Salta al contenuto principale

Centromochlus perugiae

Steindachner, 1882

Un piccolo pesce gatto molto bello e insolito, che purtroppo non viene quasi mai allevato in condizioni ideali.

Image
Descrizione

Centromochlus perugiae, driftwood catfish - Foto © Hristo Hristov

Image
Descrizione

'Papà, desidero il mio pellet quotidiano!' - Centromochlus perugiae, davvero divertenti da osservare - Foto ©  BirchinKing

Nome comune
Montecristo cichlid
Sinonimi
Tatia perugiae
Dimensioni massime in natura

5.0 cm SL

La specie Centromochlus perugiae è un piccolo pesce gatto molto bello e insolito, che purtroppo non viene quasi mai allevato in condizioni ideali, rispettandone le necessità. Quando viene allevato correttamente, è una gioia da osservare mentre si alimenta vicino alla superficie dell'acqua, nuotando freneticamente nella corrente. Infatti si mantiene in salute se allevato in un allestimento tipo fiume-acquario, con molta corrente e acqua satura di ossigeno, e tende ad ammalarsi spesso e morire molto prima del tempo se inserito nei comuni acquari domestici, con poca corrente e di conseguenza poco ossigeno.

I pesci pulitori non esistono!

Non va assolutamente comprato solo come pesce pulitore del fondo, semplicemente perché non lo è, va alimentato come ogni altro pesce, con una dieta adeguata. La quasi totalità dei Centromochlus perugiae venduti dai negozi muore entro il primo anno di vita, o perché collocati in allestimenti non adatti, o perché lasciati morire di stenti, senza che venga fornita loro una giusta razione di cibo. Nessun pesce deve essere costretto a nutrirsi solo degli avanzi degli ali pesci.

Conosciuto in passato come Tatia perugiae, è stato riclassificato e spostato dal genere Tatia al genere Centromochlus nel 1998.

Il genere Centromochlus è diagnosticabile in quanto i suoi membri hanno i radiali prossimali della pinna anale ingranditi e fusi tra loro alla base, formando un'unica struttura ossificata. A volte è incluso nella presunta sottofamiglia Centromochlinae che include anche Gelanoglanis, Glanidium e Tatia. Questo raggruppamento è distinto dagli altri auchenipteridi per avere i raggi della pinna anale modificati e gli pterigiofori prossimali orientati posteriormente, una papilla urogenitale maschile che emerge da un lembo di pelle all'origine della pinna anale e i radiali prossimali della pinna anale almeno parzialmente uniti l'un l'altro.

La famiglia Auchenipteridae è endemica dei neotropici e i suioi membri si distinguono dagli altri pesci gatto dalla seguente combinazione di caratteri: assenza di placche ossee sul corpo; area predorsale ricoperta da placche ossee suturate chiaramente visibili sotto una sottile epidermide; assenza di barbigli nasali; pinna adiposa piccola, occasionalmente assente; occhio senza un bordo orbitale distinto e ricoperto da tessuto adiposo.

  • Specie notturna, che si vede raramente in giro durante il giorno
  • Specie che va alimentata di notte, facendo attenzione che mangi
  • Specie poco riprodotta in cattività, gli esemplari in commercio provengono quasi totalmente dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o di allevamento.
Distribuzione

Sud America: Bacino del Rio delle Amazzoni superiore

NOT EVALUATED
Habitat

Ambiente: bentopelagico, acqua dolce; clima tropicale.

Centromochlus perugiae abita le parti con forte corrente dei fiumi, dove si trova attorno alle rive. Non c'è vegetazione acquatica di alcun tipo e il substrato è solitamente sabbioso.

Temperatura in natura
26 - 28°C
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 50x30x35h cm per un piccolo gruppo di esemplari.
I Centromochlus perugiae amano strizzarsi in spazi poco più grandi di loro durante il giorno, per cui è necessario fornire molti nascondigli, come radici e legni aggrovigliati, o anche meglio pezzi di tubi di plastica. Stanno meglio con un substrato di sabbia, e con un buon movimento dell'acqua. L'ideale è allevarli in un allestimento tipo fiume-acquario.
In genere passano la giornata nascosti, per uscire dai loro nascondigli di sera per nutrirsi. Per osservarli qualche allevatore utilizza una lampadina rossa, accesa di notte, perché i pesci non possono vedere le lunghezze d'onda rosse.

Tenere questi pesci in un acquario spoglio, senza ripari, solo per poterli vedere tutto il tempo, è semplicemente CRUDELE.
Può sembrare ovvio, ma per molti non lo è: i pesci vanno allevati rispettando le loro esigenze, non le nostre, e un pesce che vaga per la vasca in cerca di un nascondiglio è sì visibile, ma è anche enormemente stressato. Voi lo vedrete meglio, ma il pesce morirà presto per lo stress.
Con tanti ripari e nascondigli a disposizione invece i pesci si sentiranno tranquilli e al sicuro, e usciranno allo scoperto molto più spesso, perché sapranno che in caso di necessità potranno ripararsi dove vogliono.

Comportamento e compatibilità: i Centromochlus perugiae sono pacifici con tutti tranne gli avannotti più piccoli, che vengono mangiati, quindi adatti per la maggior parte degli acquari di comunità, con compagni di vasca che amino come loro una buona corrente nell'acqua. L'ideale sarebbe allevarlo in un acquario biotopo sudamericano, con altri pacifici pesci gatto come Corydoras e piccoli Loricaridi.
Non sono assolutamente aggressivi nei confronti dei conspecifici e sembrano apprezzare la compagnia dei propri simili, specie quando cercano di infilarsi insieme in qualche pezzo di tubo.

Temperatura in acquario

24-30°C

Valori acqua in acquario
pH: è stato catturato in acqua con un pH estremamente variabile in un intervallo di 4,9-8,0 in natura. In acquario è probabilmente meglio mirare a un pH neutro, anche se chiaramente questa è una specie molto adattabile.
Durezza: 1-25°H
Alimentazione

In natura i Centromochlus sono insettivori crepuscolari, Quando la luce del giorno è debole, si aggirano vicino alla superficie dell'acqua alla ricerca di insetti che hanno avuto la sfortuna di cadere nel fiume.
In acquario si nutrono di cibi vivi e surgelati come lombrichi, vermi, ecc., ma accettano in genere anche il mangime secco.

Non va fornito, come a volte si consiglia, mangime in pastiglie affondanti, come si fa per i pesci da fondo, ma mangime galleggiante, perché come spiegato sopra in natura mangiano in superficie, cercano il cibo presso la superficie dell'acqua.

Questi piccoli pesci gatto sono pacifici e timidi, generalmente escono solo quando le luci della vasca sono spente. Non cacciano lungo il fondo e non mangiano bene durante il giorno. Un mangime secco galleggiante di alta qualità è un must e dovrebbe essere dato loro quando le luci sono spente o almeno abbassate. Anche se spesso mangiano fiocchi, i pasti a base di insetti galleggianti sono ottimi, vivi o congelati, ottime le larve di zanzara. Nutrirli come fareste con i Corydoras, con una stiglia che affonda, probabilmente porterà ad ad avere Centromochlus molto affamati che moriranno di stenti.

Dimorfismo sessuale

I maschi hanno una pinna anale estesa, che viene usata in modo simile al gonopodio posseduto dagli ovovivipari. Le femmine sono molto più rotonde dei maschi quando sono gravide.

Riproduzione

Centromochlus perugiae può essere riprodotto abbastanza facilmente, se allevato nelle condizioni corrette. Non si riproduce se in acquario non c'è una corrente d'acqua da moderata a forte, e molte piccole fenditure in cui verranno deposte le uova, l'ideale per questo sono dei pezzi di tubi in PVC. Utilizzate una filtrazione a spugna ad aria in modo che eventuali uova o avannotti non vengano aspirati.

Come con altri membri della famiglia Auchenipteridae, la fecondazione avviene internamente, attraverso la pinna anale modificata del maschio. La femmina depone le uova in fenditure fra le rocce e le protegge fino a quando non si schiudono, a quel punto è una buona idea spostare gli adulti o gli avannotti in un acquario separato, al fine di evitare la predazione.
Gli avannotti una volta che avranno consumato il loro sacco vitellino, in genere dopo 6 o 7 giorni dalla schiusa, accetteranno microworm o naupli d'artemia, ma come gli adulti si nutriranno solo con la protezione dell'oscurità. Preferiscono nascondersi vicino alla superficie, per cui bisogna fornire un sacco di nascondigli in alto, l'ideale a questo scopo sono per piante galleggianti a foglie fini, come i cespugli di Riccia.

Specie appartenenti al Genere

Montecristo cichlid

Un piccolo pesce gatto molto bello e insolito, che purtroppo non viene quasi mai allevato in condizioni ideali.

Dimensioni max: 5.0 cm SL
Temperatura: 26 - 28°C
Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Centromochlus perugiae
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette