Salta al contenuto principale

Botia almorhae

Gray, 1831

C'è molta confusione circa la corretta identificazione di questa specie e della molto simile Botia lohachata, sembra addirittura che Botia almorhae non sia mai entrata nel commercio acquariofilo e quindi nelle nostre vasche...

Image
Descrizione

Un giovane Botia almorhae con la livrea a perfetti 'yo-yo' - Foto © Emma Turner

Image
Descrizione

Un Botia almorhae sub-adulto, il disegno a yo-yo si è già disgregato - Foto © Richard Wildeman (Loaches.com)

Image
Descrizione

Un Botia almorhae adulto dalla livrea particolarmente reticolata - Foto © Ken Childs (Loaches.com)

Nome comune
Reticulate loach
Sinonimi
Botia lohachata, Botia grandis
Aspettativa di vita
10 - 15 anni
Dimensioni massime in natura

15,5 cm SL

Iniziamo con il dire che c'è una grandissima confusione nell'identificazione delle due specie Botia lohachata e Botia almorhae, a causa della livrea molto simile e soprattutto del fatto che tale livrea cambia molto non solo passando dallo stadio giovanile a quello adulto, ma anche da esemplare ad esemplare. Confusione non solo in ambito acquariofilo ma anche tra gli studiosi, che di volta in volta separano le due specie o le considerano sinonimi.

Attualmente la tesi più accreditata è quella che le due specie siano separate e distinte, ma che il 'botia yo-yo' nei nostri acquari sia la specie Botia lohachata, mentre la specie Botia almorhae non sarebbe neppure commercializzata, per cui quasi del tutto sconosciuta.

Accogliendo questa tesi, è Botia lohachata il botia che ha il soprannome inglese di "yo-yo loach", botia yo-yo, dovuto al disegno della livrea giovanile, che sembra disegnare lettere Y e O alternate, e sono quindi sempre loro ad essere i Botia più diffusi in acquario dopo Chromobotia macracanthus (ex Botia macracantha).

In questo sito sono presenti entrambe le specie, io stessa ho allevato dei pesci che ancora non ho capito bene se erano almorhae o lohachata :) per cui prendete con le molle quanto scrivo, considerando che, essendo comunque strettamente imparentate, quello che vale per Botia lohachata vale anche per Botia almorhae e viceversa.

Le specie del gruppo di Botia almorhae - L'aspetto fisico di Botia almorhae in senso stretto è qualcosa di misterioso. Nelle pubblicazioni scientifiche non appare nessuna foto di esemplari vivi, e il fatto che il team di Seriouslyfish.com non sia stato in grado di trovare un'immagine certificata da nessuna parte, significa che forse non è mai stato visto nel commercio acquariofilo.

Invece i membri più comunemente disponibili del gruppo di specie nominale sembrano essere Botia lohachata, Botia sp. "Kosi" e Botia sp. "Teesta", più ibridi assortiti apparsi fin dall'inizio del secolo (Grant, 2007). Il nome volgare usato più comunemente, quello di "yo-yo loach" deriva dal tipico disegno del corpo nei giovani del gruppo, che è costituito da una serie di barre a forma di "i" e "y" alternate di colore nero, grigio o marrone (di solito 4-5 delle prime, 3 di queste ultime), che nella maggior parte degli esemplari sembra formare la parola yo-yo se si immagina la barre a forma di "i" come se formasse il centro di ogni "o". Con il passare dell'età le barre si rompono in un processo a volte denominato anastomosi.

I membri del gruppo Botia almorhae sono ulteriormente distinguibili dagli altri Botia spp. grazie al colore di base del corpo "biancastro, giallo, dorato, o verde molto chiaro" e alle dimensioni relativamente grandi raggiunte da adulti, fino a 16 cm SL (Grant, 2007).

Botia almorhae - La descrizione di questa specie è molto breve, e a neanche un anno dalla pubblicazione Gray ha pubblicato un disegno dell'olotipo con il nome ormai considerato sinonimo di Botia grandi. E' spesso confuso con Botia birdi e Botia lohachata e quest'ultimo è stato considerato un sinonimo junior da alcuni autori.
La colorazione del corpo nei giovani è giallastra con macchie marroni a forma di "i" e "y" con 1-3 fasce nella pinna dorsale. Con l'avanzare dell'età del pesce il numero di bande aumenta sia nelle pinne pettorali che in quella dorsale e le macchie a forma di "i" e "y" si rompono e fondono in una serie di macchie gialle altamente variabili. In alcuni adulti il disegno a forma di "i" e "y" può rimanere in parte, ma questo non sembra legato al genere (Grant, 2007).

Botia birdi - La colorazione giovanile va dal giallo al beige con le marcature a forma di "i" e "y" da marrone al nero, mentre negli adulti la parte inferiore del corpo è bianco giallastra e più scura in alto. Il disegno a forma di "i" e "y" non raggiunge la superficie ventrale, in alcuni esemplari diventa reticolata e negli adulti più grandi può essere assente del tutto.
Le pinne pettorali, anali e ventrali possono avere sia nessun segno che 2-3 bande; la pinna dorsale ha 2-3 bande dal marrone al nero mentre la caudale 3-4. Chaudhuri (1909) afferma che dopo la cattura il muso nei suoi esemplari era rossastro. Questa specie è molto simile nell'aspetto a Botia almorhae e Grant (2007) ha trovato che le uniche differenze discernibili sono il disegno della livrea, la distribuzione e il numero di vertebre (27-30 in Botia almorhae vs. 30-31 in Botia birdi) ma considera queste caratteristiche sufficienti a mantenere il loro status di specie distinte, in assenza di studi genetici più approfonditi.
Anche se i drenaggi dell'Indo e del Gange attualmente sono separati, si pensa che il fiume Yamuna collegasse i due non più di 4000 anni fa e questo può spiegare la somiglianza di queste specie. In ogni caso è improbabile vedere Botia birdi in commercio, data la mancanza di centri ittici di raccolta commerciali nei suoi fiumi nativi e l'assenza in pratica anche per questa specie di immagini verificate di esemplari vivi.

Botia lohachata - La validità di questa specie non è mai stata completamente risolta da quando è stata descritta utilizzando solo un singolo esemplare giovanile. Da giovane mostra riflessi metallici da dorati ad argentei, mentre il corpo degli adulti varia dal grigio al verde, senza riflessi. Ci sono in genere 3 marcature a forma di "y" che si fondono in un reticolo o rimangono scollegate in alcuni individui di tutte le età. La pinna dorsale ha 2 o 3 barre (di solito 3), la caudale 3-4, l'anale 1-2 (di solito 1), le ventrali 1-4 (di solito il loro numero aumenta con l'età) e le pinne pettorali di solito 3.
Grant (2007) considera questa specie distinta, ma sottolinea che è necessaria una conferma, e si pensa che sia proprio questa specie ad essere esportata per il commercio acquariofilo come "yo-yo loach".

Botia sp. "Kosi" - Questa specie potenzialmente ancora non descritta tende ad avere la colorazione di base del corpo più pallida e una profondità del corpo ridotta rispetto alla lunghezza a confronto di Botia almorhae e Botia lohachata. Grant (2007) ipotizza che possa essere non descritta dal lavoro di Ng e Edds nel 2005, che hanno dimostrato che abitano diversi fiumi in Nepal (ad esempio Kosi, Narayani, Seti, Ghomti, etc.) e mentre in precedenza erano considerati rappresentanti delle stesse specie, sono invece differenti. Botia sp. "Kosi" è disponibile occasionalmente in commercio.

Botia sp. "Teesta"- Grant (2007) considera questa specie non descritta basandosi sulla sua distribuzione (Brahmaputra, al contrario del bacino del fiume Gange) e sul fatto che è leggermente diverso nel disegno della livrea rispetto a Botia almorhae. Questa specie è stata vista anche nel commercio acquariofilo.

Come attualmente riconosciuto, la distribuzione del genere Botia si estende verso est dal bacino del fiume Indo in Pakistan attraverso l'India settentrionale, quindi verso sud attraverso il Myanmar fino al drenaggio Salween (fiume Ataran). Questa distribuzione era in passato molto più ampia, ma studi moderni hanno portato a vari cambiamenti nella tassonomia sia della famiglia che del genere.
Quest'ultimo è attualmente definito dalla seguente combinazione di caratteri, come indicato da Kottelat (2004): lobo mentale sviluppato in un barbo; fontanella fronto-parietale stretta; camera anteriore della vescica natatoria quasi interamente coperta da capsula ossea, camera posteriore grande o piuttosto ridotta; processo anteriore di premascella intero, non circostante una cavità; processo rostrale piuttosto lungo, con una cresta più o meno distinta lungo il bordo interno; la parte superiore del sovra etmoide stretta o larga; forame ottico molto piccolo; colonna vertebrale suborbitale non fortemente curvata all'indietro e bifida; testa nuda.

  • Specie che va allevata in gruppo
  • Specie dal carattere vivace e turbolento
  • Specie che diventa grande: 15 cm di lunghezza
  • Specie non riprodotta in cattività, gli esemplari in commercio provengono dalla cattura in natura, o dalla riproduzione commerciale indotta tramite ormoni. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o d'allevamento.
Distribuzione

Asia: India e Nepal. I giovani sono comuni nel corso inferiore dei fiumi, mentre gli adulti sembrano migrare ai corsi superiori più alti, raggiungendo l'Himalaya a nord, Katmandu nel Nepal, Almorha in Kumaon e Srinagar nel Garhwal Himalaya. La sua presenza è riportata anche in Myanmar.

Botia almorhae sembra appartenere a un gruppo di specie strettamente correlate, ma distinte. A seguito di Grant (2007) questi sono:
Botia almorhae Grey, 1831 - Questa specie viene spesso definita "Pakistani", che è un termine improprio poiché è limitato a parti del drenaggio del fiume Gange nell'India settentrionale e forse in Nepal.
La descrizione di Gray (1831) indica la località tipo semplicemente "Almorah" che corrisponde al distretto di Almora, nello Stato di Uttarakhand, in India, e indica che l'olotipo potrebbe derivare dal fiume Kosi o dal fiume Sot (Grant, 2007). Nel drenaggio di Kosi è stato raccolto vicino alle città di Roorkee e Kashipur (entrambi nello stato di Uttarakhand) ed è stato anche registrato dal fiume Yamuna (stato di Delhi), dal fiume Alaknanda (stato di Uttarakhand), dal fiume Markanda (affluente dello Yamuna in Himachal Pradesh e Haryana States), Ghugger River (Himachal Pradesh State), Kali River (vicino alla città di Meerut e nei distretti Muzaffarnagar e Bijnour, Uttar Pradesh State), Gambhir River (distretto di Sawai Madhopur, Rajasthan State) e Chambal River (Kota district) , Stato del Rajasthan).
Grant (2007) osserva che la popolazione di Chambal ha bisogno di studio per confermare se si tratta di B. almorhae o qualcos'altro.

Botia birdi Chaudhuri, 1909 - Questa specie e Botia lohachata sono incluse qui poiché non sono state ottenute fino ad ora immagini di esemplari confermati. Botia birdi è anche le specie che può essere definita con precisione come "Pakistani" poiché è originaria del drenaggio del fiume Indo in Pakistan e India settentrionale.
In Pakistan è stato registrato negli affluenti lungo gran parte del corso del fiume, compresi i fiumi Kabul e Jove, provincia di frontiera nord-occidentale; in varie località della provincia del Punjab (probabilmente compresi i fiumi Beas e Sutlej); Provincia del Balochistan; vicino alla città di Sanghar, provincia di Sindah.
Una seconda specie del Pakistan, Botia javedi, è stata descritta nel 1995 nel fiume Kabul vicino alla città di Peshawar, ma è attualmente considerata sinonimo di Botia birdi (probabilmente secondo Kottelat, 2004).
Le località indiane includono gli affluenti dell'Indo Jhelam River nello stato di Jammu e Kashmir; il fiume Sutlej, nello stato del Punjab; vicino alla città di Kangra, nello stato di Himachal Pradesh (quasi sicuramente il fiume Beas, un affluente del Sutlej); forse il fiume Tawi, un affluente del fiume Chenab a Jammu e Kashmir.

Botia lohachata Chaudhuri, 1912 - Anche questa specie in passato era stata definita "Pakistani", ma tutti i documenti noti alludono al drenaggio del Gange in India e Nepal. Nel primo è noto in varie località dello stato del Bihar, tra cui Gandak, Jamwari, Balkhau e Shalkia oltre ai fiumi Rapti e Rohini nel distretto di Gorakhpur, nel vicino stato dell'Uttar Pradesh.
In Nepal i documenti includono il Kali Gandaki / Narayani (noto come Gandak in India), i drenaggi fluviali Rapti e Bagmati e le riserve naturali di Bardia e Shukla Phanta.
Grant (2007) osserva che le popolazioni del fiume Karnali / Ghaghara nella zona di Seti, Nepal e del fiume Gomti nello stato dell'Uttar Pradesh, in India, necessitano di ulteriori studi per accertare se sono conspecifici con Botia lohachata o rappresentano altri taxa. La validità è in questione ma attualmente accettata nominalmente.

Botia sp. "Kosi": specie nota nel fiume Kosi in Nepal; nel fiume Hooghly vicino a Calcutta, West Bengal District, India; forse nelle divisioni di Dhaka e Rajshahi, Bangladesh. Questa potrebbe essere una forma di Botia almorhae, ma per alcuni aspetti appare diversa.

Botia sp. "Teesta" - Ad oggi registrata solo nel fiume Teesta / Tista nello stato del Bengala occidentale, in India (parte del drenaggio Brahmaputra). Ancora una volta potrebbe rivelarsi una variante di Botia almorhae.

LEAST CONCERN

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
LEAST CONCERN (minima preoccupazione)

  • Botia almorhae: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: demerso; acqua dolce; Clima tropicale
Botia almorhae è stato rinvenuto nei torrenti collinari all'altitudine minima di 190 m. E' una specie di fiume, che ama la corrente, ma tende a radunarsi in pozze e aree più tranquille caratterizzate da substrati rocciosi. Intraprende migrazioni a monte dei corsi d'acqua prima della deposizione delle uova.

Vai alle pagine sui biotopi dei Botia

Temperatura in natura
20 - 27°C
Valore pH in natura
6.5-7.5
Valori acqua in natura
dH: 5.0 - 12.0
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 120x45x45h cm per un gruppo di almeno 5-6 esemplari
Tutti i botia hanno bisogno di un allestimento ben strutturato, anche se la scelta effettiva degli arredi può variare in base al gusto personale. Una disposizione dal look naturale potrebbe includere un substrato di sabbia fine, non tagliente, per non danneggiarne i delicati barbigli; con un sacco di rocce lisce, sassi e ciottoli, più radici, legni e rami a formare più nascondigli e ripari che si può.
L'illuminazione può essere relativamente bassa, per cui si possono aggiungere solo piante che stanno bene in tali condizioni come Microsorum pteropus (felce di Giava), Taxiphyllum barbieri (muschio di Giava) o Anubias. Queste piante hanno l'ulteriore vantaggio di poter essere attaccate agli arredi in modo da fornire utile ombra.

Bisogna assicurarsi di fornire un sacco di rifugi e ripari, in quanto i Botia sono curiosi e sembrano godere nell'esplorare ogni anfratto dell'ambiente circostante. Rocce, legno, vasi di fiori rovesciati, pezzi di tubo in pvc o terracotta, gusci di noci di cocco, e altri arredi possono essere utilizzati in qualsiasi combinazione per ottenere l'effetto desiderato.
Ricordate che a loro piace stiparsi in piccoli spazi e fessure, per cui è meglio evitare oggetti con bordi ruvidi o taglienti; eventuali buchi o fori troppo piccoli che rischierebbero di intrappolarli vanno riempiti con silicone per acquari.
E' necessario anche un coperchio ben aderente, in quanto a volte amano saltare.
Sebbene non richiedano particolari condizioni di turbolenza, stanno meglio quando l'acqua è ben ossigenata, con una certa corrente. Sono intolleranti all'accumulo di rifiuti organici e richiedono acqua pulitissima per vivere in salute. Per questi motivi non devono mai essere introdotti in acquari biologicamente immaturi e si adattano più facilmente ad acquari stabili e maturi. In termini di manutenzione, dovrebbero essere considerati di routine cambi d'acqua settimanali del 30-50% del volume della vasca.

Comportamento e compatibilità: Non sono particolarmente aggressivi ma non devono essere allevati con pesci molto più piccoli di loro, in quanto possono intimorirli con le loro dimensioni e con il loro comportamento molto attivo e irruento. Deve essere evitata la convivenza anche con pesci dai movimenti lenti e/o con pinne lunghe, come ad esempio Betta, Guppy o molti ciclidi, in quanto spesso ne morsicano le lunghe pinne.
In una grande vasca, possono essere compagni più adatti degli attivi e pacifici ciprinidi d'acque aperte, mentre in vasche più grandi possono essere buone opzioni Barilius, Luciosoma, Balantiocheilos, Barbonymus.
Parlando di pesci da fondo, possono essere alloggiati con la maggior parte dei Botia, e, in grandi vasche, anche con i Chromobotia macracanthus. Stanno bene anche con alcuni cobitidi e nemacheidi, e con le specie di Epalzeorhynchos, Crossocheilus, Garra e molti altri pesci gatto. Come sempre, una ricerca approfondita prima di selezionare una comunità di pesci è il modo migliore per evitare potenziali problemi.

I Botia sono gregari, formano gerarchie sociali complesse e dovrebbero essere allevati in gruppi di almeno 5 o 6 esemplari, preferibilmente 10 o più. Se allevati singolarmente possono diventare eccessivamente timidi o al contrario aggressivi verso pesci di forma simile; se ne vengono acquistati solo un paio o un trio, l'individuo dominante può sottomettere l'altro/gli altri, fino anche a farli smettere di mangiare.
I membri del gruppo Botia almorhae tendono a formare aggregazioni meno affiatate rispetto ad alcuni congeneri, ma dovrebbero comunque essere allevati in gruppi numerosi, poiché richiedono un contatto regolare con i conspecifici, un fatto esemplificato da una serie di rituali comportamentali che sono stati costantemente registrati negli acquari.

Vai alle pagine sull'allevamento dei Botia almorhae/lohachata

Alcuni comportamenti ricorrenti mostrati dai botia sono stati osservati tanto spesso da aver meritato un nome non scientifico per facilità di riferimento.

  • Per esempio, durante i combattimenti per la dominanza (che si verificano più frequentemente quando i pesci vengono inseriti in un nuovo acquario, o vengono aggiunti nuovi individui ad un gruppo esistente) i protagonisti di norma perdono molto del loro disegno e colorazione, tale fenomeno è conosciuto come "greying out", ingrigimento, e di solito non è nulla di cui preoccuparsi.
  • È interessante notare che da alcune osservazioni sembra che il carattere del più alto nella gerarchia sociale, o individuo alpha, influenzi quella di tutto il gruppo, anche se va detto che studi scientifici sul comportamento dei botia sono praticamente inesistenti. Sembra certo che mostrano un certo grado di "personalità", cioè alcuni esemplari possono essere naturalmente più audaci o più aggressivi di altri, per esempio. L'individuo alfa è normalmente il più grande esemplare all'interno del gruppo e spesso è di sesso femminile.
  • Anche lo "shadowing" è un comportamento interessante, in cui gli individui più giovani nuotano letteralmente fianco a fianco degli individui più anziani, imitando ogni loro movimento. Alcuni allevatori segnalano che più pesci piccoli possono seguirne contemporaneamente uno grande, che si ritrova con anche tre o quattro pesci per ogni fianco! La ragione non è conosciuta; può riguardare il rimanere in contatto tra di loro quando i fiumi si gonfiano durante i periodi di inondazioni, la riduzione della resistenza nuotando in formazione, o avere qualche altra funzione comunicativa. E' stato osservato sia in acquari con forte corrente che con poca corrente d'acqua, e sembra essere abituale, tanto che alcuni individui diventano l'"ombra" di pesci di altre specie se non sono presenti conspecifici.
  • Il suono sembra essere un fattore importante nella comunicazione, in quanto sono in grado di produrre un "click" acustico, che aumenta di volume quando sono eccitati. Gli aspetti comportamentali di questo fenomeno rimangono in gran parte non studiati.
  • Un altro comportamento curioso è la cosiddetta "loachy dance", la danza dei botia, che coinvolge un intero gruppo in un costante nuoto agitato intorno ai lati della vasca, di solito utilizzandone l'intera lunghezza e altezza. Le ragioni di questo comportamento sono sconosciute, ma gli inneschi più comuni sembrano essere l'aggiunta di cibo, il cambio d'acqua o l'inserimento di nuovi conspecifici, e può durare da pochi minuti a un giorno o più.
  • I botia spesso amano infrattarsi in angoli particolari, incunearsi verticalmente o lateralmente tra gli elementi di arredo, o addirittura sdraiarsi sul substrato a pancia in sù. Questo non è motivo di allarme e sembra essere un comportamento di riposo naturale. I botia possiedono anche spine sub-oculari taglienti e mobili, che normalmente vengono nascoste all'interno di una piega della pelle, ma vengono erette quando stressati, ad esempio se vengono tolti dall'acqua. E' quindi necessaria molta cura perchè non si impiglino on le spine nel retino, in caso disincastrarli con molta delicatezza, facendo attenzione perché le spine degli individui più grandi possono ferire la pelle umana.

I botia sono soggetti ad una malattia chiamata comunemente "malattia del dimagrimento" (skinny disease) e caratterizzata da perdita di peso e aspetto "scheletrico". Ciò è particolarmente comune negli esemplari appena importati e si pensa sia causata da una specie di flagellati del genere Spironucleus. E' curabile, anche se il farmaco consigliato varia a seconda del paese: gli acquariofili nel Regno Unito tendono ad usare l'antibiotico Levamisolo mentre quelli negli Stati Uniti il Fenbendazolo (aka Panacur).

Temperatura in acquario

19 - 27,5°C. Quasi certamente in natura sperimenta temperature più fredde in determinati periodi dell'anno, ma per l'allevamento in acquario va bene un valore all'interno di questo range.

Temperatura consigliata
22°C in inverno, 25°C in estate
Alimentazione

Anche se i botia sembrano essere prevalentemente carnivori, se disponibili si nutrono volentieri anche di vegetali, spesso anche delle foglie più tenere delle piante acquatiche. La loro dieta in natura consiste in molluschi acquatici, vermi, insetti e altri invertebrati.
In acquario non hanno pretese,  ma deve essere offerta una dieta varia, con mangimi secchi di buona qualità e chironomus, tubifex, artemia, ecc. vivi e/o congelati, oltre a frutta fresca e verdure come cetriolo, melone, spinaci scottati, zucchine. I lombrichi tagliuzzati costituiscono una utile fonte di proteine, ma devono essere usati con parsimonia.
Sono raccomandati anche i pastoni fatti in casa che utilizzano una miscela di ingredienti naturali legati con gelatina.
La maggior parte dei botia preda le lumache acquatiche, anche se non dovrebbero mai essere considerati la risposta ad una infestazione, dato che non sono molluschivori obbligati. Una volta acclimatati in acquario si alimentano con audacia e irruenza, e spesso salgono a mezz'acqua al momento dei pasti.

Comportamento riproduttivo
Specie ovipara
Dimorfismo sessuale

Le femmine mature normalmente hanno un corpo più pieno dei maschi.

Riproduzione

Non ci sono report di riproduzioni di Botia almorhae avvenute in cattività, ma vengono riprodotti commercialmente tramite l'uso di ormoni per il mercato acquariofilo.
Purtroppo questa pratica ha preso una piega diversa negli ultimi anni, in quanto sono apparsi sul mercato un certo numero di ibridi, compreso anche un apparente incrocio tra una forma di Botia histrionica e Chromobotia macracanthus.

Vai alle pagine sulla riproduzione dei Botia almorhae/lohachata

Specie appartenenti al Genere

Reticulate loach

C'è molta confusione circa la corretta identificazione di questa specie e della molto simile Botia lohachata, sembra addirittura che Botia almorhae non sia mai entrata nel commercio acquariofilo e quindi nelle nostre vasche...

Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni max: 15,5 cm SL
Temperatura: 20 - 27°C
Queen Loach

I Botia dario sono tra i botia più piccoli e devono stare in gruppo, ma non sono molto facili da trovare in commercio, a volte si trovano venduti come Botia lohachata, con cui hanno una lieve somiglianza  da giovani

Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Dimensioni max: 15.1 cm TL
Temperatura: 23 - 28°C
Gold Zebra Loach

Sono dei membri relativamente pacifici del genere Botia. Gregari e curiosi, possono essere adatti alle vasche di comunità, ma dovrebbero essere allevati in non meno di 5 esemplari.

Aspettativa di vita: 6 - 8 anni
Dimensioni max: 13.0 cm TL
Temperatura: 25 - 28°C
Polkadot botias

Quando nel 2004 Kottelat ha descritto scientificamente questa nuova specie di Botia, era da tempo che gi appassionati avevano capito che questi botia dall'ineguagliabile livrea costituivano una specie non ancora descritta scientificamente

Aspettativa di vita: 12 15 anni
Dimensioni max: 15.0 cm TL
Temperatura: 24 - 28°C
Yo-Yo Loach; Pakistani Loach

Sembra che il botia chiamato 'yo-yo' per il disegno della livrea diffuso nei nostri acquari sia proprio Botia lohachata, mentre la specie molto simile con la quale si è sempre confuso, Botia almorhae, non sarebbe neppure commercializzata...

Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni max: 15.4 cm TL
Temperatura: 24 - 30°C
Gangetic loach

Sembra che in realtà Botia rostrata sia un raggruppamento di specie diverse, mentre la vera specie Botia rostrata non è mai nemmeno apparsa in commercio....

Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni max: 12 cm TL
Temperatura: 20 - 27°C
Zebra Loach

Botia striata è abbastanza piccolo, tranquillo ed attivo, e deve essere allevato in gruppi perché possano interagire tra di loro e costruirsi una naturale struttura sociale.

Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni max: 7.8 cm SL
Temperatura: 23 - 26°C
Emperor botia, Botia imperatore

Specie rara e costosa, è stata chiamata così in onore di Kamphol Udomritthiruj, ben conosciuto su Loaches Online, che ha raccolto in natura gli esemplari affinché Ng potesse farne la descrizione.

Aspettativa di vita: 10 - 15 anni
Dimensioni max: 11.5 cm SL
Temperatura: 22 - 28°C
Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Botia almorhae
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette