Salta al contenuto principale

L'orgoglio del fiume Purus: un reddito iridescente dai pesci ornamentali (A.Cooper)

Il progetto Piagaçu Purus dimostra come sia possibile avere una raccolta sostenibile dei pesci in natura, nel concetto di 'commercio equo e solidale': le popolazioni locali lavorano con esperti esterni per sviluppare metodi sostenibili di pesca e sviluppare rapporti di "commercio equo" con gli acquirenti, ricavando un reddito aggiuntivo. Se i pesci danno reddito, sarà più facile che il loro ambiente venga preservato.

Traduzione dell'articolo:
"The Pride of the Purus River: An Iridescent Income from Ornamental Fish"
di Annie Cooper, Wildlife Conservation Society - Brasile
sul sito di National Geographic.

Pesci alla luce della luna

Sono passate diverse ore dopo il sorgere della luna e sono sulle rive del Lago Ayapuá, nella profonda Amazzonia brasiliana. Indossando ancora il suo cappello di paglia, Mario Pereira de Sousa scivola nel terzo e ultimo recinto di pesca, mentre fluttua dolcemente sulla superficie del lago. È pieno di pesci prigionieri che si muovono lentamente. Fino al mento nell'acqua calda e scura, Mario passa dolcemente una rete di nylon sotto di loro prima di passarne i bordi ad altri pescatori del villaggio. Insieme hanno costruito i tre recinti che punteggiano questo lago nella remota foresta pluviale e ora, i piedi nudi bilanciati sui bordi in legno del recinto, lentamente tirano su la rete. Presto l'acqua è tutta un glitter, con lampi blu, gialli e verdi mano a mano che il bottino viene portato delicatamente in superficie. Il recinto è pieno di discus, così chiamati per la loro forma appiattita, ma ora pronti a lasciare le comunità remote di Uixi, Pinheiros ed Evaristo, a circa 280 km a sud ovest di Manaus, in una traiettoria economica di speranza e di sostenibilità.

L'Autrice (a sinistra) con Felipe e un pescatore della Comunità in un recinto galleggiante - Felipe Rossoni
L'Autrice (a sinistra) con Felipe e un pescatore della Comunità in un recinto galleggiante - Felipe Rossoni

Agitandosi e scintillando in superficie, i discus delle dimensioni di un CD mostrano colori, strisce e barre, uno splendore che li fa ricercare dagli acquariofili di tutto il mondo.

Ancora ondeggianti sui bordi del recinto galleggiante, gli otto abitanti del villaggio formano una linea di produzione, passandoli dalla rete alla scatola e finendo con i pesci in attesa e pronti per il viaggio di due giorni verso Manaus, capitale dello stato. Uno dei mandriani dei discus è Assis Guerreiro Brito. Nato a Uixi, a 39 anni è vicepresidente della sua Associazione Comunitaria e parte di un progetto per gestire i discus in modo sostenibile. Pescare il cibo è sempre stato parte della sua giornata, ma ora è anche la pesca per i discus.

Pescatore con un Discus - Felipe Rossoni
Pescatore con un Discus - Felipe Rossoni

Assis mi dice con un sorriso, che i bellissimi pesci nei recinti certamente non arrivano lì da soli. Le cose cominciano con degli arbusti. Assis e altri abitanti del villaggio tagliano i rami dei cespugli di araça lungo la riva del lago e poi li spingono nel fango del fondo del lago per creare delle fitte macchie ombrose. Queste attraggono i discus, che i pescatori scoprono o direttamente immergendosi o rimanendo nella barca, mettendo una mano sui rami di araça e sentendo le vibrazioni causate dai corpi dei pesci mentre nuotano dentro e fuori dai rami. I Discus normalmente ci mettono 2-3 giorni a colonizzare un boschetto di araça, dice Assis. Poi il cespuglio viene circondato dalle reti e, una volta sicuri che l'area sia libera da razze e anguille elettriche, la rete viene stretta e i pesci portati delicatamente nei recinti.

"Non è difficile", dice Assis. "I pesci vivono vicino a noi. Ci vogliono un paio di giorni per costruire questi recinti per i pesci, e un paio in più per lavorare con i rami di araça - usiamo l'araça perché i pesci stanno bene e sicuri tra i rami. In tre giorni di pesca abbiamo preso circa un migliaio di pesci, anche se ne abbiamo rilasciato molti perché non di grande qualità". A differenza della maggior parte delle operazioni sui pesci ornamentali, la raccolta gestita ha un nuovo obiettivo, la selezione dei pesci di migliore qualità.

Rami tagliati dai cespugli di Araça attraggono i Discus - Felipe Rossoni
Rami tagliati dai cespugli di Araça attraggono i Discus - Felipe Rossoni

Per le più di settanta famiglie delle tre comunità, i pesci commestibili come i tucunaré rappresentano la principale fonte di reddito. Ma ottengono solo 45-90 centesimi al chilo e un pesce medio pesa intorno ai 3-4 kg. Al contrario, ogni discus gestito in modo sostenibile rende tra i 4.50 e i 23 dollari, a seconda dei colori e del disegno. I pescatori hanno deciso di condividere in modo uguale il lavoro e i ricavi del progetto discus. Non sostituirà mai il reddito principale delle comunità, ma fornisce un'aggiunta molto gradita. Come con qualsiasi reddito in denaro nelle comunità, una parte dei profitti va all'Associazione Comunitaria. La moglie di Assis, Ana Souza Viana, mi prepara un delizioso pasto di uova fresche, riso e fagioli e mi assicura che i pagamenti al fondo dell'Associazione Comunitaria sono essenziali: "ci aiuta nelle emergenze, come raggiungere un ospedale, e compra cose a beneficio di tutto il villaggio, come il nostro generatore elettrico".

Il villaggio Uixi e i pescatori - Felipe Rossoni
Il villaggio Uixi e i pescatori - Felipe Rossoni

La Riserva di Sviluppo Sostenibile di Piagaçu Purus

Arroccato sul bordo dell'acqua a pochi chilometri da un ampio canale che corre a sud-ovest del grande e splendido Lago Ayapuá, Uixi fa parte della riserva per lo sviluppo sostenibile di Piagaçu Purus. Oltre a Uixi, Pinheiros e Evaristo, la riserva ha altre 52 altre piccole comunità, punteggiate su 834.245 ettari di várzea (foresta stagionamente inondata), foreste pluviali più alte e mai inondate e laghi, compreso l'Ayapuá. Un terzo delle dimensioni del Vermont, Piagaçu Purus è una riserva di sviluppo sostenibile dal 2003. Al suo interno, le comunità e i conservatori collaborano per equilibrare la conservazione della biodiversità con il conseguimento di mezzi di sostentamento sostenibili per le comunità tradizionali, con solo una quantità strettamente controllata di attività commerciale.

Invece di strade, l'arteria principale del trasporto è il fiume Purus, che origina nelle Ande peruviane e si snoda attraverso oltre 3.000 km di foresta pluviale prima di unirsi al Rio delle Amazzoni. Vivo a Manaus, che è a soli due giorni di viaggio da Uixi e Pinheiros, ma i pescatori non hanno modo di ottenere i loro pesci qui. Invece, fanno affidamento sui regatões, gli intermediari del Rio delle Amazzoni, per portare i loro prodotti sui mercati, siano essi arachidi, bacche di açai, pesci, legno o carne di caimano (illegale). In un modello di commercio che ripete lo sfruttamento del boom della gomma di un secolo fa, i regatões vendono le merci ad un prezzo tre volte superiore a Manaus e pagano una frazione del valore dei prodotti alla gente locale. Ma questi trasportatori fluviali forniscono anche un mezzo essenziale di comunicazione in questo complesso mondo acquatico e sono spesso l'unico trasporto di emergenza agli ospedali.

Canoa in legno fatta a mano, la forma di trasporto più comune - Karl Didier
Canoa in legno fatta a mano, la forma di trasporto più comune - Karl Didier

La ricerca che taglia fuori i mediatori

Ma i discus sono diversi: a differenza di altre transazioni, non sono coinvolti intermediari. Invece, è una collaborazione tra il pescatore, un acquirente che acquista da loro direttamente a prezzi equi e l'Istituto Piagaçu (il nome dell'istituto e la riserva di Piagaçu Purus derivano dal linguaggio indigeno Tupi-Guarani, e significa "cuore immenso del Purus'). Questo istituto di ricerca è stato istituito per comprendere la biodiversità della riserva e fornire le prove scientifiche necessarie per una gestione sostenibile, inclusi i pesci e la pesca, la fauna e la caccia, l'agricoltura, e la conservazione delle tartarughe. È finanziato dalla Fondazione Moore attraverso una partnership con la Wildlife Conservation Society - Brasile, dove lavoro. Il ricercatore responsabile del progetto discus è Felipe Rossoni, che si è unito all'Istituto Piagaçu nel 2005 e mi ha invitato a partecipare alla spedizione al Lago Ayapuá.

Scarico forniture al Piagacu Institute Floating Research Base - Annie Cooper
Scarico forniture al Piagacu Institute Floating Research Base - Annie Cooper

"In un primo momento ci siamo incontrati con sospetti e minacce, dato che la loro esperienza era che gli estranei avrebbero sfruttato loro e le loro risorse", mi dice Felipe. "Così ho vissuto nella riserva per un po', per costruire la fiducia di cui abbiamo bisogno per lavorare con la gente locale. La nostra ricerca non è solo sulla sostenibilità ambientale, ha bisogno di fondamenta sociali, quindi è sempre sviluppata in collaborazione con le popolazioni locali".

Quattro anni dopo l'inizio del suo lavoro, Felipe ha ottenuto una laurea magistrale sull'ecologia dei pesci e la storia della pesca nella Riserva di Piagaçu Purus, e lui e i pescatori hanno iniziato a sviluppare le proprie idee su come i discus potessero essere gestiti in modo sostenibile. "Insieme abbiamo identificato i discus come una specie con potenziale - gli abitanti del villaggio li avevano venduti in passato, ma non avevano modo di conoscere il loro vero valore. Acquirenti senza scrupoli avevano pagato 60 centesimi per pesce o anche meno per dei discus che valevano venti volte di più. E non avevano alcun interesse a un partenariato a lungo termine - mettersi in contatto con gli abitanti del villaggio una volta che l'affare era stato fatto".

Raccolta delle reti – Felipe Rossoni
Raccolta delle reti – Felipe Rossoni

Insieme, i pescatori locali e Felipe hanno iniziato un progetto di pesca sperimentale, testando i modi migliori per gestire e trasportare i discus. La loro ricerca includeva anche la verifica della ricrescita del cespuglio di araça, dopo che ne erano stati tagliati i rami per attirare i discus. Il loro rapporto è diventato così buono che uno dei pescatori più anziani regalò a Felipe il suo arpione, proprio quello che aveva usato in passato per uccidere decine di manatees.

Il probema di Felipe era di trovare un acquirente che pagasse un prezzo equo per le tre catture gestite previste nell'ambito del progetto: "Nessuno era interessato a pagare un prezzo che riconoscesse la qualità dei pesci selezionati. Semplicemente volevano pagare un prezzo basso e indifferenziato per i pesci, e buttavano via quelli troppo giovani o di bassa qualità".

Il gruppo di pescatori - Felipe Rossoni
Il gruppo di pescatori - Felipe Rossoni

Poi, grazie a un contatto con IBAMA (l'agenzia brasiliana per l'ambiente), Felipe è stato messo in contatto con Hudson Crizanto, un uomo d'affari di Fortaleza, città sulla costa nordorientale del Brasile. Lui sapeva che i suoi clienti volevano pesci che avessero origine sostenibile e avessero costituito un guadagno equo per i pescatori. L'azienda di Hudson, H&K Ornamental Fish, ha acquistato la prima cattura. Per la seconda cattura Hudson è venuto a Uixi con Felipe e me, ha incontrato i pescatori, e abbiamo osservato insieme il loro lavoro sui recinti fluttuanti.

Assis pilota la barca con Felipe Rossoni (a destra) e un assistente tecnico - Annie Cooper
Assis pilota la barca con Felipe Rossoni (a destra) e un assistente tecnico - Annie Cooper

Pesca con una tripla linea di fondo: ritorno sociale, ambientale ed economico

Il giorno dopo che i pesci vengono raccolti dai recinti, Hudson classifica ogni singolo pesce per qualità, mentre Felipe prende appunti per valutare quanto i pescatori riceveranno. Assis ei suoi colleghi guardano attentamente il processo. Poi Hudson convoca una riunione e si è convenuto che per un totale di 271 pesci, ogni pescatore riceverà 363 dollari, un  benvenuto e una sostanziale aggiunta. Hudson spiega come i pescatori possono aumentare i loro ritorni (e il suo) dalla loro prossima vendita tra sei mesi, scegliendo i pesci migliori e migliorando la loro gestione e organizzazione. Ciò garantirà che tutti i pesci sopravvivano al viaggio in barca verso Manaus e al volo verso i suoi acquari di Fortaleza. È un ulteriore incentivo a continuare la loro collaborazione con il lavoro di conservazione dell'Istituto Piagaçu.

Hudson Crizanto al computer spiega i passi successivi - Annie Cooper
Hudson Crizanto al computer spiega i passi successivi - Annie Cooper

"Oggi vi pagherò per i pesci che sono morti la notte, e un po' per i pesci che abbiamo lasciato ieri che non erano di qualità commerciale", dice Hudson ai pescatori. "Lo farò perché so che potete imparare da questo e migliorare: la prossima volta la vostra cattura sarà migliore e vi pagherò solo per i pesci che riceverò. Dovete essere meglio organizzati, valorizzare il vostro prodotto e sfruttare tutti i processi che possono essere sotto il vostro controllo, incluso il ruolo di controllo di Felipe. So che avete venduto discus per meno di un dollaro in passato, ma sono interessato a una partnership commerciale, non allo sfruttamento. Questa è la mia filosofia e la filosofia dei miei clienti".

Hudson mostra ai pescatori le foto dei suoi acquari con pompe, filtri e trattamenti specialistici e un video delle prime catture di discus dopo la loro quarantena: oro splendente e verde, pronti per la vendita in Giappone, Singapore e nei paesi in tutta Europa e Nord America. Vende i pesci per una media di 75 dollari ai grossisti, anche se il prezzo finale per i discus più spettacolari può avvicinarsi ai 1.000 dollari. I livelli di investimento che meritano i loro pesci fanno una forte impressione su tutti i pescatori.

Gli acquari di Hudson Crizanto
Gli acquari di Hudson Crizanto

Ho chiesto ad Assis quello che pensava all'incontro, ed è un qualcosa che apre gli occhi: "È bene lavorare con Hudson e Felipe, perché per ogni cosa che facciamo stiamo imparando di più sui pesci. Abbiamo venduto altri pesci ai prezzi più economici possibili; questa volta la differenza è che il prezzo è migliore. La riunione è stata grande: è chiaro che dobbiamo migliorare e imparare in modo da non fare più errori. È stato bello vedere le foto e il video, specialmente vedere i pesci da qui agli acquari di Hudson".

Reusable image
Image
Descrizione

Progetto Purus, Discus in acquario - Foto © Hudson Crizanto

Da Uixi i pesci iniziano il viaggio che li porterà in tutto il mondo. Felipe sta lavorando per estendere il progetto pilota agli altri laghi e comunità della Riserva di Piagaçu Purus. Con l'Amazonas State Centre for Conservation Units, sta aiutando altre riserve a imparare da questa esperienza. E Hudson si sta dedicando con entusiasmo ad una nuova forma di certificazione da istituire per riconoscere l'impatto sociale, economico e ambientale combinato di un modello di impresa sociale che paga un prezzo giusto direttamente ai pescatori locali con la garanzia di una collaborazione con un istituto di conservazione.

Mi sono chiesta cosa pensasse Assis delle migliaia di chilometri che faranno i pesci di Ayapuá e lui è visibilmente orgoglioso della sua comunità e delle risorse che gestiscono. Mi racconta: "È importante che la comunità sappia che abbiamo pesci di tale qualità nella nostra zona, che andranno da qui a Fortaleza, e da lì a chi sa dove nel mondo".

Questi pesci non generano solo un reddito per Uixi, Pinheiros e Evaristo. I pesci, e il loro splendore arcobaleno, sono diventati una fonte di vero orgoglio per i pescatori di discus sostenibili del Purus.

Annie Cooper

Annie Cooper è il coordinatore socioeconomico della Wildlife Conservation Society in Brasile. Ha lavorato alla ricerca e ai programmi per le organizzazioni delle comunità rurali in Brasile, Regno Unito, Medio Oriente e America Centrale.

Annie e Felipe ringraziano:

L'Istituto Piagaçu e il Wildlife Conservation Society Brasile sono finanziati dalla Fondazione Gordon e Betty Moore. Il Consiglio nazionale brasiliano per lo sviluppo scientifico e tecnologico (CNPq) ha fornito una sovvenzione per il master di Felipe. Il progetto riceve attualmente finanziamenti dall'Istituto Mamirauá Sustainable Development Institute (IDSM) e viene sostenuto dall'Amazonas State Centre for Conservation Units (CEUC).

Discus in profondità

Ci sono tre specie di discus, tutte nel genere Symphysodon. Tutti si trovano solo nel bacino amazzonico: quello nella storia è il green discus (Symphysodon aequifasciatus), che si trova solo nel fiume Solimões e nei suoi affluenti. Gli altri due sono Heckel’s Discus (Symphysodon discus), che si trova nel Rio Negro inferiore e nel fiume Trombetas e uno (chiamato Symphysodon tarzoo o Symphysodon haraldi) nei corsi d'acqua nel Rio Negro centrale.

I Discus possono crescere fino a 15 cm e, in cattività, possono vivere per oltre 30 anni. Possono cominciare a riprodursi all'età di 12-15 mesi anni e formano una coppia affiatata per curare i loro piccoli. Fanno a turno per custodire le uova e poi, una volta che queste si schiudono, i genitori fanno qualcosa di notevole - producono un muco nutritivo dai loro corpi su cui gli avannotti si nutrono fino a quando non sono abbastanza grandi da nuotare e difendersi da soli. I Discus sono uno dei pochi pesci a farlo.

I Discus sono stati descritti scientificamente nel 1840. Non sono entrati nel commercio acquariofilo fino agli anni '30, soprattutto perché sono molto impegnativi in ​​termini di qualità dell'acqua. Gli acquariofili tropicali amano i discus: possono avere una varietà di disegni della livrea spettacolari. Alcuni di questi sono stati espressamente riprodotti in cattività, altri si trovano in natura. I discus sono così variabili per due ragioni: perché i pesci in ogni fiume e e corso d'acqua hanno pochissimi contatti, il che permette l'evoluzione di variazioni locali, e anche perché, siccome le barre e le strisce agiscono come mimetismo, se gli individui in un fiume hanno un aspetto diverso, questo rende più difficile per i predatori formarsi una 'immagine della preda' di come può essere un discus.

Adrian Barnett

Specie appartenenti al Genere

Discus

Tra i pochissimi pesci le cui esigenze non sono sottovalutate, ma anzi ben conosciute e difese a spada tratta da ogni acquariofilo: persino i negozianti sanno che diventano grandi e che sono molto delicati se non tenuti nelle condizioni adatte :)

Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni max: 13.7 cm SL
Temperatura: 26 - 30°C
Discus

Molto simile al cugino Symphysodon aequifasciatus, è tra i pochissimi pesci le cui esigenze non sono sottovalutate, ma anzi ben conosciute: persino i negozianti sanno che diventano grandi e che sono molto delicati se non tenuti nelle condizioni adatte :)

Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Dimensioni max: 12.3 cm SL
Temperatura: 26 - 30°C

Già descritta in passato ma riconvalidata solo nel 2006, questa specie di discus ha esigenze molto simili alle altre due specie di Symphysodon già conosciute

Dimensioni max: 13.2 cm SL
Riferimenti & Link

Ulteriori informazioni (in portoghese):

  • Felipe Rossoni Cardoso, 2008. Ecologia da pesca e biologia reprodutiva do acará-disco (Symphysodon aequifasciatus, Pellegrin 1904) (Perciformes: Cichlidae) na RDS Piagaçu-Purus, Amazônia Central: subsídios para o manejo sustentável de um recurso natural. UFAM / INPA.
  • http://tede.inpa.gov.br/tde_busca/arquivo.php?codArquivo=430
  • Plano de Gestão da Reserva de Desenvolvimento Sustentável Piagaçu-Purus. 2010
  • http://piagacu.org.br/wp-content/uploads/2011/06/Plano-de-Gest%C3%A3o-RDS-PP-2010_vol.-I.pdf

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette