Salta al contenuto principale

Nematobrycon palmeri

Eigenmann, 1911

Questa specie si trova nella maggior parte dei negozi ed è una delle migliori scelte per i neo acquariofili, in quanto sono attraenti, resistenti e poco costosi. Sono generalmente d'allevamento, per cui tendono ad essere abbastanza poco esigenti per quanto riguarda la chimica dell'acqua e la dieta.

Image
Descrizione

Nematobrycon palmeri, Emperor tetra - Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)

Nome comune
Emperor tetra
Sinonimi
Nematobrycon amphiloxus
Aspettativa di vita
8 anni
Dimensioni massime in natura

4.2 cm SL

Questa specie si trova nella maggior parte dei negozi ed è una delle migliori scelte per i "nuovi" acquariofili, in quanto sono attraenti, resistenti e poco costosi. Come molti dei pesci in commercio sono stati allevati in cattività, per cui tendono ad essere abbastanza poco esigenti per quanto riguarda la chimica dell'acqua e la dieta.

Quello che più mi ha colpito da "novizia" quando li ho visti per la prima volta è lo scoprire che il sesso degli appartenenti a questa specie si evince facilmente... guardandone il colore degli occhi! I maschi infatti hanno dei bellissimi occhi azzurri, mentre le femmine li hanno di un bel verde :)))

I Nemato sono pesciolini abbastanza tranquilli, ma come quasi tutti i caracidi hanno un certo "caratterino", che può trasformare alcuni esemplari in veri "bastard inside" :-)
I maschi infatti hanno molto spesso un temperamento molto forte ed aggressivo, che li porta a rompersi le scatole tra loro ed agli altri compagni di vasca, in particolare se la vasca non è abbastanza grande da permettere la formazione dei territori di tutti. Possono portare un notevole scompiglio, e talvolta non si possono far convivere tra loro i maschi, ma bisogna ripiegare su un branco formato da un solo maschietto con molte femmine (molto più tranquille).

A volte viene confuso con Nematobrycon lacortei, che è attualmente l'unica altra specie del genere. Possono essere facilmente distinguibili, osservando gli occhi dei pesci, in quanto i maschi di Nematobrycon lacortei hanno l'iride di un brillante rosso, in contrasto con l'iride blu dei maschi di Nematobrycon palmeri.

Viene spesso erroneamente identificato come Nematobrycon palmeri anche il ‘blue/purple emperor tetra’, Inpaichthys kerri. Questa specie non è solo in un genere diversa (monotipico), ma raggiunge dimensioni notevolmente inferiori e non sviluppa estensioni delle pinne. Inpaichthys kerri possiede anche una pinna adiposa, che è assente in Nematobrycon.

Negli ultimi anni ci sono stati alcuni dibattiti sull'esistenza di una terza specie di Nematobrycon, Nematobrycon "amphiloxus", che possiede una proporzione di gran lunga maggiore di colore scuro sul corpo e di solito è venduto come ‘black emperor tetra’. Attualmente però dalla maggior parte degli esperti non è considerata una specie a sé stante ma solo una forma di colore di Nematobrycon palmeri.

  • Specie che deve vivere in gruppo
  • Specie che viene regolarmente riprodotta in cattività, tuttavia si possono trovare in commercio esemplari provenienti dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o d'allevamento.
Reusable image
Image
Descrizione

Nematobrycon palmeri, Emperor tetra- Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)

Distribuzione

Sudamerica: Bacini dei fiumi Atrato e San Juan

Habitat

Ambiente: pelagico; acqua dolce; Clima: tropicale
E' ubiquitario in tutta il suo range di distribuzione, nella sezione a più lento movimento dei fiumi, in affluenti minori e in acqua nera.
Pesci simpatrici in tutta la sua distribuzione includono Priapichthys nigroventralis, Priapichthys chocoensis, 'Cichlasoma' atromaculatum, Andinoacara latifrons, Andinoacara biseriatus, 'Geophagus' pellegrini, Lebiasina chocoensis, oltre a vari altri caracidi, gymnotidi e loricaridi.

Temperatura in natura
23 - 27°C
Valore pH in natura
5.0 - 8.0
Valori acqua in natura
dH: 5.0 - 19.0
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 60 cm di lunghezza per un gruppo di almeno 6-8 esemplari, hanno bisogno di nuotare e i maschi possono essere territoriali.
Un allestimento tipo biotopo è molto semplice da organizzare, basta usare un substrato di sabbia di fiume e di aggiungere un paio di rami o legni (se non si riesce a trovare legni della forma desiderata, il comune faggio è sicuro da usare se completamente essiccato e scortecciato) e radici contorte. L'aggiunta di qualche manciata di foglie secche (di nuovo faggio, quercia o foglie di mandorlo Ketapang) sottolinea ulteriormente la sensazione naturale e favorisce la crescita di utili colonie microbiche mano a mano che avviene la decomposizione. Sono molto utili sia perchè possono fornire una preziosa fonte di cibo secondario per eventuali avannotti, sia perchè la maggior parte dei pesci apprezzano i tannini e altre sostanze chimiche rilasciate dalle foglie in decomposizione. Le foglie possono essere lasciate nell'acquario fino a che non si sono decomposte completamente, o rimosse e sostituite ogni poche settimane. Si possono usare anche le pignette di ontano, non c'è alcun bisogno di utilizzare la torba naturale, la cui raccolta è sia insostenibile che ambientalmente distruttiva.

Comportamento e compatibilità: E' uno dei migliori tetra per gli acquari di comunità. E' vivace, pacifico e i suoi colori offrono un piacevole contrasto con quelli di molte altre specie. E' un buon compagno di vasca per gli ovovivipari più comunemente disponibili, danio, rasbore, altri tetra e pacifici abitanti del fondo quali Corydoras o i Loricaridi più piccoli. Può anche essere allevato con la maggior parte dei gourami comunemente disponibili e ciclidi nani. Ovviamente non va allevato con specie più grandi che possano vederlo come cibo. In un acquario sudamericano a tema come descritto sopra, può essere combinato con altri tetra pacifici, pesci matita, Apistogramma e altri ciclidi nani.
Acquistatene sempre un gruppo di almeno mezza dozzina di esemplari, preferibilmente 10 o più. E' per natura una specie da branco, e i pesci se la passeranno molto meglio quando in compagnia dei loro conspecifici. I maschi rivali sono territoriali tra loro in una certa misura, ma durante le loro battaglie non si procurano in genere nessun danno grave, a condizione che l'acquario sia sufficientemente grande e ben arredato.

Alimentazione

Probabilmente è un micropredatore, che si nutre in natura di piccoli insetti, vermi, crostacei e altro zooplancton. In acquario accetta mangime secco di dimensioni adeguate, ma non dovrebbe essere alimentato esclusivamente con questo. Offrire pasti giornalieri di piccolo cibo vivo e/o congelato come Daphnia, Artemia e simili comporterà una migliore colorazione e incoraggerà i pesci ad entrare nelle condizioni riproduttive.

Comportamento riproduttivo
Specie ovipara. Non si cura delle uova e degli avannotti.
Dimorfismo sessuale

I maschi sono più grandi, più colorati e sviluppano pinne dorsali, anale e caudale molto estese man mano che maturano. E' una delle poche specie di caracide in cui anche il raggio centrale della pinna caudale è allungato. Inoltre i maschi hanno l'iride blu, mentre quello delle femmine tende al verde.

Maschio di tetra imperatore, Nematobrycon palmeri - Foto © Hristo Hristov
Maschio di tetra imperatore, Nematobrycon palmeri - Foto © Hristo Hristov
Femmina di tetra imperatore, Nematobrycon palmeri - Foto © Hristo Hristov
Femmina di tetra imperatore, Nematobrycon palmeri - Foto © Hristo Hristov
Riproduzione

Non è una specie difficile da riprodurre. Avrete però bisogno di allestire un acquario separato in cui farlo, se volete aumentare il numero degli avannotti. Dovrebbe essere una vasca di almeno 45-50 cm di lunghezza, molto poco illuminata e che contenga ciuffi di piante a foglie fini come muschio di Giava o mop da riproduzione, che forniscano ai pesci un posto dove deporre le uova. In alternativa si può coprire la base della vasca con un qualche tipo di rete, con le maglie grandi abbastanza da far passare le uova, ma abbastanza piccole da far sì che gli adulti non possano raggiungerle. L'acqua deve essere tenera e acida nell'intervallo pH 6.0-7.0, gH 1-10, con una temperatura di circa 24-26°C. Un piccolo filtro in spugna ad aria molto delicato è tutto ciò che serve in termini di filtrazione.

Possono essere fatti riprodurre in gruppo, con una mezza dozzina di esemplari di ciascun sesso; in questo caso va previsto un acquario molto più grande, per dare ai maschi lo spazio necessario per stabilire i loro territori. Vanno condizionati con un sacco di piccolo cibo vivo e la deposizione delle uova non dovrebbe presentare troppi problemi. Gli adulti possono essere rimossi una volta che si notano le uova, o in un serbatoio molto fittamente piantumato possono essere lasciati in situ e sifonare via dalla vasca ogni avannotto appena si nota.
In alternativa, possono essere fatti riprodurre in coppia. In questo modo i pesci vanno condizionati con abbondante cibo vivo e/o congelato mantenendo maschi e femmine divisi, in acquari separati o attraverso l'uso di un divisore. Quando le femmine sono notevolmente gonfie, piene di uova, e i maschi mostrano i loro migliori colori, scegliere la femmina più grassottella e il maschio più colorato e trasferirli nell'acquario da deposizione in serata. Dovrebbero deporre le uova la mattina seguente. Vengono rilasciate solo alcune uova alla volta, quindi l'evento spesso può continuare per diverse ore. Se le uova non appaiono dopo un paio di giorni, rimuovete i due pesci e provate con un'altra coppia.

In entrambi i casi, in gruppo o in coppia, gli adulti mangiano le uova se ne viene data loro la possibilità, per cui devono essere rimossi non appena sono notate. Schiudono in 24-36 ore, e gli avannotti raggiungono il nuoto libero circa 3-4 giorni dopo. Devono essere alimentati con cibo tipo infusori per i primi giorni, fino a quando non sono grandi abbastanza per accettare microworm o naupli di artemia.

Specie appartenenti al Genere

Rainbow tetra

Specie difficile da trovare in commercio, viene a volte viene confusa con Nematobrycon palmeri, l'unica altra specie del genere. Possono essere facilmente distinguibili, osservandoli... negli occhi :)

Aspettativa di vita: 8 anni
Dimensioni max: 3.6 cm SL
Temperatura: 23 - 27°C
Emperor tetra

Questa specie si trova nella maggior parte dei negozi ed è una delle migliori scelte per i neo acquariofili, in quanto sono attraenti, resistenti e poco costosi. Sono generalmente d'allevamento, per cui tendono ad essere abbastanza poco esigenti per quanto riguarda la chimica dell'acqua e la dieta.

Aspettativa di vita: 8 anni
Dimensioni max: 4.2 cm SL
Temperatura: 23 - 27°C
Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Nematobrycon palmeri
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette