Salta al contenuto principale

Lepisosteus platostomus

Rafinesque, 1820

E' la specie di Lepisosteus che rimane più piccola, arriva poco sotto i 90 cm di lunghezza, ed è come i conspecifici un predatore piscivoro.

Image
Descrizione

Un grande Lepisosteus platostomus in un acquario pubblico: può arrivare quasi a 90 cm di lunghezza - Foto © Rufus46 (Wikimedia)

Nome comune
Shortnose gar, Luccio naso corto
Aspettativa di vita
18 - 20 anni
Dimensioni massime in natura

88.0 cm TL; peso massimo pubblicato: 2.6 kg

No ai pesci giganti in acquario

Il profilo di questo pesce è stato inserito a titolo informativo, in quanto non è consigliabile allevare questa specie nei comuni acquari domestici, a meno che voi non siate tra i pochi eletti con i mezzi e le strutture disponibili per ospitarli per tutta la vita: arrivano agli 88 cm di lunghezza e possono vivere per più di vent'anni. Questi pesci richiedono un volume straordinario di acqua se devono essere alloggiati a lungo termine, anche perché sono molto attivi ed hanno bisogno di spazio per nuotare.

Circostanze impreviste possono capitare a chiunque, ma un animale che raggiunge la sua lunghezza completa non è una circostanza imprevista (It's not just a fish)

Tra i tanti pesci presenti nel commercio acquariofilo che in realtà non hanno la possibilità di crescere sani e di diventare adulti nei comuni acquari domestici ci sono i cosiddetti gar, lucci, che attirano purtroppo diversi acquariofili per l'insolito aspetto e livrea, ma che oltre a superare il metro di lunghezza sono anche feroci predatori, per cui se inseriti nei comuni acquari di comunità oltre a non aver la possibilità di diventare adulti loro, la tolgono anche ai compagni di vasca, mangiandoseli.

Lepisosteus platostomus è probabilmente la specie di gar più adatta per un progetto di acquario domestico, in quanto è la specie più piccola del genere. Questo non vuol dire che siano i 'lepisosteus che rimangono piccoli', perché anche loro arrivano quasi ai 90 cm di lunghezza ed hanno bisogno di muoversi tanto. E, come accade molte volte, la specie del genere che potrebbe essere un po' più adatta delle altre, avendo i mezzi necessari, è anche la più rara e difficile da trovare in commercio. E' comunque discutibile se debba essere considerato un pesce da acquario, date le sue dimensioni adulte. Troppo spesso, i giovani vengono venduti senza informazioni adeguate sulla loro assistenza a lungo termine.

I Lepisosteus sono meno diffusi di altri pesci che diventano enormi, come i Pangasius, probabilmente perché questi ultimi sono tranquilli e quasi vegetariani, mentre tutti i Lepisosteus essendo feroci predatori se messi in acquario con altri pesci incominciano subito a mangiarseli, dai più piccoli ai più grandi, mano a mano che crescono, mettendo quindi subito in allarme gli incauti acquirenti e portandoli finalmente ad informarsi sulla stupidata che hanno fatto.

Sono tra le specie più primitive ancora vive oggi. Hanno la vescica natatoria modificata e vascolarizzata, collegata alla faringe, che permette loro in una certa misura di respirare aria atmosferica.

  • Specie che diventa enorme: 150 cm di lunghezza
  • Specie predatrice piscivora
  • Specie in genere proveniente dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o di allevamento, ma per cortesia non comprateli in nessuno dei due casi.
Distribuzione

America del Nord: USA nel bacino del fiume Mississippi, nell'Ohio centro-meridionale, nell'Indiana del nord, in Wisconsin, Montana e nel sud-nord dell'Alabama e della Louisiana; Drenaggio del lago Michigan, Wisconsin; fiumi di Calcasieu e Mermentau sulla costa del Golfo della Louisiana.

Habitat

Ambiente: demerso, acqua dolce, clima temperato.

Temperatura in natura

10 - 18°C

Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: le grandi vasche degli acquari pubblici
Per il resto non ha pretese, basta che ci sia poca corrente e poca luce. E' meglio allevarlo da solo, al massimo in compagnia di qualche pesce tranquillo dalle dimensioni simili, che non rischi di finire nella sua bocca.

Alimentazione

Sono predatori piscivori d'agguato che si nutrono in natura di pesci più piccoli e crostacei acquatici. A volte possono essere difficili da allevare in cattività perché possono avere difficoltà ad accettare cibi morti, anche se la maggior parte impara a farlo dopo un breve periodo di fame. Dopo un breve periodo di tempo gli individui più piccoli accetteranno cibi congelati carnosi come gamberi, acciughe, ecc. mentre agli esemplari più grandi possono essere offerti pesci interi come trota o sarde. Quando sono giovani vanno alimentati ogni giorno, ma mano a mano che crescono va ridotta la frequenza dei pasti; un adulto richiede al massimo uno o due pasti alla settimana.
In casi estremi non ci può essere altra scelta che usare pesci vivi per la loro alimentazione per il periodo iniziale, ma va sottolineato che questo è consigliabile solo fino a quando l'individuo ha raggiunto un'adeguata massa corporea per tentare un periodo di fame.
E' altamente raccomandabile acquistare i pesci da usare come cibo vivo in anticipo e metterli in quarantena per almeno due settimane, per assicurarsi che siano liberi da malattie e parassiti, e somministrare loro una dieta di alta qualità in modo che la carne sia sufficientemente nutriente.
I lucci alligatore non dovrebbero mai essere nutriti con carne di mammiferi come cuore di manzo o pollo, poiché alcuni dei lipidi e altri composti organici contenuti in queste carni non possono essere adeguatamente metabolizzati dai pesci, causando il deposito di grasso in eccesso e a lungo termine anche la degenerazione degli organi interni.
Tranne che nella circostanza estrema descritta sopra non esiste nessun reale beneficio nell'uso di pesci vivi per la loro alimentazione, anche a causa del rischio di introduzione di malattie o parassiti che comporta.

Specie appartenenti al Genere

Spotted gar, Luccio maculato

Si trovano a volte in commercio come pesci d'acquario, piccoli e insoliti normalmente senza adeguate informazioni riguardo le dimensioni che raggiungono e la loro assistenza a lungo termine

Aspettativa di vita: 15-20 anni
Dimensioni max: 150 cm TL; peso massimo pubblicato: 4,4 kg
Longnose gar, Lucco naso lungo

Raramente si trovano in commercio, quando sono ancora piccoli e carini, questi pesci che da adulti possono arrivare ai 2 metri di lunghezza.

Aspettativa di vita: 30 - 40 anni
Dimensioni max: 200 cm TL; peso massimo pubblicato: 22.8 kg
Temperatura: 12 - 20°C
Shortnose gar, Luccio naso corto

E' la specie di Lepisosteus che rimane più piccola, arriva poco sotto i 90 cm di lunghezza, ed è come i conspecifici un predatore piscivoro.

Aspettativa di vita: 18 - 20 anni
Dimensioni max: 88.0 cm TL; peso massimo pubblicato: 2.6 kg
Temperatura: 10 - 18°C
Florida gar, Luccio della Florida

Purtroppo si trovano in commercio come pesci d'acquario da giovani, piccoli e insoliti normalmente senza adeguate informazioni riguardo le dimensioni che raggiungono e la loro assistenza a lungo termine

Aspettativa di vita: 20 anni
Dimensioni max: 132 cm TL; peso massimo pubblicato: 9.6 kg
Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Lepisosteus platostomus
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette