Salta al contenuto principale

Danio anno 2009: Danio quagga (S.O.Kullander)

Sven O. Kullander racconta il viaggio insieme a Te Yu Liao ai confini tra Myanmar e India che ha portato alla scoperta di una nuova specie di Danio, Danio quagga

Traduzione dell'articolo:
"Danio year 2009: Danio quagga"
di Sven O. Kullander
su Svenkullander.se.

Il percorso del viaggio di raccolta
Il percorso del viaggio di raccolta

A marzo dello scorso anno, il nostro dottorando Te Yu Liao ed io siamo potuti andare alla raccolta di pesci lungo il confine del Myanmar con l'India, negli affluenti del fiume Chindwin. Le nostre tappe previste erano Kalaymyo e Tamu, ma abbiamo anche provato a fermarci ai ruscelli lungo la strada. All'epoca era molto secco e anche i grandi fiumi si riducevano a piccoli ruscelli.

Fermandoci presso uno di questi ruscelli, nel cuore di un grande villaggio, abbiamo pescato in una pozza con un po' di vegetazione. E dentro c'era un pesce zebra! Zebrafish in Myanmar, nel drenaggio dell'Ayeyarwaddy. Neanche per sogno! Doveva essere qualcosa di nuovo e, come abbiamo appreso da Meinken, tutti i danio sono comunque a strisce. Il pesce entrò in formalina e iniziò la caccia al prossimo esemplare.

Reusable image
Image
Descrizione

Il torrente lungo il confine del Myanmar con l'India, habitat di Danio albolineatus e Danio quagga - Foto © Sven O. Kullander

Dopo un'ora, ancora non avevamo raccolto nessun altro esemplare di questa specie di branco, ma centinaia di Danio albolineatus, e siamo stati chiamati per una ispezione dalle autorità locali, quindi dovevamo muoverci.
In effetti, avevamo fretta tra Kalaymyo e Tamu per arrivare a destinazione prima che facesse buio, non solo a causa della probabile carenza di alloggi a Tamu, ma anche perché ci era stato concesso solo un giorno di permanenza a Tamu e avremmo dovuto passare del tempo con le autorità locali per spiegare la nostra presenza.

Ma sinceramente, si può lasciare una nuova specie come quella? Bene, siamo andati avanti convinti che avremmo trovato più esemplari in qualche altro posto. Purtroppo non è andata così. Abbiamo lasciato Tamu con altri quattro esemplari presi al mercato, dove erano nascosti in mucchi di altri pesciolini, morti fino all'osso, e con il totale di cinque esemplari alla fine abbiamo lasciato il Myanmar.
I mercati del Myanmar hanno pesci di grandi dimensioni, ma anche grandi quantità di pesci molto piccoli, usati per preparare una speciale pasta di pesce, chiamata ngapi. Al mattino presto c'è così abbondanza di pesce fresco al mercato che si risparmia sulla raccolta in natura, con l'avvertenza che il pesce fresco di ruscello si conserva meglio.

Quindi, eravamo tornati con solo esemplari conservati in formalina, e al giorno d'oggi questo è un male, perché è in voga il sequenziamento del DNA, che è generalmente uno strumento utile per controllare le relazioni filogenetiche e la formalina denatura il DNA.

Però alcuni di noi possono ancora fare sistematica senza DNA, e lo abbiamo fatto. Il danio a strisce non si è rivelato molto simile al pesce zebra, Danio rerio, tranne che nella livrea generale. È piuttosto correlato alla specie maculata, Danio kyathit del vicino drenaggio Ayeyarwaddy superiore e con un esemplare registrato dal Chindwin più alto.

Il mammifero Equus quagga
Il mammifero Equus quagga

Abbiamo chiamato il nostro danio rigato Danio quagga. Quagga è l'epiteto di specie o sottospecie di una zebra, così all'interno del genere del pesce zebra c'è almeno una specie con un nome associato alle zebre. Non l'abbiamo chiamato Danio zebra solo per non confondere le cose per le persone che già conoscono i Danio rerio come zebrafish (e forse, alla fine, per noi stessi).
(Ma non sarebbe stato divertente?)

 
Olotipo di Danio quagga
Olotipo di Danio quagga

Notate sopra come appare, ora che l'olotipo è morto da un po'.
Per quanto sia stato emozionante incontrare un altro pesce zebra in natura, non sono convinto che diventerà un pesce ornamentale molto popolare. I nostri confronti suggeriscono che è più vicino a Danio kyathit, che non ha superato il leopard danio nell'hobby. È anche un po' più grande di un normale Danio rerio, richiedendo più spazio per nuotare (l'olotipo era l'unico in 50 m di torrente…).

E, naturalmente, perché dovremmo aver bisogno di un altro danio a strisce nei nostri acquari? Sembra che abbiamo esaurito i Danio come pesci ornamentali? Ma ovviamente c'è di più in un pesce, che popolare un acquario. Stiamo gradualmente costruendo una storia filogenetica dei Danio, e quindi è semplicemente fantastico trovare una coppia di specie correlate, un ramo diviso sull'albero, piuttosto che rami singoli e unici.

Ora passeremo a collegare Danio quagga e Danio kyathit al resto dell'albero.

Se volete leggere la descrizione originale, potete scaricare una copia Open Access, che potete condividere con famiglie e amici quanto volete. Basta fare clic sul riferimento di seguito. È magico!

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette