Salta al contenuto principale

Erpetoichthys calabaricus

Smith, 1865

E' l'unica specie del genere Erpetoichthys, ed è un predatore piscivoro notturno incredibilmente resistente. Raggiungendo i 90 cm di lunghezza non è decisamente adatto a tutti gli acquari.

Image
Descrizione

Erpetoichthys calabaricus, una specie insolita che può raggiungere i 90 cm di lunghezza

Nome comune
Reedfish, Pesce corda
Sinonimi
Calamoichthys calabaricus
Aspettativa di vita
20 - 30 anni
Dimensioni massime in natura

90 cm TL

E' l'unica specie del genere Erpetoichthys, ed è una specie notturna incredibilmente resistente. A causa della sua vista abbastanza scarsa, si affida al suo eccellente senso dell'olfatto per individuare il cibo.

E' strettamente legato al genere Polypterus ed entrambi sono gli ultimi superstiti di specie antichissime. Sono stati trovati fossili dei loro antenati risalenti al periodo Triassico, durante lo sviluppo precoce dei dinosauri, più di 200 milioni di anni fa.

Hanno diversi adattamenti interessanti. La vescica natatoria è suddivisa in 2 parti, di cui la sezione destra è considerevolmente più grande. Funziona come un organo accessorio di respirazione e significa che i pesci possono sopravvivere fuori dall'acqua per un certo tempo, a condizione che sia tenuto umido. Come alcune specie degli Anabantoidei, questo pesce può effettivamente annegare se gli viene negato l'accesso all'aria atmosferica. Gli esemplari giovani hanno branchie esterne simili a quelle degli anfibi, che perdono quando maturano. Questo, insieme al loro sistema notturno di caccia, in cui emergono dai loro rifugi diurni a caccia di invertebrati e piccoli pesci in acque poco profonde, li rivela chiaramente come un anello di congiunzione tra pesci e anfibi.

  • Specie che diventa grande: fino a 37 cm di lunghezza, alcune fonti dicono fino a 90 cm
  • Specie predatrice piscivora
  • Specie non riprodotta in cattività, gli esemplari in commercio provengono dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o di allevamento.
Distribuzione

Africa: dalla foce del fiume Ogun in Nigeria al fiume Chiloango in Congo

Habitat

Ambiente: demerso; acqua dolce e acqua salmastra.
Predilige fiumi dalla corrente lenta e acque basse, ricchi di vegetazione. A quanto pare limitato agli habitat dei canneti. Si muove sul fondo come un serpente, ma può anche muoversi rapidamente nell'acqua.

Temperatura in natura
22 - 28°C
Valore pH in natura
6.0 - 8.0
Valori acqua in natura
dH range: 5 - 19
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 150x60x60cm - per cominciare con minimo 3-4 esemplari, perché sono animali sociali che amano vivere in gruppo. Per un esemplare adulto di 90 cm ci vuole una vasca di più di 2 m di lunghezza
Sabbia fine come fondo, tantissime piante e legni che formino nascondigli e ripari in cui rifugiarsi di giorno, in quanto hanno abitudini prettamente notturne, è meglio anche di giorno schermare la luce con piante galleggianti. Coperchio obbligatorio e rinforzato perché i calamittidi sono artisti della fuga, sgusciano via da fessure anche piccolissime e grazie alla mole che raggiungono possono anche spostare e/o sollevare coperchi di plastica troppo leggeri.

Comportamento e compatibilità: Non sono particolarmente aggressivi o territoriali e possono convivere pacificamente con i pesci abbastanza grandi da non entrare nella loro bocca; spesso vengono consigliati i Synodontis; da non allevare però con specie troppo voraci o aggressive perché potrebbe soffrire la competizione alimentare.

Alimentazione

Predatore piscivoro. Si alimenta principalmente di notte con vermi, crostacei, insetti, pesci.
In acquario solo pochi esemplari si adattano a mangiare il mangime secco, ma in genere, a parte rari casi che accettano solo cibo vivo, accettano il cibo congelato (artemie, chironomus, ecc.)

Dimorfismo sessuale
Il maschio ha 12-14 raggi della pinna dorsale, mentre la femmina ne ha solo 9-12. Quando è nel periodo riproduttivo, la pinna anale del maschio si gonfia e si inspessisce.
Riproduzione

La riproduzione in acquario è un'evento estremamente raro ma a quanto pare non impossibile: A breeding first: The Reedfish

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Erpetoichthys calabaricus
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette