Salta al contenuto principale

Apteronotus albifrons

(Linnaeus, 1766)

Il pesce coltello nero è un predatore notturno, ha un organo elettrico, raggiunge dimensioni notevoli, ha bisogno di molto spazio per nuotare e preferisce ambienti con forte corrente: decisamente non adatto ai comuni acquari domestici

Image
Descrizione

Il pesce coltello Apteronotus albifrons: lo stesso pesce da giovane e da adulto

Nome comune
Black ghost, Pesce coltello fantasma
Aspettativa di vita

15-20 anni

Dimensioni massime in natura

50 cm TL

Il profilo di questo pesce è stato inserito a titolo informativo, in quanto non è consigliabile allevare questa specie nei comuni acquari domestici, a meno che voi non siate tra i pochi eletti con le strutture disponibili per ospitarli per tutta la vita.

Le dimensioni dell'acquario citate più in basso devono essere considerati un minimo assoluto e soprattutto, oltre a richiedere tantissimo spazio, questo pesce richiede anche forte corrente e acqua molto ben ossigenata.

Circostanze impreviste possono capitare a chiunque, ma un animale che raggiunge la sua lunghezza completa non è una circostanza imprevista (It's not just a fish)

L'Apteronotus albifrons appartiene alla Famiglia degli Apteronotidae (Ghost knifefish, pesci coltello fantasma), dell'Ordine dei Gymnotiformes ed è comunemente chiamato pesce coltello, o pesce coltello fantasma, in inglese Black ghost, I nativi sudamericani credono che i fantasmi dei defunti si stabiliscano in questi pesci, da cui il nome.

E' uno di quei pesci straordinari che attraggono spesso gli acquariofili, e che spesso vengono comprati senza informarsi prima delle loro esigenze e di quello di cui hanno bisogno per condurre un'esistenza dignitosa. Infatti è uno di quei pesci che diventano molto grandi, può infatti raggiungere i 50 cm di lunghezza e i 15-20 anni di età, per cui per allevarlo c'è bisogno di una vasca di almeno 2,5 - 3 metri di lunghezza, perché possa nuotare agevolmente, e un allestimento tipo fiume-acquario, perché devono vivere nella forte corrente d'acqua.

Diffidate dei rivenditori che affermano che questo pesce può star bene anche in una vasca di 100-120cm, in quanto questo porterà inevitabilmente ad un arresto della crescita, e quindi ad una maggiore predisposizione alle malattie e alla morte prematura. Non esiste il comprare pesci che arrivano ai 50 cm, ficcarli in un 80 litri, e scaricarsi la coscienza con un 'è piccolo, raggiungerà grosse dimensioni in tempi lunghi e questo giustifica gli 80 litri e CMQ non penso che in vasca cresca così tanto.... anzi penso che la metà o meno sia già un buon successo'... non è successo, è condannare un pesce a morte certa prima della sua aspettativa di vita, stentato e atrofizzato, per averlo comprato senza avere una vasca adatta in cui farlo crescere dignitosamente... Se fosse un cane, un gatto, ad essere allevato dentro una gabbia così piccola da non consentirgli di crescere correttamente, si solleverebbe la pubblica indignazione e l'autore di un tale gesto sarebbe messo giustamente alla gogna... perché per i pesci sembra una pratica così normale???

Inoltre, se siete tra quelli che comprano pesci senza informarsi perchè vogliono solo mostrare agli amici il pesce figo, vi avviso che gli Apteronotus hanno abitudini spiccatamente notturne, per cui staranno nascosti per tutto il giorno, e usciranno a cercare cibo solo di notte, per cui non li vedrete praticamene mai. Tenerli in una vasca spoglia, senza posti in cui si possano nascondere, solo per vederli, è semplicemente CRUDELE. Non c'entra più la disinformazione.

Il pesce è tutto nero tranne due anelli bianchi sulla coda e una fiammata bianca sul naso, che occasionalmente può estendersi in una striscia lungo la schiena. Si muove principalmente ondulando una lunga pinna sul lato inferiore.
Chiunque abbia posseduto un gymnotide è consapevole della sua sorprendente agilità. Questi pesci hanno un comportamento di nuoto davvero unico. Invece di girarsi di lato o curvare il corpo per catturare una preda, come invece fanno generalmente gli altri pesci, quando si imbattono in qualcosa che può essere commestibile fanno semplicemente marcia indietro, utilizzando la loro lunga pinna anale per spingersi a ritroso più velocemente di quanto farebbero in avanti, e quindi regolano l'attacco alla preda.

Le FAQ sugli Apteronotus albifrons, i Ghost Knifefish (pesci coltello fantasma)

Gli Apteronotus albifrons possiedono un organo elettrico, posizionato sul peduncolo caudale, che emette una debole scarica neurogena e recettori elettrici distribuiti dalla testa alla coda, per localizzare le larve di insetti. Tutti i pesci coltello hanno gli occhi piccoli e non usano mai la visione come senso di caccia, ma usano appunto i loro organi elettrici.

Apteronotus albifrons è un pesce debolmente elettrico come risultato dei sistemi elettromotore ed elettrosensoriale che possiede. Mentre alcuni pesci possono solo ricevere segnali elettrici, il pesce coltello fantasma nero può sia produrre che percepire gli impulsi elettrici. La bioelettrogenesi si verifica quando l'organo elettrico specializzato che si trova nella coda del pesce genera segnali elettrici, chiamati scariche di organi elettrici (EOD, electric organ discharges). Quindi, questi EOD vengono rilevati dal pesce: l'elettroricezione si verifica quando i gruppi di cellule sensoriali incorporate nella pelle, note come organi elettrorecettori, rilevano il cambiamento elettrico.
Gli EOD vengono utilizzati per due scopi principali: l'elettrolocalizzazione e la comunicazione.

Il tipo di EOD prodotto può essere utilizzato per distinguere tra due tipi di pesci debolmente elettrici: il tipo a impulsi e il tipo a onda. Apteronotus albifrons è considerato del secondo tipo, perché può generare continuamente EOD a piccoli intervalli. Gli EOD di tipo a onda hanno uno spettro di potenza ristretto e possono essere ascoltati come un suono tonale, dove la velocità di scarica stabilisce la frequenza fondamentale.

Emettendo la propria sequenza sinusoidale continua di EOD, il pesce può determinare la presenza di oggetti vicini, rilevando perturbazioni nella tempistica e nell'ampiezza dei campi elettrici, un'abilità nota come elettrolocalizzazione attiva. I particolari organi utilizzati per rilevare gli EOD ad alta frequenza auto-generati sono organi elettrorecettori tuberosi.
D'altra parte, quando i campi elettrici a bassa frequenza sono generati da sorgenti esterne invece che dal pesce stesso, si parla di elettrolocalizzazione passiva, e per rilevarli viene utilizzata una classe diversa di organi elettrorecettori, chiamati organi ampollari. Pertanto, il pesce coltello fantasma nero utilizza un elettrosistema attivo e uno passivo, ciascuno con i propri organi recettori corrispondenti. Il pesce può anche utilizzare un sistema di linee laterali meccanosensoriali, che rileva i disturbi dell'acqua creati dal movimento del corpo del pesce.
In quanto cacciatori notturni, i pesci possono fare affidamento su tutti e tre i sistemi per navigare attraverso ambienti bui e rilevare la loro preda.

Ogni specie ha un intervallo di frequenza basale EOD caratteristico, che varia anche con il sesso e l'età all'interno della specie. La frequenza di base viene mantenuta pressoché costante a temperatura stabile, ma di solito verrà modificata a causa della presenza di altri membri della stessa specie. Tali cambiamenti di frequenza rilevanti per l'interazione sociale sono chiamati modulazioni di frequenza (FM). Il ruolo che questi FM hanno nella comunicazione è significativo, poiché Apteronotus albifrons ha sviluppato risposte comportamentali per evitare le interferenze, cioè la sovrapposizione di frequenze EOD tra individui conspecifici per prevenire la confusione sensoriale.

Inoltre, è stato condotto uno studio incentrato sul dimorfismo sessuale nei segnali di elettrocomunicazione. L'Apteronotus albifrons femmina genera EOD a una frequenza più alta rispetto ai maschi, un FM che può essere utilizzato per il riconoscimento del genere. Uno studio ha scoperto che il pesce coltello fantasma nero subordinato mostra notevoli aumenti graduali di frequenza (GFR) nei suo EOD, mentre il pesce dominante no, supportando l'ipotesi dei ricercatori che i GFR durante la comunicazione siano indicativi di segnali di sottomissione.
In questa pagina della wikipedia inglese potete trovare molti riferimenti interessanti sull'organo elettrico degli Apteronotus.

È possibile utilizzare un dispositivo per convertire i segnali elettrici di un pesce in cattività in suono udibile, consentendo agli ascoltatori di sentire il pesce "parlare". Il Museo Bakken di Minneapolis ha un'esposizione con un tale dispositivo e un pesce coltello fantasma nero.

  • Specie che diventa grande: fino a 50 cm
  • Specie solitaria e predatrice: mangia piccoli pesci
  • Specie che ha bisogno di acqua con forte corrente e molto ossigenata
  • Specie non riprodotta in cattività, gli esemplari in commercio provengono tutti dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o d'allevamento.
Distribuzione

Sud America: dal Venezuela al Paraguay e nel fiume Paraná. Si trova anche nel bacino amazzonico del Perù

Habitat

Ambiente: bentopelagico; acqua dolce; Clima: tropicale
Si trova in corsi d'acqua con forte corrente, in torrenti con fondo sabbioso

Temperatura in natura

23 - 28°C

Valore pH in natura

6.0 - 8.0

Valori acqua in natura
dH: 5 - 19
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 250x60x60h cm per un singolo esemplare, sono molto aggressivi con i conspecifici e per allevarne due ci vorrebbe un acquario davvero enorme.
Per gli esemplari più giovani e più piccoli potrebbe bastare una vasca più piccola, ma non bisognerebbe mai comprare dei pesci se non si è sicuri di poterli ospitare per tutta la loro vita (quanti comprano un pesce dicendo 'quando crescerà comprerò una vasca più grande' poi lo fanno davvero?). Inoltre se tenuti in vasche inferiori ai 250 cm hanno una crescita stentata, sviluppano deformità e nanismo, e muoiono rapidamente.
Preferisce ambienti in penombra, per cui sono necessari fondo sabbioso scuro e luce schermata da piante galleggianti, e soprattutto una forte corrente e acqua satura d'ossigeno; ideale sarebbe un allestimento tipo fiume-acquario. Se tenuti in normali acquari dove l'unica corrente è assicurata dall'uscita della pompa del filtro, avranno vita molto breve. Semplicemente, asfissieranno per mancanza d'ossigeno, perché come succede con i balitoridi, come ben spiegato in questo articolo, il loro organismo è fatto per respirare dove ossigeno ce n'è tanto, dove ce n'è poco non riescono ad assumerlo.
L'acquario deve essere fittamente piantumato con piante che formino grandi cespugli, e vanno usati rami, radici, sassi, in modo da formare zone ombreggiate, rifugi e nascondigli, dove i pesci possano rifugiarsi di giorno, in quanto sono prevalentemente notturni.
Come tutti i pesci che in natura vivono in acque correnti, sono intolleranti all'accumulo di inquinanti nell'acqua, che deve esser sempre pulitissima e priva di nitrati, per cui è indispensabile un regime regolare di cambi d'acqua.

Comportamento e compatibilità: possono andare dal tranquillo all'aggressivo, da individuo a individuo, ma anche in base alla vasca e ai coinquilini, se sono più o meno adatti alla convivenza. In generale è una specie solitaria e tranquilla che manifesta aggressività solo nei confronti dei conspecifici, ed è pacifico specialmente se allevato come unico esemplare della sua specie insieme ad altri pesci tranquilli e delle sue stesse dimensioni: non va allevato con pesci più piccoli, con i quali diventa aggressivo, perché essendo n predatore, li considera solo come cibo.
Attenzione va fatta anche al particolare tipo di ambiente che esigono per stare bene: gli altri pesci vanno scelti tra quelli che hanno le stesse esigenze di forte corrente e acqua ossigenata.

Alimentazione

E' un micropredatore di larve d'insetto. Il pesce nuota all'indietro, caratteristica di due comportamenti di ricerca del cibo: ricerca della preda e sua valutazione. Nel valutare una potenziale preda, di solito viene "scansiona" dalla coda alla testa nuotando all'indietro, quindi ingerita dopo un breve affondo in avanti. Una scansione nella direzione opposta - dalla testa alla coda a nuoto in avanti - avrebbe come risultato finale la preda vicino alla coda, e quindi fuori posizione per l'affondo finale.
In acquario, essendo quasi sempre provenienti dalla cattura in natura, hanno difficoltà ad accettare mangime secco, il più delle volte necessitano di cibo vivo e congelato, in particolare chironomus, e con pazienza in genere si riesce nel tempo ad abituarli al secco.

Non deve essere alimentato con carne di mammiferi o avicola, come cuore di manzo o pollo, poiché alcuni dei lipidi contenuti in queste carni non possono essere adeguatamente metabolizzati dai pesci e possono causare depositi di grasso e degenerazione degli organi.
Allo stesso modo non vi è alcun beneficio nell'usare come alimentazione dei pesci vivi come poecilidi o piccoli pesci rossi, che portano con sé il rischio di introdurre parassiti o malattie, e in ogni caso non hanno in genere un alto valore nutritivo se non adeguatamente condizionati in anticipo.

Comportamento riproduttivo
Specie ovipara
Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale è praticamente inesistente, da adulti la femmina dovrebbe avere la pancia più gonfia, per via delle uova.

Riproduzione

In acquario non è mai stata registrata, anche per le dimensioni che dovrebbe avere una vasca adatta.
Sembra che sia stata ottenuta una riproduzione "documentata" presso il Museo Nazionale di Nancy, in Francia (dove gli Apteronotus erano anche stato utilizzati come 'biomonitor' delle condizioni dell'acqua grazie al loro organo elettrico), simulando l'alternarsi della stagione secca e delle piogge. Gli esemplari misuravano dai 45 ai 50 cm e la deposizione delle uova è avvenuta in superficie, in un 'nido' costruito dal maschio.

Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Apteronotus albifrons
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette