Salta al contenuto principale

Le Lumache d'Acqua Dolce & Salmastra

Presenti in moltissimi acquari, spesso non intenzionalmente, le lumache acquatiche non solo non sono pericolose, ma secondo me fanno molto bene al "sistema" acquario, svolgendo molte funzioni utili e positive.

Reusable image
Image

Capita praticamente in tutti gli acquari, specialmente in seguito all'introduzione delle piante, di scoprire in vasca qualche piccola lumachina... non è il caso di gridare subito all'orrore e alla catastrofe, spiaccicandole subito o peggio, ricorrendo a lumachicidi o a pesci spacciati per "divoratori di lumache", comprati per farsele mangiare senza considerare le loro specifiche esigenze...

Le lumache non solo NON sono pericolose, ma secondo me FANNO BENE al "sistema" acquario, svolgendo molte funzioni utili e positive: sono mangiatrici d'alghe e detrivore, si nutrono cioè degli "scarti", di quello che avanza, e che andrebbe senza il loro intervento in decomposizione; inoltre le melanoides, quelle a tronco di cono, insediandosi nel substrato del fondo, con il loro movimento contribuiscono a mantenerlo "mosso", impedendo la formazione di zone anossiche.

Non è vero inoltre che si mangiano le piante, le lumache che in genere si nutrono di piante appartengono alla famiglia delle Ampullarie, che diventano belle grosse, e non sono quindi quelle lumachine sempre o quasi presenti in acquario. Mangiano solo le foglie che stanno già andando in decomposizione, eliminando quindi una potenziale fonte di inquinamento per l'acquario; non sono poi, men che meno, pericolose per i pesci. [1]

Rimedi alle infestazioni

Le lumache, se rimangono in numero accettabile, devono essere abitanti bene accetti in un acquario d'acqua dolce; un discorso diverso si può fare se il loro numero comincia ad aumentare fino a diventare "non accettabile", ma questo quando avviene?
Le lumache con il guscio a forma di tronco di cono, che hanno il nome scientifico di Melanoides tuberculata, si mantengono direi sempre in numero accettabile, perché più di un tot nel fondo non ce ne possono stare, e in genere si "auto regolano" da sole, quando diventano veramente troppe la popolazione diminuisce spontaneamente. Anche se nella mia vasca piccola sono arrivate ad essere molto più di un centinaio, escono dalla sabbia del fondo solo alla notte, o poco prima di spegnere luci (quindi non possono essere considerate un problema puramente "estetico") e non ho mai riscontrato problemi di nessun tipo, né per le piante, né per i valori dell'acqua (nitriti assenti e nitrati tra 5 e 10 mg/l, KH e GH senza alcuna variazione)

Le lumache piccole con il guscio semitrasparente, le Planorbis, e quelle più grandine come Physa e Limnea vivono invece girando per l'acquario, sulle piante e sugli arredi, e il loro numero talvolta può davvero crescere a dismisura, fino a ritrovarsi delle vere e proprie infestazioni con lumache dappertutto.
Ma, notate bene, le infestazioni di lumache sono un provvidenziale "campanello d'allarme" per gli acquariofili, sono un segnale ben visibile che qualcosa non va nella gestione della vasca: infatti per far sì che il loro numero si riduca in termini più accettabili non occorre né inserire pesci "mangia-lumache", che hanno tutti caratteristiche molto particolari poco compatibili con le comuni vasche di comunità, né tanto meno ricorrere a prodotti chimici che possono essere devastanti per tutto l'equilibrio della vasca. Basta molto più semplicemente rivedere il proprio modo di gestire l'acquario, perché il loro proliferare a dismisura è indice proprio di una poco attenta, se non addirittura cattiva, gestione della vasca.
Infatti se il numero delle lumache aumenta, vuol dire semplicemente che tutte trovano cibo da mangiare, quindi la prima cosa da fare è di ridurre le razioni di mangime ai vostri pesci, perché se ne avanzano troppo vuol dire che ne mangiano troppo, altrimenti sarebbero loro i primi ad andare a ricercarsi gli avanzi. Farà loro solo del bene, una tra le principali cause di morte dei pesci d'acquario è proprio la sovralimentazione. Quindi cercate di eliminare qualsiasi fonte di cibo e inquinamento, come le foglie delle piante che iniziano a marcire, e intensificate i cambi d'acqua sifonando nel contempo benissimo il fondo, in modo da ridurre il carico organico presente in vasca.
Vedrete che in questo modo ci vorrà un po' di tempo, ma piano piano il numero delle lumache scenderà drasticamente, fino ad arrivare ad un numero accettabile, e voi non vi ritroverete in vasca pesci mangialumache ingestibili di cui non sapete più che fare o pericolose scorie di prodotti chimici.

Reusable image
Image
Descrizione

Uova di lumaca, avvolte in una massa gelatinosa trasparente

...Poi le lumache non hanno mai ucciso nessuno mentre un botia si. (EC su it.hobby.acquari)

Rimedi peggiori del male

Ricorrere a rimedi "distruttivi" come inserire pesci "mangia-lumache" spesso si rivela un'arma a doppio taglio: i pesci comprati senza informarsi possono trasformarsi in veri flagelli per l'acquario: i pesci non sono attrezzi, sono essere viventi, con le loro determinate esigenze come un qualsiasi altro essere vivente.
I Chromobotia macracanthus, i mangialumache più famosi, spesso vengono comprati per vivere da soli (e sono pesci di gruppo) in acquari per loro piccolissimi (e arrivano ai 30 cm di lunghezza) e non c'è da stupirsi allora se iniziano a "sclerare", a dare problemi: possono dare fastidio ad altri pesci (stroncare le code dei guppy ad esempio, ma su it.hobby.acquari ho letto più di una persona riferire di occhi dei neon cavati dalle orbite), possono rosicchiare e "bucare" le piante (e poi magari si dà la colpa dei buchi alle lumache!), specialmente se nutriti con una dieta inadeguata; possono al contrario stare sempre nascosti e morire pian piano d'inedia se troppo spaventati per essere da soli. Inoltre non è detto che si mangino le lumache, specialmente se si ha l'abitudine di nutrire troppo i pesci (e in genere chi ha infestazioni di lumache è proprio perché dà troppo cibo).
Tutte le specie di botia poi sono delle vere e proprie idrovore, si buttano ad armi spiegate su qualsiasi tipo di mangime metterete in vasca, e se gli altri pesci non sono specie dal caratteraccio pari al loro, soffriranno seriamente la fame...

Tutti i pesci etichettati come "mangia-lumache" hanno in genere caratteristiche poco compatibili con i comuni acquari di comunità, scartati i Chromobotia (ex Botia) macracanthus per i motivi già detti sopra, sono forse più adatti ad acquari medio/piccoli i Botia più piccoli, come ad esempio Botia striata, Botia dario, Ambastaia (ex Botia) nigrolineata, tenendo conto però che sono sempre botia, ovvero potenzialmente turbolenti e vivaci, e che non vanno abbinati a pesci piccoli e tranquilli. Mangiano le lumache di buon grado anche i Badis badis e i piccoli Dario dario, bisogna tener conto però che una volta terminate le lumache mal si adattano a mangiare mangime secco, prediligono il cibo vivo e possono accettare tuttalpiù il cibo surgelato. Inoltre i Dario dario sono veramente piccoli, non superano 1,5 cm di lunghezza, e soffrirebbero la competizione alimentare con pesci più grandi e vivaci, sempre che non vengano direttamente mangiati loro.
I pesci palla, consigliati purtroppo troppo spesso, come i Botia non sono adatti alle vasche di comunità, primo perché la maggior parte sono d'acqua salmastra, e secondo perché anche le specie che possono vivere in acqua dolce sono molto aggressive sia tra di loro che con eventuali (e malcapitati) coinquilini.
Non da ultimo, tutti i pesci "mangia-lumache" le mangiano per il loro spiccato senso predatorio, che li porterà inevitabilmente a cacciare, oltre le lumache, anche qualsiasi altra piccola preda che troveranno in acquario: uova, avannotti, piccoli di caridina, le caridine stesse specie se le beccano mentre fanno la muta... quindi se avete qualche pesce che speravate di poter portare alla riproduzione, nella loro vasca potete anche scordarvelo.

Al link seguente potete trovare un elenco di schede dei principali pesci etichettati come mangialumache, guardatene caratteristiche e dimensioni prima di pensare di metterli in vasca, e ricordate che il web è pieno di gente che chiede aiuto perché ha problemi non con le lumache, ma con i pesci che ha inserito per farle mangiare.

Tenete conto anche del fatto che possono capitare pesci etichettati come "mangialumache", botia compresi, che mangiano di tutto tranne le lumache!!!

Non parliamo poi dei lumachicidi chimici, veri e propri "veleni" non solo per le lumache, ma anche per pesci ed invertebrati come le caridine... Possono fare delle vere e proprie stragi se non usati correttamente, senza contare che comunque risolvono il problema solo momentaneamente, una volta terminato di usarlo le lumache si ripresenteranno più in forma di prima.

Hanno influenza sui valori dell'acqua?

Infine, un'annotazione sul loro allevamento: nonostante a volte per diminuirne il numero si consigli di abbassare durezza e pH, in modo che le lumache abbiano più difficoltà a costruirsi la conchiglia, e quindi crescano meno di numero, io nelle mie vasche non ho notato mai una loro diminuzione, nonostante abbia valori bassi, nella vasca grande KH 2, GH 3 e pH 6-6,5 e nella piccola KH 2, GH 3 e pH 7-7,5.
Hanno sì una crescita ciclica, nel senso che hanno periodi di crescita esponenziale, e periodi in cui decrementano lentamente, ma non in relazione ai valori dell'acqua, che sono pressoché costanti, ma bensì alla disponibilità o meno di cibo: quando ho avannotti da far crescere (=parecchio cibo molto spesso) aumentano, quando ho solo adulti, e do meno cibo meno spesso, diminuiscono.

Altra cosa, né quando sono tantissime, né quando sono poche, ho mai notato una variazione nei valori dell'acqua, probabilmente perché nel ciclo della loro vita se prima tolgono carbonati all'acqua, dopo morte i gusci rilasciano in acqua ciò che hanno tolto, mantenendo così la situazione in equilibrio... (pura mia supposizione, naturalmente :-))

Infatti, ho avuto conferma su it.hobby.acquari che in molte vasche accade l'esatto opposto: più le lumache prolificano e più il KH diminusce, costringendo in alcuni casi i proprietari della vasca a doverlo integrare artificialmente per non trovarselo a 0 in pochi giorni.

A che cosa sia dovuta questa differenza non saprei proprio (si parla sempre di proliferazione delle comuni lumachine infestanti, non ampullarie giganti o altro, e in vasche dai 40 agli 80 litri).

  • Molte delle lumache vendute per l'acquario d'acqua dolce sono in realtà d'acqua salmastra/marina, e in acqua dolce sopravvivono molto poco.
  • Alcune specie non si riproducono in cattività, gli esemplari in commercio provengono dalla cattura in natura.

27 GEN 2005
Aggiorno questa pagina per segnalare che mi è arrivata qualche e-mail di acquariofili che dicevano di aver notato che, a differenza di quanto sostengo, le lumachine dei loro acquari, anche le melanoides, mangiavano e rovinavano le piante.
Ora, il fatto che in genere non mangino le piante non è confermato solo da me, ma da tantissimi altri acquariofili, e si possono leggere le loro testimonianze nei messaggi di it.hobby.acquari....
Ciò non toglie che ci sono testimonianze che in qualche caso può accadere, in particolare Angelo in una mail segnalava appunto di aver visto con i suoi occhi le melanoides mangiarsi le foglie più tenere delle anubias e di altre piante, in genere considerate "resistenti"... e che aveva visto la situazione risolversi dopo l'inserimento di due botia, che hanno fatto sparire le lumache...
Oltre che il mondo è bello perché è vario :-) bisogna anche dire che molto probabilmente di specie e generi di lumachine ne esistono molti di più di quello che pensiamo, e che uno si può ritrovare in vasca lumache molto diverse, anche se simili nell'aspetto esteriore.
[torna su]

Specie appartenenti all'Ordine

Assassin snail, Lumaca killer

Le Anentome hanno la caratteristica di essere lumache carnivore: vengono chiamate "lumache killer" perché in acquario si nutrono delle altre lumache presenti.

Dimensioni max: 1,5 - 2 cm
Zebra apple snail, Ampullaria zebra

E' una lumaca acquatica dai movimenti lenti e dal comportamento prevalentemente notturno

Ramshorn snail

Una lumaca d'acquario male identificata (spesso indicata come Helisoma nigricans), e uno dei vettori di uno stadio del parassita che provoca la schistosomiasi nell'uomo

Simile alla cugina Melanoides tubercolata, può raggiungere i 10 cm di lunghezza ed ha bisogno di mangiare molto e in continuazione per rimanere in salute.

Dimensioni max: 10 cm

Una delle specie più diffuse tra quelle del genere Brotia, grazie al bel guscio dalla forma insolita, può raggiungere i 5,5 cm di lunghezza e deve poter mangiare in continuazione per rimanere in salute.

Dimensioni max: 5,5 cm
Horned Nerite, Neritina cornuta

Potrebbe essere una delle specie in commercio come mangia-alghe negli acquari d'acqua dolce, ma sono lumache esclusivamente d'acqua salmastra o marina.

Aspettativa di vita: 2 - 4 anni
Dimensioni max: 1,7 cm di diametro
Horned Nerite, Neritina cornuta

Potrebbe essere una delle specie in commercio come mangia-alghe negli acquari d'acqua dolce, ma sono lumache esclusivamente d'acqua salmastra o marina.

Dimensioni max: 1,5 cm
Horned Nerite, Neritina cornuta

Vengono commercializzate con questo nome (o anche come 'sowerbyana') delle lumachine dalla colorazione molto variabile

Dimensioni max: 1,7 cm di diametro

Questa specie da molti autori è stata ascritta ad un nuovo genere, ed è diventata Pseudosuccinea columella

Aspettativa di vita: 1 anno

E' una specie di Lymnaea che in natura vive in acque stagnanti ricche di vegetazione ed è presente in quasi tutta Europa, Italia compresa

Queste lumache mangiano tutto ciò che trovano: piante morte e in decomposizione, molti tipi di piante acquatiche, animali morti, uova di altri animali. Non sono adatte per acquari piantumati.

Live bearer snail, Malayan snail

Sono tra le più onnipresenti lumache "infestanti" degli acquari, insieme solo forse alle Planorbis, ma sicuramente sono più utili che dannose :)

Una tra le lumache mangia-alghe venduta spesso come Neritina zebra o Neritina natalensis

Aspettativa di vita: 3 - 6 anni

Le lumache del genere Neritina sono molto difficili da distinguere tra loro, e sono tra le poche lumache ricercate dagli acquariofili :) perché mangiano tutti i tipi di alga

Aspettativa di vita: 3 - 6 anni
Dimensioni max: 2,5 cm di diametro

Belle e affascinanti lumache acquatiche, dai luminosi occhi rosso-arancio, non facili da trovare in commercio.

Dimensioni max: 3 cm
Temperatura: 18 - 27°C

Sono tra le tante lumachine non ben identificate che appaiono nelle vasche degli acquariofili senza essere state consapevolmente introdotte

E' molto simile a Physa acuta, la lumaca 'infestante degli acquari d'acqua dolce, e spesso viene confusa con quest'ultima

Ramshorn snail

Una lumaca d'acquario che si trova in commercio più spesso nella variante albina rossa,e che diventa abbastanza grande.

Aspettativa di vita: 3-5 anni
Dimensioni max: 3,5 - 4 cm
Temperatura: 4 - 27°C
Ramshorn snail

Una lumaca ornamentale tra le 'Ramshorn', a guscio piatto, che si trova in varie forme, red, pink, blue, e che apparteneva al genere Helisoma

Ramshorn snail

Sono tra le più onnipresenti lumache "infestanti" degli acquari, seconde solo forse alle Melanoides, ma sicuramente sono più utili che dannose :)

Apple snail, Ampullaria

Si pensava che fosse questa specie la più diffusa in commercio come "apple snail", mentre attualmente è riconosciuto che non viene affatto esportata, quella che si pensava fosse Pomacea bridgesii è in realtà Pomacea diffusa.

Aspettativa di vita: 4-5 anni
Dimensioni max: La dimensione della conchiglia varia da 4 a 5 cm. di larghezza e 4,5 - 6,5 cm. d'altezza.

Bella e grande ampullaria, mangia quasi tutti i tipi di pianta e non è quindi adatta per nulla ad acquari piantumati; va evitata, a meno che l'acquario sia privo di piante o altra vegetazione.

Apple snail, Ampullaria

Bella e grande ampullaria che non mangia le piante, il cui commercio è stato però vietato, come quello delle altre Pomacea

Aspettativa di vita: 4-5 anni
Dimensioni max: La dimensione della conchiglia varia da 4 a 5 cm. di larghezza e 4,5 - 6,5 cm. d'altezza.

Conosciamo un po' meglio le lumache acquatiche del genere Septaria, che vivono in acqua salmastra e marina

Aspettativa di vita: 2 - 5 anni
Dimensioni max: 2 cm di diametro

Meglio conosciuta con il vecchio nome di Melanoides granifera, è molto simile a Melanoides tubercolata

Aspettativa di vita: Oltre un anno

Lumaca che in natura ha uno spesso strato di calcare sulla conchiglia, che però non si forma in cattività

Rabbit Snail

Molto simili alle Melanoides ma nel contempo anche molto diverse, sono lumache dall'aspetto e dalla colorazione sorprendente, alcune specie diventano anche molto grandi (12 cm di lunghezza totale)

Dimensioni max: dai 2 ai 12 cm TL
Temperatura: 25 - 30°C

Esperienze personali

Qui sotto qualche e-mail che mi pare possano essere d'aiuto o di interesse anche per altri. Non ho messo l'autore e ho citato solo le parti "di interesse" per non violare la privacy di chi mi scrive.

domanda (27 apr 2007):
...ho scoperto da qualche mese la passione per gli acquari…è vero che sbagliando s’impara, ma di sbagliare sulla pelle degli altri proprio non mi va!
Eppure ho commesso un errore che mi ha quasi ucciso la bellissima ampullaria di nome Et che era cresciuta nel nostro acquario da 200 lt. convivendo con 4 scalari, 10 neon, 13 petitelle, un botia, 6 platy corallo, 4 white molly, 2 pulitori ed una quantità imprecisata di piante.
Un giorno ho beccato Calimero (uno scalare nero) che pizzicava le corna a Et, per cui abbiamo deciso di isolarlo in un altro acquario. Però Calimero era uno sfogo per Eo (un altro scalare) che di tanto in tanto si divertiva a pizzicare Calimero e poi erano entrati nell’acquario insieme…praticamente non si sopportavano ma erano compagni d’avventura!
Io non so se sia stata colpa dell’allontanamento di Calimero, ma Eo ha cominciato a rifiutare il cibo e a fare le feci bianche…diagnosi: vermi!
Così abbiamo disciolto dell’antivermi (flubenol)nell’acquario senza pensare che la lumaca è un invertebrato…
Quando ci siamo accorti che la lumaca stava male l’abbiamo isolata ma i tessuti erano ormai compromessi, come arricciati e non più elastici; dopo circa una settimana prende l’aria, sale a galla e scende, mangia voracemente quando riesce a raggiungere il cibo ma non riesce più ad attaccarsi e camminare.
C’è qualche cura per disintossicarla o per farla riprendere almeno un po’?
risposta:
purtroppo le corna delle lumache attirano quasi tutti i pesci, ho visto pizzicarle anche da platy e molly, che difficilmente fanno danni, per non parlare dei pesci predatori, come gli scalari e soprattutto i botia, che invece i danni li fanno facilmente... anche se le cose sembrano andare bene, i botia in natura si cibano di lumache e di crostacei, e in acquario può succedere in qualsiasi momento che si accorgano di avere vicino il tacchino del Ringraziamento... anche se troppo grosse per mangiarle, i botia possono mutilare le ampullarie molto gravemente, fino ad ucciderle comunque.
Sarebbe stato quindi meglio lasciare Calimero dove era, che stava facendo solo il suo normale lavoro di scalare, e allontanare la lumaca da compagni di vasca decisamente non adatti!
Per le condizioni in cui è ora dopo la cura non saprei cosa consigliarvi, non so se avete visto la pagina sulle malattie delle lumache che c'è sul sito: Ampullarie: le malattie...
Comunque, visto che per fortuna ancora mangia voracemente la situazione non dovrebbe essere disperata: proverei a tenerla in una vaschetta tutta per lei, con acqua pulitissima e cambiata molto spesso, alimentandola abbondantemente con una dieta varia (pastiglie per pesci, verdura sbollentata, magari qualche sasso/legno coperto di alghe preso dall'acquario principale, chironomus o artemia congelati (vedi la pagina sull'alimentazione)), sperando che con acqua pulita e ben in forze grazie al cibo riesca a riprendersi da sola...
E, sottinteso, non la rimetterei più, in caso stesse meglio, con simili compagni di vasca...

Spero che si riprenda, fatemi sapere :-)
(07 mag 2007):
Volevamo solo avvertirti che, con le cure che ci hai consigliato, la nostra splendida lumachina si è ripresa e adesso viaggia di nuovo come una spia ma questa volta in un acquarietto tutto suo!
Nel frattempo ci sono anche nati dei piccoli di molly (siamo riusciti a raccoglierne una decina nel box di retina) e ci siamo accorti di avere un piccolissimo platy corallo che vaga sul fondo dell’acquario (uno scampato?!?) ma non siamo riusciti a prenderlo…quante emozioni!!!
Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Image
Lumache e Bivalvi d’acqua dolce e salmastra

Lumache e Bivalvi d’acqua dolce e salmastra

"Organismi onnipresenti, le lumache spesso vengono svalutate e non apprezzate dagli acquariofili, specialmente negli acquari d'acqua dolce. Il motivo di tale comportamento sono alcune leggende metropolitane secondo le quali le lumache si riproducono a dismisura, provocando una vera e propria infestazione nelle vasche di chi le ospita, inoltre si vocifera che questi animali mangino le piante... tutto sbagliato!"
Un manuale scritto da Narcissa Ewans, in cui descrive dettagliatamente numerose specie di Gasteropodi in tutte le loro varianti e dà vari consigli su come allevarle, con lo scopo di sensibilizzare ed informare gli aspiranti allevatori ad un approccio etico e sostenibile verso le specie che ospitano nelle loro vasche. Per un allevamento consapevole e responsabile.

Link del libro su Amazon: Lumache e bivalvi d'acqua dolce e salmastra

19 Comments

Comments

Io ho 4 splendide Ampullarie in acquario che non solo non mi hanno mai causato alcun problema di nessun tipo, ma anzi, mi danno una mano a tenere in ordine e pulito l'acquario, cibandosi di scarti dei pesci, rimanenze di cibo, pezzetti di foglie morte e a volte, aimè, dei pesci che muoiono e sfuggono al mio attento controllo. L'unico contro è che non posso tenere alcune specie di pesci, come ad esempio i Botia e, come appreso oggi grazie all'aiuto di Anita, i bellissimi Pangio che tanto avrei voluto... ma qualche "sacrificio" bisogna pur farlo, no? :)

"L'unico contro è che non posso tenere alcune specie di pesci, come ad esempio i Botia e, come appreso oggi grazie all'aiuto di Anita, i bellissimi Pangio che tanto avrei voluto..." questa frase scritta da te è quasi errata perkè ok i botia no problem... ma i pangio ..LI PUOI METTERE!!!!
ho 2 Ampullarie enormi XD e ho ben 8 pangio XD e ti posso dire che addirittura i pangio a volte entrano nel guscio dell'ampullaria e vanno in giro con lui XD ti posso dire che stanno benissimo!!!! :) non ci sono problemi pangio con ampullarie :)
FIDATI!!!! XD XD

guarda ne ho 8 di pangio e sono abbastanza grandi!!! l'ampullaria è quella con il guscio giallo e la lumaca tutta blu mai vista? comunque è grandissima!!!! magari, una neritina (che ne ho avute 3) può essere...ma quella che ho io è impossibile XD ho la lumaca da quando era piccola piccola e ora è una bestia XD e pangio e ampullaria hanno sempre vissuto SERENAMENTE INSIEME :)

La neritina erano anni che ce l'avevo, insieme ad altre, ed era grossa come una noce, non piccola come quelle appena comprate... anche i pangio erano 5 ed erano anni che convivevano pacificamente con le neritine, ed erano anche belli pasciuti, non certo affamati...
informandomi ho letto che in natura si nutrono di crostacei, lumache ed invertebrati, quindi non è stato un caso "eccezionale" ma normale per la loro natura...
evidentemente ad un certo momento, chissà per che motivo, la lumaca è passata da coinquillina a cibo e hanno fatto tanto che se la sono mangiata... una tecnica di caccia di gruppo sorprendente, che per mia fortuna non si è ripetuta sulle altre neritine in vasca... per ora, purtroppo, ora lo so, e mi sento molto in colpa per questo abbinamento, che ovviamente sconsiglio a tutti...
è come tenere scalari e neon insieme: c'è chi lo consiglia perchè li tiene e convivono pacificamente, ma di contro ce ne sono molti altri che hanno visto dopo qualche anno gli scalari papparsi i neon, nonostante avessero convissuto pacificamente fino al giorno prima...
Mettere insieme predatori e prede è sempre da evitare, l'istinto dei predatori potrebbe risvegliarsi in qualsiasi momento, e anche se non è detto che lo faccia, vale la pena correre il rischio?

Ciao a tutti, Ho costruito per gioco il primo acquario nel 91 (premetto che faccio il tubista industriale e l'idraulico civile, e ho lavorato in impianti di depurazione industriale come in impianti per dialisi ospedalieri) tornando alle lumache sicuramente la verità sta nel mezzo non sono quella piaga che dicono(possono anche essere utili ma preferisco un fondo attivo a cavetto che dei molluschi talpa ahahah) e non è neanche vero che non mangino a loro personale gradimento (come i pesci del resto, vedi ancistrus ed echinodorus o le mie amate ninfee a banana) le foglie giovani di alcune piante sia per fame, non trovando di meglio o per puro gusto!!
Ho visto pesci e lumache bistrattare zucchine e spinaci a scapito di piante tipo la ninfea a banana o i germogli delle anubias!Sono troppo viziati..... Sono attentissimo al cibo e ho una dispensa di cibo e vitamine da far invidia ad un negozio! (Ora con internet con gli stessi soldi compri il doppio delle cose,pensatte negli anni prima della rete come tutto fosse difficile, informazioni, prodotti, costi!)
Comunque lumache poche,mi guardo bene dal comprare un botia (orrori già commessi mal consigliato dai soliti venditori) ho messo qualche anentome helena (ottima e d'acqua dolce) che anche lei bistratta a volte le lumache per il cibo (il min per botia sente l'odore subito)
Quindi come dice l'autore se il numero è limitato non sono un danno e se proprio non piacciono con qualche helena una trappola, pinze e pazienza si tolgono pure loro, che allevo in una vaschetta di plastica areata posta sopra la vasca e uso come ottime proteine fresche per alcuni pesci, tra cui le neo caridine che prendono la lumaca schiacciata e fuggono a isolarsi in un angolo a mangiare... Per altri pesci può essere pericoloso in quanto se ingeriscono i pezzi di gusci alcuni hanno problemi seri, ma in genere il loro istinto li guida benissimo a meno che non siano morti di fame tipo appena comprati...

Buongiorno, sono un neo-acquariofilo (se così si può dire), io mi sono trovato nell'acquario delle piccolissime lumache dal guscio trasparente che pian piano stanno proliferando, il problema è che non avendo ancora pesci, non somministro alcun cibo, dentro il mio acquario ci sono solo piante (vere) e tronchi di decorazione.

Devo dire che sto iniziando a preoccuparmi perchè se continuano così mi troverò ad avere un acquario con solo lumache.

Del resto non posso nemmeno aggiungere pesci predatori perchè ho letto che diventano molto grandi, ed io ho solo 65 litri.

Come posso ridurre la loro proliferazione? grazie.

Ciao! Ho avuto anche io la tua stessa esperienza....Ovvero, dopo aver inserito le piante nel mio acquarietto appena avviato, ho notato una decina circa di "nuove" lumachine (probabilmente nate da uova rimaste attaccate alle foglie, dato che nel negozio dove ho comprato le piante c'erano lumachine in vasca).

Ovviamente, non avendo pesci, io non ho somministrato nessun tipo di cibo ma le lumachine sono cresciute tranquillamente mangiando i residui che trovavano in acquario.

Il numero si è mantenuto ridotto fino all'arrivo delle caridine e di due Corydoras...come ho iniziato a nutrire i nuovi inquilini, le lumache hanno iniziato a fare uova come pazze.

Sicuramente il mio è stato un problema di sovralimentazione, perché nella prima settimana non sapevo quanto cibo dare e ho sperimentato, con il risultato che le lumache ci han dato dentro!

A parte il numero esagerato (che ho risolto togliendo fisicamente uova e qualche lumachina dall'acquario e dando meno cibo), le lumache non danno alcun fastidio e si autogestiscono, oltre a tenerti pulito l'acquario!

Il mio consiglio è solo: Occhio alle quantità di cibo!

SALVE HO APPENA FATTO PARTIRE UNA BELLA VASCA DA 300 LITRI , ABBIAMO ESEGUITO IL TEST DELL'ACQUA , GH 12- KH 10 - PH 6,8 -  No2e3 0 , ho inserito 4 bellissime ampullarie dopo 3 erano gia' agonizzanti , galleggiavano e si facevano ruzzolare dalla corrente , il 6 giorno sono morte qualcuno mi sa dare una risposta grazieImmagine rimossa.

Ho diverse specie di lumache che vivono in armonia diverse Nerite due Clithon moltissime Physe Melanoides diverse Tylomelania e due lumache sconosciute una e'probabilmente una Nerita l'altra e'piatta ed ha vistose spine vorrei riuscire ad identificarle

segnalo una nuova specie che si sta diffondendo sempre di piu' la Neritina Pulligera o Black Helmet completamente d'acqua dolce ho solo due esemplari uno marrone arancio l'altro completamente nero per ora non so nulla della riproduzione forse sarebbe carino fare una nuova scheda

Confermo che dieta e abitudini sono simili alle altre nerite la differenza è la forma della conchiglia e comune vederla sul substrato o sulle foglie l unica cosa che mi manca è il luogo di origine della specie il corpo sembra essere rossiccio a differenza delle altre nerite che è rosa per adesso è tutto quello che ho visto

ho una lumaca molto particolare assomiglia a una patella il piede e'bianco guscio giallastro spine nere alghivora riposa attaccata al vetro non scende quasi mai sul fondo a differenza delle altre vive solitaria sono tornato al negozio niente ho girato altri negozi nulla all'inizio pensavo a una Clithon o a una Septaria ma e'piccola tonda e spinosa ho cercato ovunque ma non ho trovato nulla vive molto bene cosa può essere?

Lumaca sconosciuta identificata e'una Neritina "Durian" chiamata così perché il guscio assomiglia al frutto durian qui in Italia e'molto rara io l'ho vista solo una volta comunque e'molto timida e un'po' pigra sosta quasi sempre sui vetri ho poche notizie purtroppo e'quasi introvabile le sue notizie sono in francese

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette