Salta al contenuto principale

Brachydanio

Questo genere dal 2016 è stato invalidato, tutte le specie che comprendeva sono passate al genere Danio

La classificazione tassonomica dei cosiddetti Danioninae, gruppo che comprende generi come Danio, Brachydanio, Devario, Celestichthys, è molto controversa, e non c'è molto accordo tra gli studiosi che cercano via via di mettervi ordine. Il genere Brachydanio è un esempio di questa confusione: nonostante sia spesso utilizzato anche per il più famoso Danio rerio, in realtà se si guardano le tabelle di Fishbase, quella delle specie di Brachydanio è desolatamente vuota.

Vi riporto qui sotto quanto trovato su Seriouslyfish.com, e su Fishbase.org.

Negli ultimi anni sono stati pubblicati una serie di studi filogenetici sul aggruppamento putativo dei Danioninae. Le filogenesi molecolari più vecchie tendevano a concordare sul fatto che rappresentava un gruppo monofiletico costituito da due grandi clade: il gruppo (o clade) di "Danio devario" che contiene le specie più grandi e dal corpo più profondo e il gruppo (o clade) di "Danio rerio" che comprende le specie più piccole e più snelle.

Nel 2003 Fang condusse invece uno studio più dettagliato, basato su caratteri morfologici che includevano membri di altri generi correlati, e i risultati per la prima volta indicarono che il genere Danio così come considerato finora non era monofiletico, cioè non tutti i membri derivano da un singolo antenato comune.
Venne suggerito il genere Devario per le specie più grandi, e il genere Danio solo per le specie più piccole (ad eccezione della specie tipo, Danio dangila che può raggiungere circa 89 mm SL).
Recenti studi molecolari di Mayden et al. (2007) e Fang et al. (2009) hanno portato ulteriori cambiamenti, con l'ultimo studio che considera il genere Danio composto da tre sottogruppi (o sottoclade, successivamente suddivisi in 3 generi distinti da Kottelat (2013), come segue:

  1. Celestichthys
    Le ex specie Danio erythromicron, Danio margaritatus, Danio choprae, Danio flagrans sono raggruppate insieme nel genere rivalidato Celestichthys Roberts, 2007. Queste presentano una disposizione del corpo unica composta da barre verticali (Celestichthys erythromicron, Celestichthys choprae, Celestichthys flagrans) o punti chiari (Celestichthys margaritatus) e posseggono barbigli molto corti o assenti.
  2. Danio
    Il genere Danio contiene solo la specie tipo, Danio dangila, separata in base alle sue dimensioni maggiori e alla forma della pinna caudale, che negli adulti è solo leggermente emarginata o addirittura troncata, caratteristica che condivide solo con Tinca tinca (la tinca comune) tra gli altri ciprinidi.
  3. Brachydanio
    Le restanti specie, di cui si ritiene che Brachydanio rerio sia la più antica, sono incluse nel genere riconvertito Brachydanio Weber & de Beaufort, 1916.

Altri studiosi però successivamente (Kullander 2015, Kullander & Britz 2015, Kullander et al. 2015, Zhang et al. 2016) hanno di nuovo riconvalidato il genere Danio come genere comprendente sia le specie di Brachydanio che quelle di Celestichthys, tant'è vero che nel 2016 Kullander & Norén nel descrivere una nuova specie di mini-danio, Danio htamanthinus, hanno continuato ad usare il genere Danio, ignorando Celestichthys che era invece raccomandato da Kottelat per raggruppare i mini-danio. Attualmente nel web e nella carta stampata questi ultimi sono indicati un po' Danio e un po' Celestichthys, a seconda che si prenda per buona la revisione di Kottelat o le ragioni di Kullander.

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Brachydanio
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette