Salta al contenuto principale

Lista rossa IUCN e pesci d'acquario (Injaf)

Articolo di Injaf che spiega come fare ricerche per capire se le specie che stiamo per comprare siano o no minacciate di estinzione in natura, e per scegliere le proprie specie in modo sostenibile.

Traduzione dell'articolo:
"IUCN Red List and aquarium fish" di INJAF
sul sito di INJAF - It's Not Just A Fish.

Reusable image
Image
Descrizione

Il siluro con la linea rossa (Sahyadria denisonii, ex Puntius denisonii) è un esempio di popolare specie d'acquario minacciata nel suo ambiente naturale, sia dal degrado degli habitat che dal prelievo ai fini del commercio acquariofilo - Foto © Fishtanksandponds.co.uk (Injaf)

Come seguito del nostro articolo Wild Caught o Captive Bred?, questo articolo mira ad aiutare un potenziale acquirente a scegliere la propria specie in modo sostenibile, spiegando come controllare lo stato dei pesci d'acquario nella Lista Rossa IUCN. Purtroppo non è possibile dare delle garanzie al 100%, in quanto ci sono troppe variabili da considerare, ma speriamo che questo articolo vi dia alcune idee su come trovare informazioni e cosa cercare al momento di decidere il vostro acquisto.

L'articolo Wild Caught o Captive Bred? spiega come i pesci vengano o allevati in cattività o catturati in natura. Qual è il "meglio" dipende molto dalla specie in questione e dai metodi di produzione di quella specie per il commercio acquatico. Dipende anche dalla "posizione" personale dell'acquirente poiché ognuno di noi ha opinioni diverse sulle cose e queste opinioni sono solitamente influenzate da una serie di fattori. È ragionevole affermare che, a seconda di vari fattori, la discussione sulla scelta di pesci catturati in natura o allevati in cattività può essere fatta in entrambi i modi per una data situazione e/o specie.

C'è però un caso in cui pensiamo che i pesci allevati in cattività siano sicuramente la scelta vincitrice, ed è quando una specie è minacciata; in particolare se tale situazione è causata direttamente dalla pesca eccessiva per il commercio acquatico.

Come sappiamo se la specie è minacciata?

Una delle difficoltà fondamentali è sapere se un pesce è minacciato o meno. Fortunatamente, sia per il potenziale acquirente che per molte specie in via di estinzione in tutto il regno vegetale e animale, c'è un aiuto a portata di mano sotto forma di un'organizzazione chiamata International Union for Conservation of Nature (IUCN). Questa organizzazione globale aiuta a riunire vari tipi di organizzazioni per la conservazione, sia globali che locali, governative e indipendenti. Al momento in cui scrivo, la IUCN ha circa 1200 diverse organizzazioni membri. La IUCN coordina la ricerca scientifica e vari progetti, oltre a mirare a influenzare i poteri preposti alla conservazione delle risorse naturali e al mantenimento di popolazioni stabili e sostenibili di animali selvatici nei loro habitat naturali.

Nell'ambito della ricerca della IUCN, viene mantenuto un elenco di specie minacciate, noto come Lista Rossa IUCN, un progetto iniziato nel 1963. Questo elenco indica se una specie è minacciata di estinzione o se è già estinta, sulla base di ricerche e prove disponibili. Le categorie di minaccia di estinzione sono mostrate nell'elenco seguente:

  • Least concern: Minima preoccupazione - Non considerata a rischio di estinzione
  • Near threatened: Quasi minacciata - Probabilmente in pericolo di estinzione nel prossimo futuro
  • Vulnerable: Vulnerabile - Alto rischio di pericolo in natura
  • Endangered: In pericolo - Alto rischio di estinzione in natura
  • Critically endangered: In pericolo critico - Rischio estremamente elevato di estinzione in natura
  • Extinct in the wild: Estinto in natura - Conosciuta solo in cattività o in regioni al di fuori del suo areale storico
  • Extinct: Estinto - Nessun individuo conosciuto rimanente

Esistono anche due forme di indicatori di "stato" che indicano che una specie non è stata sufficientemente studiata:

  • Data deficient: Dati carenti - Non ci sono dati sufficienti per determinare se la specie è minacciata o meno
  • Not evaluated: Non valutato - Non sono state condotte ricerche sullo stato della specie

Nel determinare questi indicatori di stato, i ricercatori esaminano il numero noto di animali, ma anche la distanza tra loro, quanti sono maturi, il loro habitat, ecc.

La Lista Rossa IUCN è la base di un accordo internazionale, denominato Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione: Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora (CITES). I paesi che accettano la CITES hanno, in termini semplici, accettato di non commerciare animali selvatici o piante che sono in pericolo. I dettagli sono inevitabilmente più complessi e si possono trovare in questo articolo di wikipedia, che approfondisce l'argomento, c'è anche una sezione dedicata alla CITES più in basso in questo articolo (novità novembre 2013).

Consultando la Lista Rossa IUCN, è possibile determinare se una specie è minacciata o meno; l'acquisto di pesci pescati in natura che sono noti per essere minacciati sarebbe un atto irresponsabile.

Le ragioni per cui una specie è minacciata possono essere molte e varie. Alcune sono state minacciate dalla raccolta eccessiva per il commercio acquatico; alcune da attività industriali che incidono sul loro ambiente, compreso l'inquinamento; alcune dalla costruzione di progetti che distruggono i loro habitat. Purtroppo è giusto dire che l'attività umana è responsabile, in un modo o nell'altro, della maggior parte delle specie minacciate e in declino.

Anche se la minaccia non è direttamente correlata al commercio acquatico, ad esempio un progetto industriale che distrugge l'habitat, non è irragionevole affermare che maggiore è il numero di animali rimasti nel loro ambiente naturale, migliore può essere il tasso di sopravvivenza. Questo ovviamente adottando un approccio molto "ampio"; a volte le prospettive di sopravvivenza sono minime e sarebbe facile sostenere che più se ne raccolgono per l'acquariofilia e meglio è. Tuttavia, nulla è mai così semplice e nascondere il problema raccogliendo qualcuna delle specie colpite non lo fa scomparire. La semplice raccolta di una specie da qualche parte non garantisce che sopravviverà per i posteri. Pochi individui sparsi per le vasche degli acquariofili raramente costituiscono un programma di conservazione praticabile e sostenibile.

Al contrario, se gli acquariofili ricercano gli esemplari allevati in cattività di queste specie minacciate, è probabile che questo contribuirà a creare un "rifugio sicuro" all'interno dell'industria degli allevamenti in cattività e contribuirà a garantire loro un futuro. I programmi di riproduzione in cattività spesso necessitano di esemplari catturati in natura per poter stabilire un programma di successo, ma i numeri richiesti per questo sono molto meno che se l'intero commercio fosse basato solo su esemplari catturati in natura e nient'altro. Tuttavia, il commercio dei pesci allevati in cattività riprodurrà solo quelle specie che hanno una domanda dei clienti; le forze del mercato piuttosto che la conservazione sono generalmente la forza trainante all'interno del commercio. L'acquariofilia è una cosa, ma il commercio è il commercio e se nessuno vuole acquistare le tue specie allevate con cura, ha poco senso per gli affari continuare a riprodurle, che siano in pericolo o meno.

Gli argomenti morali ed etici sono incredibilmente complicati e saranno sempre influenzati dalle convinzioni e dai valori dell'individuo. È un campo di discussione molto interessante e speriamo che alcuni dei punti che abbiamo menzionato sopra indurranno i nostri lettori a riflettere sul quadro più ampio e a fare le loro scelte in base a una prospettiva più ponderata.

Come scoprire se una specie è nella Lista Rossa IUCN?

La pagina dell'IUCN ha una funzione di ricerca, in cui l'utente può inserire il nome comune o scientifico della specie e ne visualizzerà lo stato. Sui siti web aquaticrepublic.com e planetcatfish.com, le voci delle specie hanno un campo di stato della Lista Rossa IUCN sotto "Informazioni sull'habitat" per indicarne lo stato della Lista Rossa IUCN. Questo è dato per tutte le specie che sono nella Lista Rossa (e che sono nel database del rispettivo sito). Se non è mostrato lo stato della Lista Rossa, significa che il pesce non è nella Lista Rossa IUCN.

Aquaticrepublic ha anche una funzione di ricerca sulla home page (la pagina intitolata 'The aquarium fish website') dove potete cercare ogni genere di cose, incluso lo stato della Lista Rossa, anche se potreste dover registrarvi al sito per farlo (ma i pochi secondi necessari per farlo ne valgono la pena). Questa ricerca deve essere utilizzata come ricerca combinata, ad es. "Specie in Cyprinidae che sono in pericolo" quindi tenetelo a mente quando lo usate e provate a restringere la query di ricerca di conseguenza per ottenerne i migliori risultati. Se siete interessati a un elenco di tutte le specie che sono in pericolo (ed elencato su acquaticrepublic) potete utilizzare questo link e restringere la ricerca utilizzando i criteri elencati nella parte superiore della pagina. La maggior parte delle specie elencate su Wikipedia ha indicato anche lo stato della Lista Rossa IUCN.

Va notato che la Lista Rossa IUCN non è un elenco completo di tutte le specie di pesci. L'elenco totale contiene in realtà circa 49.000 specie, che coprono di tutto, dagli insetti alle sequoie giganti. Le specie di pesci conosciute sono circa 30.000 da sole, quindi c'è chiaramente del lavoro da svolgere da parte dell'IUCN per indagare sul resto dei pesci del mondo.

Se la specie che state cercando è elencata come "Quasi minacciata" o peggio, e desiderate proseguire con il suo acquisto, dovreste assicurarvi che provenga da una fonte sostenibile, ad esempio un programma di riproduzione in cattività di qualche tipo, nel paese di origine, una comunità locale di pescatori, o intrapresa all'interno del negozio stesso. A volte può essere difficile determinare se i pesci provengono da allevamenti in cattività o da animali selvatici, ma i negozi responsabili sapranno da dove proviene il loro stock.

Anche i forum online possono essere un'ottima fonte di informazioni sulle attività di riproduzione e sulla disponibilità di alcune specie. Ci sono allevatori dedicati ed esperti in tutto il mondo, molti dei quali operano su piccola scala concentrandosi su poche specie specializzate. Queste fonti "riprodotte in casa" possono spesso essere un ottimo mezzo per acquisire qualcosa di un po' più insolito, quindi controllate i nostri forum consigliati e la sezione di informazioni aggiuntive nel nostro articolo sulle ricerche in acquariofilia.

Lista Rossa IUCN - alcuni esempi

Ci sono alcune specie popolari negli acquari ornamentali che figurano nella Lista Rossa IUCN per vari motivi.

Lo squalo nero dalla coda rossa (Epalzeorhynchos bicolor) è una popolare specie d'acquario, ma purtroppo è in pericolo di estinzione, se non estinta, in natura. La voce della Lista Rossa IUCN afferma che "attualmente la principale minaccia per la popolazione selvaggia è l'inquinamento da fonti agricole e domestiche". Fortunatamente per lo squalo nero dalla coda rossa, i suoi colori sorprendenti lo rendono una popolare specie d'acquario, quindi attualmente gode di un certo grado di sicurezza come specie riprodotta in cattività.

Reusable image
Image
Descrizione

Lo squalo nero dalla coda rossa (Epalzeorhynchos bicolor) è una popolare specie d'acquario che figura nella Lista Rossa IUCN come in pericolo di estinzione - Foto © Mats Petersson (Injaf)

Una specie leggermente meno conosciuta, ma comunque relativamente ampiamente disponibile è il goodeide farfalla (Ameca splendens) che è classificata come 'estinta in natura' dalla Lista Rossa IUCN (voce della Lista Rossa), anche se alcune fonti sospettano che ci sia rimasta ancora qualche piccola popolazione selvatica. Questa specie è un livebearer, il che la rende relativamente facile da riprodurre in cattività. La sua colorazione attraente e le dimensioni ridotte fanno sì che sia una specie abbastanza popolare che è abbastanza facile da alloggiare in acquario.

Reusable image
Image
Descrizione

L'attraente specie ovovivipara Ameca splendens figura nella Lista Rossa IUCN e si pensa che sia estinta in natura - Foto © Mats Petersson (Injaf)

Un terzo esempio di un popolare pesce d'acquario che figura nella Lista Rossa IUCN è il siluro linea rossa, Sahyadria denisonii (ex Puntius denisonii). La voce della Lista Rossa cita la perdita degli habitat insieme allo sfruttamento per il commercio dei pesci ornamentali come alcune delle cause principali del suo declino. Anche le caratteristiche riproduttive della specie sembrano contribuire a limitare la rigenerazione delle sue popolazioni. Un buon esempio dei tanti e vari fattori che possono accadere tutti insieme per mettere in pericolo una specie.

Reusable image
Image
Descrizione

Il siluro con la linea rossa (Sahyadria denisonii, ex Puntius denisonii) è un esempio di popolare specie d'acquario minacciata nel suo ambiente naturale, sia dal degrado degli habitat che dal prelievo ai fini del commercio acquariofilo - Foto © Fishtanksandponds.co.uk (Injaf)

Come accennato nel nostro articolo Captive Bred o Wild Caught, l'approvvigionamento di pesci selvatici che non sono minacciati non è generalmente motivo di preoccupazione in termini di conservazione, e ci sono alcuni progetti che cercano di aiutare la pesca selvatica sostenibile, come il Progetto Piaba (che hanno anche un nuovo sito), ma un controllo della Lista Rossa IUCN dovrebbe essere in cima all'agenda come parte delle vostre ricerche sull'acquariofilia.

The IUCN Freshwater Fish Specialist Group - Sottogruppo dei pesci d'acquario

Lo IUCN ha un gruppo specializzato nei pesci d'acqua dolce che è stato istituito nel 2004 con l'obiettivo generale di preservare l'ambiente acquatico in tutto il mondo, mantenere la biodiversità dei pesci e garantire una pesca sostenibile in relazione alle persone e all'uso delle risorse idriche.
Nell'ottobre 2014 lo IUCN FFSG ha lanciato un sottogruppo sui pesci d'acquario. Gli obiettivi principali di questo gruppo sono:

  • Identificare, convalidare e promuovere la conservazione e la gestione saggia delle popolazioni selvatiche di pesci tropicali che fanno parte del commercio acquariofilo, nonché degli ecosistemi in cui si trovano
  • Sostenere vantaggi sostenibili, socioeconomici e ambientali per le comunità di pescatori di pesci d'acquario, in particolare per quelle che vivono in regioni di importanza biologica
  • Sviluppare e implementare soluzioni che si traducano in un mercato più solido per i pesci d'acquario, che a loro volta si traducono in protezionismo ambientale, riduzione della povertà e stabilità del clima.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito Web HAFSG:
IUCN Freshwater Fish Specialist Group – Home Aquarium Fish Sub-Group

CITES

CITES sta per Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna minacciate di estinzione. CITES “è un accordo internazionale tra governi. Il suo scopo è garantire che il commercio internazionale di esemplari di animali e piante selvatici non minacci la loro sopravvivenza”.

Il CITES ha recentemente pubblicato un database online ricercabile di tutte le specie elencate nella lista CITES. E' uno strumento utile per la ricerca di varie specie, anche se va tenuto presente che se la specie non è elencata nella CITES una ricerca non restituirà nulla. È possibile filtrare per appendice I, II o III, oltre che per posizione. Le opzioni avanzate consentono di personalizzare un po' di più le cose. Si può anche accedere a un elenco completo delle specie.

Lista di controllo delle specie CITES (database ricercabile)

Il CITES ha anche recentemente lanciato Species+, affermando che “Species+ è una nuova risorsa online che fornisce informazioni complete sulle specie protette a livello globale. Comprende tutte le specie coperte dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatici minacciate di estinzione (CITES) e dalla Convenzione sulla conservazione delle specie migratorie di animali selvatici (CMS), nonché quelle incluse nei regolamenti dell'UE sul commercio della fauna selvatica".

Vale la pena dedicare un po 'di tempo alla lettura del sito CITES, poiché è disponibile una grande quantità di informazioni.

Ulteriori informazioni

Autore: Mats Petersson e Suzanne Constance
Fotografie: per gentile concessione di Mats Petersson su aquaticrepublic.com e da fishtanksandponds.co.uk sotto creative commons

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette