Salta al contenuto principale

Ancistrus ranunculus

Muller, Rapp Py-Daniel & Zuanon, 1994

E' una specie dall'aspetto un po' strano, ma non è il pesce più semplice da mantenere vivo in acquario, in quanto ha necessità piuttosto specializzate ed è spesso in cattive condizioni post-importazione, quando si trova nei negozi, senza contare che spesso viene comprato come 'mangia-alghe' senza approfondire quali siano le sue esigenze e necessità.

Image
Descrizione

Ancistrus ranunculus - Foto © Enrico Richter (Aqua-global)

Nome comune
Medusa pleco
Aspettativa di vita
8 - 10 anni
Dimensioni massime in natura

12.9 cm SL

L'idea che i "pesci pulitori" siano indispensabili per mantenere l'equilibrio dell'acquario o che siano in qualche modo "necessari" è totalmente falsa e senza alcun fondamento.

E' una specie dall'aspetto un po' strano, con una distintiva testa larga e complessivamente appiattita. Purtroppo non è il pesce più semplice da mantenere vivo in acquario, in quanto richiede condizioni piuttosto specializzate ed è spesso in cattive condizioni post-importazione, quando si trova nei negozi.

Da giovane, spesso mette in mostra un disegno a spot chiari sul corpo, il che porta a confonderlo con la specie L255, di forma simile. La differenza è che in Ancistrus ranunculus queste macchie sbiadiscono mano a mano che il pesce matura, mentre vengono mantenute per tutta la vita in L255.

Al momento dell'acquisto di qualsiasi specie di Loricaride controllare sempre che i pesci abbiano la pancia arrotondata e che gli occhi non siano infossati, in quanto questi sono classici segni di deperimento negli esemplari appena importati, e spesso da questo stato i pesci non si riprendono più.

Un ultimo punto da notare è che bisogna prestare la massima attenzione quando si cercano do catturare con un retino le specie di Ancistrus, perché gli odontidi sulle guancia (le spine che possono essere sollevate in caso di aggressione o per difesa, che si trovano su entrambi i lati della testa) e le spine pettorali possono facilmente impigliarsi nelle maglie dei retini da acquario.

Distribuzione
Sud America: bacini dei fiumi Xingu e Tocantins in Brasile.
Habitat

Ambiente: demerso, acqua dolce; clima tropicale.
Abita acqua chiara e corrente, senza però una corrente troppo forte, ad una profondità di 3 metri durante la stagione secca. Preferisce strette fessure tra le rocce sommerse, piccoli passaggi tra rocce sovrapposte, le rocce piatte sul fondo, sotto le quali trova rifugio.

Temperatura in natura
25 - 28°C
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 80 cm di lunghezza sono il minimo per ospitare una coppia di esemplari; per un gruppo ci vuole uno spazio maggiore.
Un allestimento tipo torrente con substrato di ghiaia o sabbia con pietre arrotondate e rocce è quello che simulerebbe meglio il loro biotopo naturale, ma stanno ugualmente bene anche negli acquari piantumati. Però la loro necessità fondamentale è di acqua ben ossigenata e con tanto movimento, e in genere le piante non vivono molto bene in queste condizioni. Però tendono a non stare bene ed ad ammalarsi spesso se non c'è una certa corrente in acquario.

Comportamento e compatibilità: Una specie generalmente pacifica. In un allestimento biotopo, buoni compagni di vasca possono includere caracidi quali Anostomus, Hemiodus, Semaprochilodus e Metynnis, ciclidi reofili (che amano la corrente) quali retroculinae e altri loricaridi che richiedano condizioni simili.
Nonostante la sua natura pacifica, questa specie non è la scelta migliore per i comuni acquari di comunità, per le sue esigenze piuttosto specializzate. Se ne state allevando più di uno, assicuratevi che ognuno abbia il suo rifugio che possa eleggere come sua dimora, e aspettatevi comunque qualche battibecco territoriale.

Alimentazione

Preferisce una dieta più ricca di proteine rispetto alla maggior parte delle specie di ancistrus, per cui la sua dieta va integrata con mangime secco di buona qualità affondante ed offerte regolari di cibo vivo e/o congelato, come chironomus, cozze tritate, gamberi e simili.
E' importante purtroppo sottolineare che, come tutti i cosiddetti mangia-alghe, non possono sopravvivere solo con le alghe che crescono in acquario, e men che meno possono sopravvivere solo con gli avanzi degli altri pesci: come acquariofili siamo tenuti a garantire che tutti i pesci che alleviamo abbiano la giusta razione di cibo, e offrire loro una dieta varia e calibrata sulle loro esigenze.

Dimorfismo sessuale
Solo i maschi sviluppano la folta crescita di tentacoli che coprono la testa.
Riproduzione

Non è una specie facile da riprodurre. Se ci si vuole provare seriamente è quindi meglio allestire un acquario separato, dedicato alla loro riproduzione. Il modo migliore per ottenerne una coppia è comprare un gruppo di almeno 6 giovani pesci e farli crescere insieme. Sarà necessario un acquario di circa 80 cm di lunghezza per consentire ai maschi di stabilire ognuno il proprio territorio. L'acquario va arredato con un sacco di grotte e rifugi, in quanto, come gli altri Ancistrus, depone in cavità. La roccia è il materiale preferito per le grotte, ma si riproducono anche in vasi da fiori, pezzi di tubo in PVC, ed altro, se non ci sono rocce disponibili. Ciò che è importante è che gli ingressi delle possibili tane devono essere solo leggermente più grandi del pesce.
L'acqua deve essere tenera, acido, molto ben ossigenata e turbolenta. Il pH dovrebbe essere di circa 6,0-6,5, e la temperatura 26-28°C. Non vi è alcuna necessità di utilizzare un substrato. Condizionate i pesci con un sacco di cibo vivo e/o congelato. Una volta che il sesso dei pesci diventa individuabile, potreste dover lasciare un solo maschio nella vasca con 2 o più femmine, per evitare troppi combattimenti fra gli stessi maschi, che potrebbero portarli a non riprodursi per nulla.

Se i pesci vengono tenuti in condizioni corrette e nutriti con una buona dieta, spesso si riproducono senza ulteriori interferenze. I maschi sceglieranno una grotta e la difenderanno con forza contro gli altri maschi, mentre al contrario cercheranno di attirarvi le femmine all'interno. Quando un maschio avrà successo, verrà fatto uscire dalla sua caverna per breve tempo, mentre la femmina va dentro per deporre le uova. Quando ha finito il maschio rientra nella grotta e le feconda. La femmina non svolge alcun parte ulteriore nella cura delle uova, è il maschio che si assume la responsabilità esclusiva di difendere la grotta contro gli intrusi, e curare le uova. Questo lo fa ventilandole vigorosamente quasi costantemente con le pinne. I

l maschio può anche permettere che più femmine depongano le uova nella grotta, prendendosi cura di tutte con diligenza. Anzi, in realtà sembra che le femmine abbiano maggiori probabilità di deporre le uova con un maschio che è già alla guardia di uova o avannotti. E' stato ipotizzato a questo proposito che i caratteristici tentacoli sulla testa del maschio fungano da esche per le potenziali compagne, essendo progettati per assomigliare agli avannotti .

Le uova sono grandi e arancioni, e si schiudono in 4-5 giorni. Gli avannotti poi rimangono nella grotta, sotto la protezione del maschio, per un altro paio di giorni, fino a quando hanno esaurito il loro sacco vitellino. A questo punto la cura della covata di solito, anche se non sempre, cessa. Gli avannotti avranno bisogno essere alimentati costantemente e presantemente con vegetali, come spinaci sbollentati, fette di cetriolo, wafer di alghe, e piccoli invertebrati acquatici come microworm o naupli di artemia salina. Assicuratevi che il cibo sia disponibile in ogni momento, perché gli avannotti sono alimentatori voraci e possono facilmente morire di fame se non hanno una fornitura costante di cibo.

Possono essere lasciati nella vasca di deposizione delle uova, se lo si desidera, perché gli adulti non danno loro fastidio, oppure possono essere trasferiti in un acquario di accrescimento separato, contenente acqua identica. La dimensione della covata può variare, ma in genere è composta da almeno 40-50 avannotti. Siate pronti a spostare alcuni di loro in acquari separati se le differenze nel tasso di crescita diventano evidenti, perché i pesci più grandi vinceranno la competizione alimentare sui più piccoli.

Se avete problemi nell'ottenere la deposizione delle uova, provate ad effettuare un grande cambio d'acqua (50-70%) con acqua fredda, simulando l'arrivo di acqua più fredda nella stagione delle piogge che accade in natura. Ripetere ogni pochi giorni, fino a quando vedrete le uova.

Specie appartenenti al Genere

Bushymouth catfish

Questa specie non è sempre identificata correttamente, e con il suo nome vengono spesso etichettati ancistrus di specie simili o non ben identificabili, comprati in genere solo come 'mangia-alghe' senza alcun approfondimento delle loro esigenze e necessità

Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni max: 11.8 cm SL
Temperatura: 23 - 27°C
Medusa pleco

E' una specie dall'aspetto un po' strano, ma non è il pesce più semplice da mantenere vivo in acquario, in quanto ha necessità piuttosto specializzate ed è spesso in cattive condizioni post-importazione, quando si trova nei negozi, senza contare che spesso viene comprato come 'mangia-alghe' senza approfondire quali siano le sue esigenze e necessità.

Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni max: 12.9 cm SL
Temperatura: 25 - 28°C
Common Bristlenose Catfish, Ancistrus

E' l'onnipresente 'Ancistrus', presente in tutti i negozi d'acquari, riprodotto commercialmente su larga scala, e comunemente comprato come 'mangia-alghe' senza approfondire ulteriormente quali siano le sue necessità ed esigenze d'allevamento.

Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Dimensioni max: 10 - 12 cm
Temperatura: 21 - 26 °C
Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Iscriviti a Ancistrus ranunculus
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette