più resistenti disponibili in acquariofilia, Pethia conchonius è una scelta eccellente per chi è da poco che ha deciso di allestire un acquario; ne sono in commercio molte forme ornamentali ottenute tramite incroci selettivi.

Image
Descrizione

Rosy barb, Pethia conchonius (ex Puntius conchonius) - Foto © Reinhardt (Arkive.org)

Image
Descrizione

Maschio adulto di Pethia conchonius (ex Puntius conchonius) nella forma ornamentale 'neon' - Foto © Unimati.dk (Seriouslyfish.com)

Nome comune
Rosy barb, Barbo rosa
Sinonimi
Cyprinus conchonius; Barbus conchonius; Puntius conchonius; Systomus pyropterus; Puntius conchonius khagariansis
Aspettativa di vita
4 - 5 anni
Dimensioni massime in natura

8-10 cm secondo Seriouslyfish, 14 cm TL secondo Fishbase

Generalmente è considerato uno dei piccoli ciprinidi più resistenti disponibili in acquariofilia, Pethia conchonius è una scelta eccellente per chi è da poco che ha deciso di allestire un acquario. L'allevamento selettivo ha prodotto vari ceppi ornamentali, come forme con pinne a velo, pinne lunghe, super-red, neon, gold. E' anche stato ibridato con alcuni congeneri, anche se sembra che la prole di questi esperimenti sia sterile.

In passato era incluso nel gruppo di Puntius conchonius di specie strettamente correlate, a fianco di un'altra 20ina di specie di Puntius, che sono state spostate tutte nel nuovo genere Pethia da Pethiyagoda et al. (2012).

Le specie di Pethia sono diagnosticate grazie alla seguente combinazione di caratteri: barbi rostrali assenti; barbi mascellari minuti o assenti; possesso di un ultimo raggio ramificato della pinna dorsale rigido, seghettato; presenza di una macchia nera sul peduncolo caudale, e spesso macchie nere o barre sui fianchi del corpo; terzo infraorbitario profondo e parzialmente sovrapposto al preopercolo.

Reusable image
Image
Descrizione

Rosy barb, Pethia conchonius (Puntius conchonius) varietà Long fin, pinne a velo - Foto © Hristo Hristov

Distribuzione
Asia: Afghanistan, Pakistan, India, Nepal e Bangladesh. Registrato anche in Myanmar. Introdotto in moltissime parti del mondo e attualmente molto popolare tra gli acquariofili.
Habitat

Ambiete: acqua dolce, bentopelagico, clima sub-tropicale
Si trova in numerosi tipi di habitat, dai corsi d'acqua di collina agli affluenti dei grandi fiumi, alle acque più calme e stagnati di laghi, stagni e paludi.

Temperatura in natura
16° - 22°C
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 90 cm di lunghezza per un gruppo di 8-10 esemplari
La scelta degli arredi non è particolarmente critica, anche se tende a mostrare meglio la sua colorazione in un acquario fittamente piantumato, con un substrato scuro. L'aggiunta di radici o legni e di alcune piante galleggianti per schermare la luce sembra anche essere apprezzata, oltre ad aggiungere una sensazione più naturale. La filtrazione non ha bisogno di essere particolarmente forte, date le sue preferenze per habitat naturali con acque calme.

Comportamento e compatibilità: Questa specie è generalmente pacifica, ed è un abitante ideale degli acquari di comunità ben studiati. Non ha particolari esigenze in termini di chimica dell'acqua, per cui può essere combinato con molti dei pesci più popolari in commercio, compresi altri piccoli ciprinidi e tetra, livebearer, pesci arcobaleno, alcuni anabantoidei, corydoras e Botia. E' una specie di branco per natura e, idealmente, deve essere allevato in un gruppo di almeno 8-10 esemplari. Allevarli in numeri decenti non solo renderà i pesci meno nervosi, ma si tradurrà in una più efficace esposizione del loro aspetto naturale, inoltre i maschi mostreranno i loro migliori colori quando si troveranno a competere l'uno con l'altro per l'attenzione delle femmine.

Alimentazione

Alcuni studi hanno dimostrato che è un onnivoro generalizzato, nutrendosi in natura di vermi, insetti e altri piccoli invertebrati, oltre che materiale vegetale e detriti organici. In acquario si può alimentare facilmente, accettando di buon grado e immediatamente i mangimi secchi commerciali, ma mostrerà condizioni e colorazione migliori se verranno offerti pasti regolari di piccolo cibo vivo e/o congelato, come chironomus, Daphnia, Artemia, insieme a mangime secco in fiocchi e granuli di buona qualità, almeno alcuni dei quali dovrebbero contenere alghe o a base vegetale.

Dimorfismo sessuale

I maschi adulti sono notevolmente più piccoli, più snelli e più colorati delle femmine, soprattutto durante la stagione riproduttiva, quando sviluppano anche tubercoli sulla testa e sul muso. Alcuni ceppi ornamentali conservano la colorazione brillante in ogni momento.

Pethia conchonius, coppia adulta © Nilanjan Mukherjee
Una coppia di Pethia conchonius (ex Puntius conchonius) adulti (il maschio davanti) provenienti dal lago Mirik a circa 1490 msl nello stato del Bengala Occidentale, in India - Foto © Nilanjan Mukherjee (Seriouslyfish.com)
Riproduzione

Come la maggior parte dei piccoli ciprinidi, anche le specie del genere Pethia si riproducono disperdendo le uova in acqua e senza praticare alcuna cura parentale.

Quando sono in buone condizioni si riproducono spesso, e in un acquario maturo è possibile che un piccolo numero di avannotti possano iniziare a comparire senza alcun intervento. Se si vuole massimizzare invece il rendimento, è necessario un approccio più controllato. Il gruppo degli adulti può essere sempre condizionato insieme, ma dovrebbe essere allestito un piccolo acquario da riproduzione, riempito con acqua matura. Dovrebbe essere molto poco illuminato e avere la base ricoperta da una sorta di rete con le maglie abbastanza grandi perchè le uova ci passino attraverso, ma abbastanza piccole da non permettere che gli adulti possano raggiungerle. Può essere utilizzata anche una stuoia di plastica tipo 'erba' che funziona altrettanto bene, così come uno strato di biglie di vetro. In alternativa si può riempire buona parte dell'acquario con piante a foglie fini come Taxiphyllum sp. o mop per la deposizione delle uova. L'acqua dovrebbe essere da leggermente acida a neutra, con una temperatura sui 23-24°C, e dovrebbe essere utilizzato un filtro a spugna o a pietra porosa (s) per fornire movimento dell'acqua.
Quando gli adulti sono in buone condizioni e le femmine appaiono gravide, una o due coppie possono quindi essere introdotte in questo acquario, dove la deposizione delle uova dovrebbe avvenire la mattina seguente.
Un'alternativa è quella di far riprodurre i pesci in gruppo, con una mezza dozzina di esemplari di ciascun sesso sia un buon numero, anche se sarà necessario un acquario più grande.

In entrambi i casi gli adulti probabilmente si mangeranno le uova se ne viene data loro la possibilità, per cui devono essere rimossi al più presto non appena si notano le uova. Queste dovrebbero schiudere in 24 - 48 ore, e gli avannotti raggiungere il nuoto libero circa 24 ore più tardi. Dovrebbero essere offerti alimenti molto piccoli, tipo infusori, per i primi giorni, fino a quando non diventano abbastanza grandi da accettare microworm, naupli d'artemia, o simili.

Specie appartenenti al Genere

Rosy barb, Barbo rosa

Considerato uno dei piccoli ciprinidi più resistenti disponibili in acquariofilia, Pethia conchonius è una scelta eccellente per chi è da poco che ha deciso di allestire un acquario; ne sono in commercio molte forme ornamentali ottenute tramite incroci selettivi.

Aspettativa di vita: 4 - 5 anni
Dimensioni max: 8-10 cm secondo Seriouslyfish, 14 cm TL secondo Fishbase
Temperatura: 16° - 22°C
Golden Dwarf Barb, Barbo dorato

Piccoli pesci timidi e pacifici, non adatti ai comuni acquari di comunità proprio per le loro ridotte dimensioni e il carattere schivo.

Aspettativa di vita: 2 - 5 anni
Dimensioni max: 5.1 cm TL
Temperatura: 18 - 22°C
Black ruby barb, Barbo rubino

Una specie dell'ex genere Barbus dalla livrea nuziale inconfondibile e bellissima, robusta e poco esigente, adatta agli acquari di comunità ben pensati.

Aspettativa di vita: 4 - 6 anni
Dimensioni max: 6.0 cm TL
Temperatura: 22 - 26°C
Odessa barb

Un piccolo barbus dalla livrea stupefacente, talmente definita nella colorazione che quando apparve in commercio si pensava fosse colorato artificialmente...

Dimensioni max: 4.6 cm SL
Temperatura: 16 - 25°C
Dimensioni max: 57 cm TL
Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Pethia conchonius
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette