Salta al contenuto principale

Tutte le foglie sono marroni...

Indicazioni, consigli e suggerimenti per l'uso della lettiera di foglie secche in acquario, utilissime perché rilasciano tannini e perché promuovono lo sviluppo di utili colonie microbiche

Traduzione dell'articolo:
"All the leaves are brown… "
di Colin Dunlop
sul sito SeriouslyFish.com

Reusable image
Image
Descrizione

L'uso della lettiera di foglie nell'acquario è sempre più popolare - Foto © Ryan O'Donnell (Seriouslyfish.com)

Da diversi anni Colin Dunlop utilizza varie specie di foglie secche nei suoi acquari. Tutto è iniziato con una grande foglia marrone che aveva visto giacere sul substrato della vasca di un commerciante molti anni fa. Era curioso del suo scopo e il personale del negozio gli aveva detto che l'esportatore di pesci imballava sempre alcune di queste foglie nei sacchetti dei pesci più sensibili. L'unica informazione che potevano fornire era che le foglie apparentemente aiutavano i pesci durante l'importazione perché contenevano una sorta di proprietà medicinale.

La sua curiosità era stata stuzzicata, così era riuscito a farsi dare qualche foglia gratuitamente, perché normalmente venivano semplicemente buttate via dal negozio. Le ha portate a casa e le ha aggiunte a una delle sue vasche, dove sono gradualmente scomparse per cui non ci aveva più pensato.

Diversi anni dopo ha riconosciuto le stesse foglie su un sito di aste in Internet, vendute come "Foglie di mandorlo indiano" e dopo aver letto il trafiletto pubblicitario ha pensato di provarne qualcuna, per vedere se erano vere le affermazioni sulle foglie, e se avevano davvero proprietà speciali.

Dopo i primi risultati positivi e ulteriori ricerche, è quindi andato a raccogliere foglie nei boschi locali, per sperimentare la loro utilità negli acquari. Dopotutto, stava già usando radici e rami degli alberi locali come decorazione per i suoi acquari, quindi perché non le loro foglie?

Adesso si assicura di avere foglie secche in ognuno degli acquari in cui tiene dei pesci provenienti da habitat di acque nere, come i Betta selvatici, Apistogramma, Badis, scalari selvatici e Uaru fernandezyepez, e anche con altre specie, specialmente quando hanno avannotti.

Boschi di faggio a Cambusnethan, Scozia © Colin Dunlop
Boschi di faggio a Cambusnethan, Scozia. Il faggio è sicuro per l'acquario e facile da raccogliere e utilizzare © Colin Dunlop

Nel cortile

Facendo come lavoro a tempo pieno il ranger di campagna, Colin Dunlop poteva avere accesso a molti habitat diversi nell'area locale e a molte specie diverse di alberi, non tutti originari della Scozia.

Finora ha utilizzato foglie di quercia penduncolata Quercus robur, quercia sessile Quercus petraea, cerro Quercus erris, quercia rossa Quercus rubra, faggio europeo Fagus sylvatica, biancospino Crataegus monogyna e acero giapponese Acer palmatum. Anche i coni di ontano europeo Alnus glutinosa si sono rivelati degni di essere aggiunti.

Questi alberi sono solo una piccola selezione di ciò che si può potenzialmente provare, e probabilmente ci saranno risultati positivi anche da altre specie in futuro. Ovviamente abitando in Scozia le possibilità sono quelle offerte dal posto in cui ci si trova, ma le possibilità in tutto il mondo sono quasi infinite, quindi ovunque siate in questo momento ci potrebbe esserci qualcosa di utile nelle vicinanze.

Bisogna prestare però un po' di attenzione prima di provare "qualsiasi foglia secca" ed evitare specie note per essere velenose.

Parosphronemus spp. © Gustav Eek
La lettiera di foglie può essere utilizzata per replicare l'habitat naturale di alcuni pesci, come Parosphromenus spp. © Gustav Eek

Perché preoccuparsi delle foglie?

È probabile che alcuni pesci comunemente associati agli acquari domestici, come i discus, in natura non incontrino mai una pianta acquatica in tutta la loro vita. Ciò è particolarmente vero per gli habitat di acque nere, dove l'acqua eccezionalmente acida rende l'ambiente per lo più inadatto alle piante.
Non ci sono tappeti di un verde lussureggiante, nessuna piantagione di foglie e certamente nessuna acqua pulita e cristallina di cui qualsiasi azienda di acqua in bottiglia sarebbe orgogliosa.

Molti di questi pesci hanno maggiori probabilità di essere sprofondati fino all'altezza delle branchie nella lettiera di foglie e nell'acqua colorata di marrone. In effetti, si dice che molti raccoglitori di pesci non si preoccupano nemmeno di bagnare le reti se non ci sono foglie secche sul substrato, se cercano determinate specie.

Le foglie costituiscono un'enorme matrice di habitat acquatici e sono stati registrate diverse centinaia di Apistogramma spp. per metro quadrato di lettiera di foglie.

I benefici

Il nocciolo della questione ha a che fare con i tannini che vengono rilasciati dalle foglie, e questa non è una nozione nuova poiché alcune aziende vendono da anni estratti di acque nere da utilizzare con pesci adatti.

L'aggiunta di foglie secche avrà l'effetto risultante di rilasciare sostanze umiche e questo abbasserà il pH dell'acqua dell'acquario, agirà come agente antibatterico e antimicotico e abbasserà anche il contenuto di metalli pesanti dell'acqua.

Confronto tra acqua © Colin Dunlop
Confronto tra acqua colorata dall'aggiunta di lettiera (a sinistra) e acqua fresca del rubinetto (a destra) © Colin Dunlop

È ampiamente accettato che gli acidi umici agiscano come innesco della deposizione delle uova e possano aiutare nel recupero di qualsiasi pesce danneggiato dallo stress o dai combattimenti. Dalle osservazioni di Colin Dunlop, e con il sostegno di alcune ricerche scientifiche di studiosi del calibro del dottor Christian Steinberg, è stato dimostrato che ci sono molte ragioni positive per cui l'uso di liberatori di sostanze umiche, come le foglie secche, fa bene ai pesci d'acquario che alleviamo.

Un ulteriore punto da sottolineare è che uno strato di lettiera di foglie nell'acquario inizierà a dare all'acqua una debole sfumatura bruno-giallastra e questa è una buona indicazione della quantità di sostanza umica presente nell'acqua. Non può essere testato con un kit di test standard, quindi è davvero meglio farlo con gli occhi. Se l'acqua inizia a diventare troppo marrone, si può decidere di aver aggiunto troppa sostanza umica e ridurla un po'.

Alcune persone utilizzano lo stratagemma di tenere un secchio di riserva pieno d'acqua dove aggiungono molte foglie o pigne di ontano, e usano quest'acqua come soluzione concentrata. È quindi possibile rimuovere l'acqua dal secchio e aggiungerla all'acquario d'acqua nera fino a quando non questa non è del "colore" giusto. Scoprirete che i pesci d'acqua nera staranno molto meglio e saranno meno timidi nelle vasche dove l'acqua è colorata dai tannino; anche un'illuminazione soffusa aiuta.

Eventuali altri vantaggi?

Sì, c'è di più ... Colin Dunlop aveva il sospetto che avere foglie morte negli acquari agisse in realtà come cibo per alcuni pesci, in particolare per gli avannotti. Ha potuto constatare che gli avannotti in vasche con lettiera di foglie sembrano crescere più velocemente e spesso ha potuto vedere i giovani pesci pascolare sulle foglie.

Aveva pensato che fossero le foglie stesse a essere mangiate, ma leggendo il libro di TFH, "Culturing Live Foods", ha scoperto che Michael Hellweg fa riferimento all'uso di foglie morte di alberi di legno duro come metodo per nutrire i pesci larvali.

Dekeyseria brachyura © Colin Dunlop
La lettiera di foglie può anche fornire una fonte di cibo per gli avannotti di alcune specie, come questa Dekeyseria brachyura © Colin Dunlop

Spiega che gli habitat di acque nere sono caratterizzati da grandi quantità di lettiera di foglie e pH molto basso e che ci sono relativamente pochi animali planctonici che i giovani pesci possono predare. Alcune specie di pesci aggirano questo problema espellendo grandi quantità di muco dal corpi affinché i piccoli possano mangiarlo (discus, uaru, ecc.) E questo può sostenere i giovani pesci per diverse settimane.

Poiché le foglie secche vengono scomposte dall'azione batterica e fungina, producono una specie di melma, e sembrerebbe che questo sia ciò di cui si nutrono i pesciolini. Sicuramente ci sono stati alti tassi di sopravvivenza dagli avannotti di loricaridi dove erano presenti le foglie. Infine, su questo argomento, le foglie sembrano anche dare il via a popolazioni di infusori, ancora una volta perfette per nutrire piccoli avannotti.

Raccolta delle foglie

Le questioni più importanti quando si tratta di utilizzare le foglie secche in acquario, sono la loro identificazione, raccolta e preparazione. È importante raccogliere solo le foglie che sono cadute dagli alberi e non le foglie vive e fresche.

Durante l'autunno gli alberi decidui iniziano a spegnersi per l'inverno e le foglie che hanno lavorato come fabbriche durante i mesi primaverili ed estivi producendo zuccheri e ossigeno vengono gradualmente uccise e cadono a terra. Queste sono le foglie che bisogna raccogliere, poiché non contengono materia vivente che potrebbe causare problemi nella vasca mentre muoiono.

Se non conoscete la specie dell'albero, potrebbe valere la pena procurarvi una piccola guida tascabile sugli alberi, in modo da poter provare a riconoscere le specie giuste; ha senso inoltre cercare di raccogliere le foglie in aree lontane dalle strade e da qualsiasi altra fonti di inquinamento. Dovreste anche cercare di evitare quelli che sono eccessivamente sporche di fango o coperte di escrementi di uccelli.

foglie © Colin Dunlop
Le foglie si raccolgono meglio quando sono appena cadute in autunno, anche se è necessario prestare attenzione per identificarle correttamente © Colin Dunlop

Si possono riempire diversi sacchi della spazzatura con le foglie e si portano a casa per asciugarle. Potreste farle asciugare in garage o in un capanno se ne avete uno, perché è abbastanza normale avere ragni clandestini e altre bestioline che potreste non apprezzare quando si trasferiscono a casa vostra.

D'autunno si possono raccogliere abbastanza foglie da arrivare all'anno successivo, si possono conservare in un ambiente asciutto legate in grandi reti o simili una volta che sono adeguatamente asciutte.

Come usarle

Non bollitele in acqua prima dell'uso. Le sterilizzerete, ma eliminerete anche molte delle ragioni benefiche per cui le volete in acquario. Aggiungetele semplicemente all'acquario quando sono secche, dopo una corretta conservazione. Le foglie naturalmente galleggeranno, ma la maggior parte sarà affondata entro ventiquattr'ore circa.

Non ci sono regole su quanto aggiungerne, quindi sarà necessario procedere un po' per tentativi ed errori. Molto sarà influenzato dalle specie di foglia, poiché alcune contengono più tannini di altre. Ad esempio di foglie di faggio potete aggiungerne qualche centimetro ed avere l'acqua leggermente colorata, mentre bastano quattro o cinque singole foglie di mandorlo indiano e l'acqua sembrerà un tè!

Non è necessario rimuovere le foglie dopo un certo periodo di tempo, poiché si decompongono gradualmente del tutto e possono essere semplicemente reintegrate aggiungendone altre all'acquario. Alcune foglie dureranno molto più a lungo di altre, sempre in relazione al tipo di foglia: le foglie di mandorlo indiano possono durare solo un paio di mesi, mentre le foglie di faggio possono impiegare più di sei mesi per abbattersi completamente.

foglie © Colin Dunlop
Le foglie possono essere lasciate nell'acquario a decomporsi e non danneggeranno i pesci © Colin Dunlop

In conclusione, in un momento in cui dovremmo essere tutti più attenti all'ambiente e renderci conto che il metodo tradizionale di colorare l'acqua, la torba, è un habitat prezioso da non distruggere, l'uso delle foglie secche è ecologico, economico, interessante e nel complesso prezioso nell'allevamento di qualsiasi pesce che naturalmente richiederebbe acque nere e condizioni tenere e acide.
Colin Dunlop consiglia a tutti di provarle, magari iniziando con le foglie di mandorlo indiano facili da trovare, per poi passare ad alcune specie che si trovano localmente.

© Colin Dunlop

Riferimenti & Link
  • Hellweg, M. R. 2008. Culturing Live Foods: A Step-by-Step Guide for Culturing One’s Own Food for the Home Aquarium. TFH Pubns Inc. ISBN-10: 0793806550 ISBN-13: 978-0793806553
  • Steinberg, C. 2003. Ecology of Humic Substances in Freshwaters: Determinants from Geochemistry to Ecological Niches. ISBN-10: 3540439226 ISBN-13: 978-3540439226

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette