Salta al contenuto principale

Guida per principianti alle piante da acquario (Injaf)

Hai visto un acquario da esposizione ben piantumato e desideri riprodurlo? Compri piante che muoiono in poche settimane e non sai perché? La nostra guida spiega alcuni degli errori che i principianti fanno spesso e offre alcuni suggerimenti sulla scelta delle specie giuste e su come prendersene cura.

Traduzione dell'articolo:
"Beginner’s Guide to Aquarium Plants" di INJAF
sul sito di INJAF - It's Not Just A Fish.

Una guida per principianti alle piante d'acquario è qualcosa che la maggior parte di noi con acquari consolidati avrebbe trovato molto utile quando ha iniziato con l'acquariofilia! Speriamo che questa nostra versione ti aiuti a trovare il tuo pollice verde acquatico.

Hai mai visto un acquario da esposizione ben piantumato e hai desiderato di poterlo riprodurre nel tuo salotto? Compri piante che poi sembrano morire in poche settimane e non sai perché? La nostra guida spiega alcuni degli errori che i principianti fanno spesso e offre alcuni suggerimenti sulla scelta delle specie giuste e su come prendersene cura.

In primo luogo, perché tenere le piante in acquario?

Perché teniamo le piante nel nostro acquario? Oltre agli ovvi vantaggi estetici, le piante d'acquario vive migliorano anche la qualità dell'acqua nella vasca. Oltre a utilizzare l'anidride carbonica (CO2) e l'ammoniaca (NH4) prodotte dai tuoi pesci, utilizzano anche i nutrienti necessari alla crescita delle alghe, quindi aiutano a ridurre o addirittura eliminare la crescita di alghe nel tuo acquario. Forniscono anche una copertura per aiutare a mantenere i tuoi pesci liberi dallo stress e forniscono confini naturali per le specie territoriali, oltre a nascondere i piccoli avannotti.

Mi viene spesso chiesto da coloro che sono nuovi nell'acquariofilia perché le piante che hanno acquistato sono morte. Ci sono alcuni motivi per cui questo può accadere. Le piante hanno bisogno di una combinazione di luce, CO2, micro e macro nutrienti per sopravvivere. Se qualcuno sta lottando per far crescere le proprie piante, inizio con tre domande per cercare di determinare quali sono i loro problemi.

1: Che specie stai cercando di coltivare?

Il più delle volte, i principianti a cui chiedo faticano a darmi un nome di specie. Il loro interesse tende ad essere per i loro pesci, e le piante sono un secondo pensiero. Spesso hanno acquistato piante dal negozio locale in gruppo, spesso non sono etichettate e quindi l'acquirente ha poca o nessuna idea di cosa hanno effettivamente acquistato. Le piante acquatiche variano per forma, dimensione e colore, oltre ad avere differenti richieste di parametri di illuminazione, concimazione e acqua. Se aggiungi una specie che non è adatta alla configurazione del tuo acquario, farai fatica a mantenerla in salute sin dal primo giorno.

Un problema ancora più grande è che molti negozi vendono una gamma di piante che in realtà sono piante palustri, per niente adatte alla vita in un acquario e che possono morire in poche settimane se immerse permanentemente sott'acqua. Per più informazioni, per cortesia leggi la nostra Guida alle piante non acquatiche.

L'elenco seguente, nella sezione "specie vegetali per cominciare", presenta una serie di piante d'acquario comunemente disponibili ed economiche che tollerano un'ampia varietà di condizioni dell'acqua e bassi livelli di luce. È importante selezionare le specie adatte al tuo acquario e come principiante cerca di evitare quelle con requisiti specifici impegnativi.

2: Che illuminazione hai?

Molti popolari modelli di acquari offerti in vendita in questi giorni sono stati progettati pensando all'interior design piuttosto che alle esigenze delle specie di piante acquatiche provenienti da mezzo mondo. Molti spesso presumono che le piante andranno bene qualunque sia il loro acquario. Anche se a volte questo è vero, non è sempre così. Alcuni acquari semplicemente non hanno ciò che è necessario per alcune specie più impegnative. Abbinare le specie adatte all'illuminazione del tuo acquario è un grande passo nella giusta direzione.

Sono finiti i giorni in cui gli acquariofili erano soliti cavarsela con i tubi grolux progettati per uso orticolo. Il negozio d'acquari di oggi ha solo l'imbarazzo della scelta con un'ampia gamma di diversi tipi di illuminazione, tra cui:

Illuminazione fluorescente: T-5 e T-8

Prontamente disponibile, poco costosa e che emette poco calore, l'illuminazione con tubi fluorescenti è molto popolare. Il suo principale svantaggio è che le luci devono essere sostituite almeno ogni anno per essere efficaci, forse anche ogni nove mesi circa affinché le tue piante prosperino. Se il tuo tubo fluorescente ha tre anni e le tue piante non sembrano troppo belle, sostituiscilo!
Esistono due tipi principali di luci fluorescenti utilizzate in acquariofilia. Sono T-5 e T-8. Se possibile, scegli sempre la versione T-5 più moderna. Sono una scelta migliore rispetto alle vecchie luci T-8 e hanno diversi vantaggi. Le lampadine hanno un diametro più stretto, misurano solo 16 mm invece di 28 mm come un T-8. Ciò ti consente di inserire più lampade nel coperchio se desideri un serbatoio ben piantumato. Si consiglia di utilizzare lampade a spettro completo (5000-7000K). Sfortunatamente a causa dei diversi diametri, i tubi T-5 e T-8 non sono intercambiabili a meno che non si utilizzi un adattatore.

Illuminazione dell'acquario a LED

L'illuminazione per acquari a LED (Light Emitting Diode) è diventata estremamente popolare negli ultimi tempi e con buone ragioni. Durano oltre 50.000 ore e non emettono calore, quindi possono essere posizionate molto vicino alla superficie dell'acqua in modo che le tue piante traggano più beneficio dalla luce che emettono. Le loro dimensioni ridotte e flessibili ti danno un elemento di flessibilità anche nel posizionamento. È anche possibile acquistare l'illuminazione a LED in uno stile tubolare per adattarsi al posto dei tubi fluorescenti.

Illuminazione per acquari ad alogenuri metallici

In realtà le lampade ad alogenuri metallici sono costose sia da acquistare che da gestire e sono davvero rivolte a coloro che utilizzano acquari marini profondi dove l'acquariofilo con coralli amanti della luce e altri invertebrati ha bisogno di far ricevere molta luce in profondità. Pertanto non saranno trattate in questa guida per principianti.

Illuminazione da evitare nel tuo acquario

Cerca di evitare di utilizzare lampadine a incandescenza. Sfortunatamente alcuni degli acquari di marche più economiche ne sono dotati di serie, per contenere i costi. Sono di scarsa utilità con molte specie di piante in quanto semplicemente non emettono il tipo corretto di luce necessario alle tue piante. Se possibile, sostituiscile con un tubo fluorescente per acquari. Il tuo negozio di pesci locale da cui hai acquistato l'acquario dovrebbe essere in grado di consigliarti su questo. Poiché i tubi fluorescenti sono più economici da gestire rispetto alle lampadine a incandescenza, dovresti risparmiare denaro a lungo termine.

Fotoperiodo: per quanto tempo lasciare le luci accese a beneficio delle piante dell'acquario

Qualunque sia il tipo di illuminazione che scegli, dovresti davvero mirare ad illuminare il tuo acquario per 8-10 ore al giorno. L'uso di un timer con la tua unità luminosa ti garantirà di raggiungere questo obiettivo ogni giorno. Se inizi a sperimentare la crescita delle alghe, riduci il tempo di accensione delle luci (il fotoperiodo) e monitora attentamente la situazione, apportando le regolazioni necessarie. Nella mia esperienza l'intensità della luce ha un effetto migliore sulla crescita delle piante rispetto al fotoperiodo.

Di quanta luce hanno bisogno le piante d'acquario

Per quanto riguarda la quantità di luce, consigliamo che il tuo acquario abbia almeno 2 watt per gallone (4,54 litri) come minimo assoluto. Se possibile, mira a 4 o anche 5 watt per gallone in quanto ciò garantirà una crescita migliore.

3: Cosa date da mangiare alle vostre piante?

Sorprendentemente un gran numero di persone crede che i rifiuti prodotti dai loro pesci siano sufficienti per mantenere le loro piante e non considerano mai l'aggiunta di un fertilizzante per piante. Questo è un grosso errore, probabilmente il più grande errore relativo alle piante commesso dagli acquariofili. Non aggiungendo fertilizzanti, le stai praticamente facendo morire di fame, lasciandole senza i nutrienti di cui hanno bisogno per sopravvivere. Sebbene sia vero che i rifiuti dei pesci, il cibo non consumato e persino l'acqua del rubinetto forniranno alcuni dei nutrienti necessari, non forniranno davvero tutto il necessario ed è molto probabile che si verifichino problemi come buchi nelle foglie, scolorimento, crescita stentata e foglie sottili e alla fine possono semplicemente morire. In ogni caso il tuo acquario non assomiglierà alle vasche da esposizione che hai ammirato online o nel tuo negozio locale.

Proprio come le piante terrestri richiedono sia macro che micro nutrienti, oltre a CO2 e luce. Ci sono diversi tipi di fertilizzanti disponibili per l'acquariofilo.

Fertilizzanti per substrato

Essenzialmente sono quasi simili al suolo o sono realizzati con composti a base di argilla e, come suggerisce il nome, fanno parte del substrato del tuo acquario. Realisticamente, questi possono essere aggiunti solo quando imposti il ​​tuo acquario da zero. Se stai pianificando di creare un acquario molto piantumato, dovresti davvero prendere in considerazione l'uso di fertilizzanti per substrato. Sebbene siano abbastanza costosi, durano per diversi anni e forniranno nutrienti sufficienti per molte piante forti e sane. Quasi tutti i serbatoi piantumati davvero impressionanti che potresti aver visto online saranno caratterizzati da un fertilizzante per substrato.

Fertilizzanti in compresse

Molte marche di fertilizzanti in compresse sono prontamente disponibili. Le "compresse" ricche di nutrienti possono essere aggiunte direttamente al substrato, fornendo i nutrienti necessari per specie vegetali come Echinodorus, Cryptocoryne e Vallisneria, tra gli altri. Un vantaggio che hanno è che le piante possono essere nutrite individualmente quando vengono usate. Alcuni acquariofili le aggiungono anche quando inseriscono nuove piante nel loro acquario.

Fertilizzanti liquidi

Sono di gran lunga il tipo più comune di fertilizzanti per acquari usati oggi in acquariofilia. Ci sono molti prodotti diversi disponibili sul mercato e bisogna fare attenzione a trovare un prodotto di alta qualità. Di solito, i fertilizzanti liquidi dovrebbero essere usati settimanalmente, ma controlla le istruzioni del singolo produttore in quanto possono variare. Sebbene siano ideali per le specie vegetali che assorbono i nutrienti direttamente attraverso il loro fogliame come l'Egeria densa e il muschio di Giava, non forniscono nutrimento sufficiente a specie come gli Echinodorus, quindi l'acquariofilo potrebbe aver bisogno di usare una combinazione di compresse e fertilizzanti liquidi per nutrire tutte le sue piante.

Se hai un acquario molto rifornito di pesci, considera l'utilizzo di un fertilizzante liquido che non contenga azoto o fosforo. Questi due nutrienti saranno presenti negli scarti dei pesci e troppi nell'acquario possono, e provocheranno, una crescita indesiderata di alghe.

Inoltre...

Oltre alle tre domande principali con cui ho iniziato, ci sono vari altri fattori che possono influenzare il successo o meno delle piante nel tuo acquario:

Substrati per acquari

Quale substrato sia il migliore per il tuo acquario è sempre oggetto di molti dibattiti tra gli acquariofili. La ghiaia grossa non è adatta per i Corydoras, ad esempio, poiché gli spigoli vivi possono danneggiare i loro delicati barbigli, quindi molti allevatori di Corydoras cercano di utilizzare sabbia fine per impedirlo. Pertanto l'acquariofilo deve pensare a quali specie di pesci e a quali piante vuole mantenere prima di decidere su un substrato.

Consigliamo sicuramente ai principianti di evitare sabbia corallina, ghiaia corallina o torba. Le prime due aumenteranno considerevolmente il pH dell'acqua e sono davvero adatte solo per allestimenti specializzati che ospitano pesci che richiedono acqua dura e alcalina. L'ultima, la torba o il muschio di torba, avrà l'effetto opposto e abbasserà il pH, il che si tradurrà in condizioni dell'acqua indesiderabili per le specie di acqua dura come guppy e molly.

Se stai cercando di allestire un nuovo acquario e una vasca ben piantumata è in cima alla tua lista di priorità, allora sarebbe meglio evitare ghiaia di grande diametro poiché questa è una scelta sbagliata per uno sviluppo sano delle radici. Otterrai risultati migliori con ghiaia più piccola da 2 mm a 3 mm se questo è il tuo substrato preferito. Fai attenzione, le ghiaie colorate possono aumentare il pH del tuo acquario ed è meglio evitarle, anche se qualcuno potrebbe pensare che dovrebbero essere evitate solo per buon gusto!

In alternativa potresti usare la sabbia. Dalla sabbia da gioco del tuo negozio di bricolage locale, alla sabbia argentata del tuo negozio di articoli per l'acquario o alla sabbia filtrante per piscina. La sabbia però presenta alcuni problemi. Tieni presente che può subire compattazione e quindi deve essere mescolata di tanto in tanto. Questo deve essere fatto per evitare un accumulo di gas idrogeno solforato, che potrebbe essere dannoso per gli abitanti del tuo acquario. Il modo migliore per evitare che ciò accada è semplicemente mescolare bene quando esegui i normali cambi d'acqua. Se si compatta, può anche essere difficile che le radici di alcune piante vi crescano attraverso. Cerca di mantenere la profondità inferiore a 3 cm circa e assicurati di pulire a fondo la sabbia prima di aggiungerla alla vasca. Questo può essere un compito lungo e laborioso, ma può essere facilitato mettendo la sabbia in una vecchia federa pulita e facendo scorrere l'acqua sulla sabbia finché non ne esce pulita.

La buona notizia è che ci sono alcuni substrati ideali per gli acquari piantumati. Includono prodotti commerciali come Eco-Complete di CaribSea, che sebbene sia abbastanza costoso contiene tutti i nutrienti di cui le tue piante radicali richiedono ed è disponibile in nero e un colore rosso brunastro che sembrano attraenti per il tuo acquario. Ci sono anche prodotti a base di argilla come la laterite che possono essere aggiunti alla ghiaia o alla sabbia riempiendo il substrato con materiale ricco di sostanze nutritive.

Tieni presente che è meglio evitare i filtri sotto ghiaia vecchio stile se vuoi coltivare piante d'acquario. L'acqua ricca di ossigeno che viene costantemente spinta sulle loro radici fa poco per aiutare la loro crescita.

CO2

Nessuna guida sulle piante d'acquario sarebbe completa senza la menzione dell'anidride carbonica o CO2 in breve. Le piante hanno bisogno di carbonio come ogni essere vivente e ricevono il loro attraverso l'anidride carbonica. Alcune persone pensano che sia necessario aggiungere CO2 all'acquario per una buona crescita delle piante. Anche se questo può essere vero negli acquari contenenti un gran numero di piante d'acquario in cui la concorrenza per la CO2 è alta o dove l'acquario ha livelli di luce elevati, con il risultato che le piante non sono in grado di far fronte alle esigenze della fotosintesi a causa della quantità di luce, in realtà non è sempre il caso in vasche scarsamente popolate con poche piante.

Detto questo, non si può negare che l'aggiunta di CO2 stimolerà la crescita delle piante. Tuttavia, l'aggiunta di CO2 è un argomento complesso, e non dovrebbe essere aggiunta senza intraprendere ulteriori ricerche poiché aggiungerne troppa può uccidere pesci e gamberetti e va oltre lo scopo di questa guida.

Una nota sulle piante d'acquario rosse

Ci sono diverse specie e cultivar di piante acquatiche rosse disponibili in acquariofilia. Sono molto popolari grazie al loro aspetto attraente. Tuttavia, come regola generale, tendono ad aver bisogno di una maggiore quantità di luce rispetto alle loro controparti verdi e sono quindi più difficili da mantenere. Il loro aspetto rosso spesso dipende dal fatto che vengano somministrati integratori di ferro, quindi se acquisti ad esempio un mazzo di Cabomba piauhyensis rossa e non aggiungi integratori di ferro, il fogliame perderà la sua colorazione rossa e in un periodo di poche settimane inizierà a manifestare una colorazione più marrone.

Le piante uccidono i gamberetti!

Beh, non esattamente le piante. Tuttavia, se vuoi evitare di uccidere i tuoi gamberetti, caridina o neocaridina che siano, devi leggere qui e prenderne nota. Le piante d'acquario sono prodotte commercialmente in Europa e in Estremo Oriente con la stragrande maggioranza coltivata in quest'ultimo. Per entrare nell'UE le piante devono essere trattate con pesticidi per fermare l'importazione di "cattivi" ospiti indesiderati. Questo è un requisito legale e FERA, il dipartimento dell'ispettorato delle piante e delle sementi del DEFRA, non consentirà alcuna importazione qui nel Regno Unito senza questo processo di trattamento in quanto aiuta a prevenire l'importazione involontaria, tra gli altri, della mosca bianca del tabacco (Bemisia tabaci), un parassita agricolo responsabile della distruzione di milioni di dollari di raccolti all'anno. Sebbene questi pesticidi non abbiano alcun effetto sui pesci d'acquario, possono e uccideranno i gamberetti d'acquario, a volte spazzandoli via tutti molto rapidamente.

Purtroppo, non tutti i negozi di acquariofilia lo sanno, o dimenticano di dirlo a tutti i loro clienti che acquistano piante da loro. Le aziende online possono imballare il tuo ordine appena estratto dalla scatola dopo aver ricevuto la spedizione dall'Estremo Oriente così che le piante sono ancora coperte da queste sostanze chimiche particolarmente letali. Se le inserisci nel tuo acquario senza ammollo o risciacquo, il destino dei tuoi gamberetti è segnato.

In un mondo ideale, ogni acquariofilo dovrebbe mettere in quarantena tutte le proprie piante prima di aggiungerle ai propri acquari principali, così come i pesci. Nel mondo reale, questo non è realmente pratico per la stragrande maggioranza delle persone. Pertanto, ti consigliamo vivamente di immergere le piante appena acquistate in una bacinella o in un secchio d'acqua a temperatura ambiente per circa otto ore, cambiando completamente l'acqua almeno quattro volte. Una volta terminato, risciacquatele molto bene sotto un rubinetto con acqua tiepida, non troppo calda, per eliminare ogni traccia di antiparassitario. Ciò garantirà quindi che le tue piante siano "sicure per i gamberetti". Anche se il tuo fornitore ti dice che le sue piante sono "sicure per i gamberetti", consigliamo comunque di eseguire questa procedura per ogni evenienza.

Lumache!

Purtroppo alcune specie di lumache sembrano immuni ai pesticidi utilizzati prima dell'esportazione nel Regno Unito. Pertanto, prima di aggiungere qualsiasi pianta al tuo acquario, esaminale attentamente e controlla sia le lumache che le uova di lumaca. In caso contrario, si rischia di infestare e danneggiare lo stock di piante d'acquario appena acquistate e esistente.

Specie di pesci da scegliere

Ovviamente dovrebbe essere ovvio che dopo aver investito nell'illuminazione, nel substrato e nei fertilizzanti corretti, è comunque necessario assicurarsi di non inserire specie di pesci che mangiano piante. Non importa quanto sia ben fatto il tuo allestimento, se fai scorta di specie come i pesci rossi che amano mangiare le piante d'acquario, non avrai mai il capolavoro acquatico che volevi nel tuo salotto. Pertanto, se stai pianificando di creare un paesaggio acquatico dall'aspetto favoloso, devi anche ricercare a fondo anche le abitudini alimentari delle specie di pesci che hai scelto.

Se hai pesci rossi o altri grandi mangiatori di piante turbolenti e vorresti un acquario piantumato per loro non è un sogno impossibile, quindi dai un'occhiata al nostro articolo sugli acquari piantumati per i pesci rossi.

Specie vegetali per cominciare

Di seguito è riportato un elenco di specie comunemente disponibili che sono ideali per i principianti in quanto tollerano un'ampia varietà di condizioni dell'acqua, possono sopravvivere in condizioni di scarsa illuminazione e non hanno esigenze alimentari specifiche o requisiti di CO2.

Reusable image
Image
Descrizione

Echinodorus grisebachii, Amazon sword, in acquario

Spade amazzoniche: Echinodorus bleheri

Origine: Sud America
Dimensioni: da 30 cm a 50 cm di altezza
Temperatura: da 20°C a 30°C
pH: da 5,5 a 7,8
Propagazione: si propaga grazie a piantine avventizie sul gambo floreale

Specie grande e impressionante, le piante di Echinodorus possono formare un attraente punto focale al centro del tuo acquario o forse più comunemente essere utilizzate sullo sfondo della vasca.
Diventando abbastanza grande, tra i 25 e i 50 cm di altezza, questa specie sudamericana prontamente disponibile non richiede livelli di luce particolarmente elevati e tollera un'ampia gamma di condizioni dell'acqua purché si evitino gli estremi.

Il fogliame grande e attraente, dal colore verde smeraldo, a punta, simile a una lancia, la rendono una popolare pianta d'acquario. Tuttavia, per crescere bene, le spade amazzoniche richiedono alimentazione. Per ottenere i migliori risultati, fornire un substrato nutriente, o aggiungere un fertilizzante per piante del tipo a pastiglie al substrato esistente, vicino alle radici. I fertilizzanti per piante a base liquida non sosterranno le piante di Echinodorus.

La propagazione si ottiene più facilmente districando le piantine che si sviluppano dalla pianta madre. Assicurati che abbiano il proprio apparato radicale prima di tagliarli liberi, questo potrebbe richiedere di sradicare prima la pianta madre.

Forse in modo piuttosto confuso, due specie di piante sono spesso vendute come "Amazon Swords" nel commercio acquariofilo. Gli Echinodorus bleheri sono le vere spade amazzoniche, ma anche l'Echinodorus amazonicus dall'aspetto simile e strettamente correlato è spesso etichettato erroneamente come bleheri. All'Echinodorus amazonicus viene talvolta dato il nome di Ruffled Sword Plant poiché le sue foglie hanno un aspetto più arruffato. La cura è essenzialmente la stessa per entrambe le specie.

A volte viene offerta in vendita una varietà cultivar di Echinodorus, "Azurea". Le foglie sono di colore verde lime con estremità ellittiche e affusolate.

Reusable image
Image
Descrizione

Muschio di Giava nel mio acquario

Muschio di Giava: Taxiphyllum barbieri (precedentemente Vesicularia dubyana)

Origine: sud-est asiatico
Dimensioni: la pianta si diffonderà quanto ne ha l'opportunità
Temperatura: da 18 a 28°C
pH: da 6 a 7,5
Propagazione: propagata da germogli frammentati

Il muschio di Giava è una delle specie di piante acquatiche più comunemente utilizzate negli acquari d'acqua dolce. Originario del sud-est asiatico, questo muschio resistente tollera un'ampia gamma di condizioni dell'acqua, dall'acqua dolce dolce e acida all'acqua leggermente salmastra. Può sopravvivere in vasche abbastanza poco illuminate, il che la rende una delle specie più facili da mantenere in vita.

I migliori risultati per una buona crescita, tuttavia, saranno raggiunti a una temperatura di circa 24°C, combinata con l'aggiunta di un concime liquido per piante secondo le istruzioni del produttore.

Il muschio di Giava viene regolarmente utilizzato dai riproduttori di pesci, perché fornisce una copertura sicura per piccoli avannotti dalla predazione dei compagni di vasca più grandi, oltre a fornire un ottimo mezzo per la deposizione delle uova per specie che sparpagliano uova come barbus e danio. È anche utile per far crescere infusori per gli avannotti molto piccoli, troppo piccoli per mangiare artemia salina o microworm ecc.

A differenza della maggior parte delle piante, non si radicherà nel substrato. Alcuni principianti commettono l'errore di aggiungere il muschio di Giava direttamente nella vasca, dove viene poi catturato dalla corrente del filtro, rompendosi e creando un pasticcio. La soluzione è legare il muschio con cotone scuro o una lenza a bassissimo sforzo di rottura ad un legno o ad una roccia nell'acquario, usandone in abbondanza per assicurarsi che rimanga in posizione. Con il tempo il muschio si attaccherà naturalmente all'arredamento dell'acquario creando una decorazione dall'aspetto attraente e naturale mentre cresce sul cotone o sulla lenza. In alternativa gli acquariofili possono acquistare pezzi di legno di palude, guscio di cocco e bambù dove il muschio è già stato legato.

La propagazione si ottiene facilmente per divisione, basta dividerla!

E' a volte disponibile nel commercio acquatico una specie dall'aspetto simile chiamata Christmas Moss, Vesicularia montagnei. L'aspetto è simile, forse con una forma leggermente più regolare. Il Christmas Moss tuttavia richiede più luce e non è così resistente.

Reusable image
Image
Descrizione

Egeria densa in acquario - Foto © Tropica.com

Erbaccia di stagno: Egeria densa (precedentemente Elodea densa)

Origine: Sud America
Dimensioni: 35 cm di altezza
Temperatura: da 15°C a 28°C
pH: da 5 a 8
Propagazione: da talee

Si noti che questa specie è spesso venduta con il suo vecchio nome di Elodea densa. Ideale sia per gli acquari tropicali che per quelli temperati, questa pianta simile all'erbaccia è molto facile da coltivare e se viene data molta luce e fertilizzante crescerà molto rapidamente. È necessario prestare attenzione durante la manipolazione poiché la sua natura fragile può spesso portare a spezzare le piante. Tuttavia, è probabile che gli steli spezzati si sviluppino in nuove piante. Un fertilizzante per piante a base liquida garantirà una buona crescita.

I cespugli di Egeria densa sono ideali per le vasche dove si vuole proteggere piccoli avannotti dai pesci predatori, in quanto forniranno loro un'area ideale per nascondersi.

Insolitamente l'Egeria può utilizzare il carbonato dell'acqua dell'acquario per la fotosintesi, il che aiuta a ridurre la durezza carbonatica nell'acquario.

Reusable image
Image
Descrizione

Anubias barteri nana in fiore, abbarbicata ad un legno - Foto © Tanya Husak

Anubias barteri

Origine: Africa occidentale
Dimensioni: 23 cm di altezza
Temperatura: da 22°C a 28°C
pH: da 5,5 a 8
Propagazione: dal rizoma

Anubias barteri è una bella specie di latifoglia dell'Africa occidentale. Molte cultivar artificiali sono state create negli ultimi anni offrendo una gamma di diversi tipi di fogliame, con anche alcune varietà variegate. Forse la cosa più importante da considerare è che esistono essenzialmente due tipi; Anubias barteri che può diventare abbastanza grande e Anubias barteri "nana" che è una versione nana molto più piccola, che rappresenta una scelta migliore per acquari più piccoli.

E' una pianta rustica che può essere tenuta in una varietà di condizioni dell'acqua e tollera condizioni di scarsa illuminazione, anche se crescerà più rapidamente se viene fornita più luce.

Come la felce di Giava e il muschio di Giava, l'Anubias barteri può spesso essere acquistata già attaccata a legni o rocce. In alternativa puoi acquistare le tue piante e attaccarle al legno con cotone scuro o piantarle direttamente nel substrato assicurandoti che il rizoma stesso NON sia sepolto, dovrebbero esserlo solo le radici. Un fertilizzante per piante a base liquida garantirà una buona crescita.

La propagazione è molto facile con questa specie. Usa semplicemente un coltello a lama affilata per tagliare il rizoma e dividerlo in piante, assicurandoti che ci siano almeno quattro e preferibilmente sei foglie sane per pezzo. Fai attenzione a non tagliare accidentalmente le radici!

Sono disponibili molte cultivar artificiali di questa specie. Questi includono ma non sono limitate a: Anubias barteri var. barteri ‘Marble’, Anubias barteri var. barteri ‘Broad Leaf’, Anubias barteri var. barteri ‘Variegated’, Anubias barteri var. barteri ‘Wavy’, Anubias barteri var. ‘Coffeefolia’, Anubias barteri var. ‘Nana’, Anubias barteri var. nana ‘Marble’ and Anubias barteri var. nana ‘Narrowleaf’, Anubias barteri var. nana ‘Petite’, Anubias barteri var. nana ‘Stardust’, Anubias barteri var. nana ‘Variegated’, Anubias barteri var. nana ‘Petite’, Anubias barteri var. nana ‘Wrinkled Leaf’.

Reusable image
Image
Descrizione

Microsorum pteropus in un acquario d'acqua salmastra - Foto © Emiliano Spada

Felce di Giava: Microsorum pteropus

Origine: Asia
Dimensioni: 25 cm di altezza
Temperatura: 18°C a 30°C
pH: da 5 a 8
Propagazione: rimuovendo le piantine dalle foglie o dal rizoma

La felce di Giava è probabilmente la pianta più a prova di bomba che l'acquariofilo può coltivare. È tollerante a un'ampia gamma di condizioni dell'acqua, può sopravvivere in condizioni di scarsa illuminazione e non viene mangiata dai pesci a causa del suo duro fogliame fibroso. Tutti questi fattori la rendono una delle piante più apprezzate oggi negli acquari e nei terrari.

La pianta ha un rizoma orizzontale di cui le foglie crescono in posizione verticale. Sfortunatamente i principianti spesso scambiano questo rizoma per radici e lo seppelliscono nel substrato dell'acquario, che alla fine lo ucciderà. Invece, la felce di Giava dovrebbe essere legata alle rocce o al legno usando cotone di colore scuro o una lenza a bassa resistenza alla rottura per tenerla in posizione. In alternativa è possibile acquistare pezzi di legno disponibili in commercio con felce di Giava già attaccata.

Un fertilizzante liquido per piante di buona qualità usato secondo le istruzioni del produttore dovrebbe garantire una buona crescita e un attraente fogliame verde.

Sono disponibili in commercio tre cultivar di felce di Giava. Sono Microsorum pteropus ‘narrow leaf’, Microsorum pteropus ‘Windelov’ e Microsorum pteropus tropica. La cura per tutte è essenzialmente la stessa, ma tieni presente che la cultivar "tropica" diventa grande, fino a 50 cm di altezza e quindi è adatta solo per acquari grandi e alti.

Reusable image
Image
Descrizione

Nuphar japonica - Foto © KENPEI (Wikimedia)

Spatterdock: Nuphar japonica

Origine: Giappone
Taglia: Grande! Le foglie possono misurare 30 cm di lunghezza ciascuna
Temperatura: 18°C a 27°C
pH: da 5,5 a 7,3
Propagazione: dal rizoma

Gli Spatterdock, Nuphar japonica, sono piante grandi e resistenti, adatte per gli acquari più grandi, idealmente profondi almeno 45 cm. A volte chiamati ninfea gialla o giglio di stagno giallo, questa specie abita naturalmente in laghi profondi con acqua ferma o molto lenta. Con cura e attenzione produrranno un fiore giallo. Sono ideali per chi ha un acquario più grande alla ricerca di una pianta di grandi dimensioni o per quelli con pesci che scavano le piante più piccole. Hanno bisogno di un fondo ricco di sostanze nutritive e di una ragionevole quantità di luce per prosperare, quindi l'aggiunta di pastiglie di fertilizzante vicino alle radici le avvantaggerà notevolmente.

Le Nuphar japonica sono generalmente vendute come bulbi nel Regno Unito con un grande rizoma robusto fornito di grandi foglie a forma di freccia.

Ne viene talvolta offerta in vendita una versione cultivar, Nuphar japonica var. "rubrotincta" con foglie da gialle a brunastre, ma è molto rara. La cura è identica agli esemplari selvatici..

Reusable image
Image
Descrizione

Aponogeton ulvaceus in acquario

Aponogeton ulvaceus

Origine: Madagascar
Taglia: Grande! Le foglie possono misurare 50 cm di lunghezza ciascuna
Temperatura: da 20°C a 27°C
pH: da 6,5 a 7,5
Propagazione: da semi e tuberi

Come la Nuphar japonica, anche Aponogeton ulvaceus è una specie adatta solo agli acquari più grandi, non sono per niente adatti agli acquari più piccoli. Le foglie sono ondulate, leggermente arricciate e sono di colore verde chiaro, di aspetto quasi traslucido. Ogni lama fogliare può misurare da 20 cm a 50 cm di lunghezza. Ne ho personalmente sperimentato uno che cresceva di circa 14 cm in un giorno! A volte sono venduti come bulbi piuttosto che come piante consolidate, il bulbo va piantano per tre quarti, sepolto in un substrato profondo e ricco di sostanze nutritive. Assicurati di avere almeno 2 watt per gallone di luce se tieni questa specie, preferibilmente di più.

Reusable image
Image
Descrizione

I gamberetti d'acqua dolce, Caridina e Neocaridina sp. sono molto efficienti nel tenere pulite le palle di cladophora (Aegagropila linnaei)

Palle di muschio: Aegagropila linnaei (precedentemente Chladophora aegagropila)

Origine: Scozia, Giappone, Australia, Islanda ed Estonia
Dimensioni: Potenzialmente fino a 30 cm di diametro, anche se di solito molto più piccole.
Temperatura: da 6°C a 30°C
pH: da 6,5 a 7,5
Propagazione: per divisione

Le palle di muschio non sono realmente un muschio, ma una palla di alghe verdi. Hanno una consistenza vellutata e possono potenzialmente crescere fino a 30 cm di diametro, anche se in realtà rimangono molto più piccole. A volte chiamate Marimo Moss Balls perché si trovano nel lago Akan, in Giappone, conosciuto localmente come Marimo, queste palline di alghe sono molto facili da coltivare.

Assicurati semplicemente che abbiano accesso alla luce, girandole ogni pochi giorni in modo che tutta la palla riceva un po' di luce, e nutrila con un fertilizzante per piante a base liquida. Assicurati di avere almeno 2 watt per gallone di luce se coltivi questa specie.

Reusable image
Image
Descrizione

Cryptocoryne wendtii var. 'Brown' nel mio acquario

Cryptocoryne di Wendt: Cryptocoryne wendtii

Origine: Sri Lanka
Dimensioni: le foglie misurano tra 10 cm e 15 cm di lunghezza con la pianta che cresce fino a circa 20 cm di diametro.
Temperatura: da 20°C a 28°C
pH: da 5,5 a 7,8
Propagazione: dagli stoloni

Cryptocoryne wendtii è un'altra popolare e resistente pianta d'acquario, perfetta da piantare a metà acquario. Tollera bene condizioni di scarsa illuminazione e condizioni di acqua dura.

Come altre specie del genere, Cryptocoryne wendtii può soffrire della "peste delle Crypto", a volte chiamata "marcescenza delle Crypto". Questa è una condizione in cui le criptocoryne sembrano morire quando vengono trasferite in un nuovo acquario con parametri dell'acqua diversi o diverse condizioni di illuminazione. Le foglie muoiono prima di ricrescere una volta che la pianta è completamente acclimatata, quindi non preoccuparti troppo se ne sei testimone dopo averne piantata qualcuna di recente nel tuo acquario.

Esistono numerose cultivar per questa specie tra cui, ma non solo, Cryptocoryne wendtii 'Broad Leaf', Cryptocoryne wendtii 'Brown', Cryptocoryne wendtii 'Chameleon', Cryptocoryne wendtii 'Green Gecko', Cryptocoryne wendtii 'Green', Cryptocoryne wendtii 'Miya 'e Cryptocoryne wendtii' Tropica '.

Reusable image
Image
Descrizione

Helanthium tenellum (ex Echinodorus tenellus) che forma un bel prato in acquario

Helanthium tenellum (precedentemente Echinodorus tenullus)

Origine: Sud America
Dimensioni: le foglie misurano fino a 12 cm di lunghezza
Temperatura: 18°C a 28°C
pH: da 5,5 a 7,5
Propagazione: dai corridori

Con un aspetto simile all'erba e dimensioni ridotte, Helanthium tenellum è perfetto come piccola pianta in primo piano e può essere utilizzato per creare un effetto simile a un prato nel tuo acquario. Per ottenere un "prato" in acquario, pianta le piccole piante singole a circa due o tre centimetri l'una dall'altra. In poche settimane il suolo del tuo acquario dovrebbe essere tappezzato poiché le piante stoloneranno attraverso il substrato. Da questi stoloni cresceranno quindi nuove piccole piantine. Queste possono essere separate per essere utilizzate in altri acquari, se necessario.

Reusable image
Image
Descrizione

Fiori di Cabomba caroliniana - Foto © Leslie J. Mehrhoff (Wikimedia)

Cabomba Verde: Cabomba caroliniana

Origine: America Centrale
Dimensioni: le foglie misurano fino a 12 cm di lunghezza
Temperatura: 18°C a 28°C
pH: da 6 a 7
Propagazione: da talee

La Green Cabomba, Cabomba caroliniana è una specie molto resistente ed è l'unico membro del genere Cabomba che tollera bene l'acqua dura. È spesso usato dagli allevatori di pesci poiché le sue foglie cespugliose forniscono un'area di rifugio per piccoli avannotti. Fai attenzione quando maneggi questa pianta poiché gli steli si rompono facilmente, anche se entrambe le parti di uno stelo spezzato di solito continuano a crescere in due piante separate.

Sono disponibili anche altre specie di Cabomba come Cabomba piauhyensis (Red Cabomba) e Cabomba acuatica (Yellow Cabomba), ma entrambe sono più esigenti e non sono consigliate ai principianti.

Reusable image
Image
Descrizione

Bacopa monnieri in un acquario d'acqua salmastra - Foto © Emiliano Spada

Baby Tears: Bacopa monnieri

Origine: Asia tropicale, Africa e America
Dimensioni: altezza 30 cm +
Temperatura: da 15°C a 30°C
pH: da 5 a 8
Propagazione: da talee

Bacopa monnieri è una grande specie per i principianti, in quanto è praticamente a prova di bomba e tollera un'ampia gamma di condizioni dell'acqua. Insolitamente può anche essere coltivata in acque molto dure se fornita di CO2 supplementare. È un'attraente pianta di colore verde chiaro che, se curata, produrrà piccoli fiori rosati al nodo fogliare. Se trovi difficile mantenere piante vive, allora questa è una specie che dovresti provare. Può essere piantata in qualsiasi tipo di substrato.

Reusable image
Image
Descrizione

Hygrophila polysperma in un acquario d'acqua salmastra - Foto © Emiliano Spada

Hygrophila polysperma

Origine: Asia tropicale
Dimensioni: altezza 45 cm +
Temperatura: da 15°C a 30°C
pH: da 5 a 9
Propagazione: da talee

Hygrophila polysperma è un'altra specie attraente e resistente che è ideale per l'uso sullo sfondo. Può essere utilizzata sia in acquari tropicali che temperati e tollera un'ampia gamma di parametri dell'acqua, quindi è una specie ideale per principianti. La crescita può essere rapida e potresti ritrovarti a doverla potare per tenerla sotto controllo.

Questa specie molto popolare è disponibile in un tipo selvatico e in diverse versioni di cultivar tra cui Hygrophila polysperma "Rosaenervig" una forma particolarmente attraente con foglie color magenta con venature bianche. Altre varietà includono Hygrophila polysperma "Broad Leaf" e Hygrophila polysperma "Narrow Leaf". La cura per tutte è la stessa di Hygrophila polysperma.

Qualcuna da evitare

Ora che conosci le specie migliori con cui iniziare, forse vale la pena elencarne alcune da evitare mentre stai iniziando la tua carriera di acquariofilo. Elenco qui qualche specie che è comune in commercio, a causa del suo aspetto attraente. Puoi essere molto tentato di acquistare, ma potrebbero non andare troppo bene, con il risultato di sprecare denaro.

Merletto del Madagascar: Aponogeton madagascariensis

Le 'piante di pizzo' sono una specie davvero straordinaria, forse la più bella di tutte le specie di piante da acquario. Sfortunatamente non se la cavano bene negli acquari a bassa tecnologia. Il corretto posizionamento, la corretta concimazione con oligoelementi, integratori e l'aggiunta di integratori di ferro sono tutti necessari per farle crescere bene. Devono anche essere attentamente monitorate per evitare un accumulo di crescita di alghe sulle loro foglie simili a merletti.

Crystalwort: Riccia fluitans

La Riccia è in realtà una specie di pianta galleggiante, anche se nell'aquascaping moderno è spesso legata o intrappolata nella rete metallica per formare un tappeto nell'acquario. È stata resa popolare dalla grande leggenda dell'aquascaping Takashi Amano. Se non hai mai sentito parlare del signor Amano, cerca il suo nome su Google per trovare l'ispirazione per il tuo prossimo acquario. Non è la più facile delle piante d'acquario da mantenere e richiede davvero l'iniezione di CO2 per crescere bene e prosperare.

Glossostigma elatinoides

Un'altra specie ampiamente utilizzata da Takashi Amano come pianta per tappeti. È una specie esigente che richiede acqua tenera e un substrato ricco di sostanze nutritive oltre a luce intensa e iniezione di CO2.

Glossario

Avventizio:
formato accidentalmente o in una posizione anatomica insolita.
Aquascaping:
giardinaggio subacqueo. Il mestiere di disporre piante acquatiche, rocce e legni in modo esteticamente gradevole.
Cultivar:
una varietà vegetale artificiale che era stata prodotta in coltivazione mediante riproduzione selettivo.
Grolux:
i tubi fluorescenti Grolux sono progettati per avere il corretto spettro di uscita della luce per migliorare la crescita delle piante. Progettati originariamente per l'uso orticolo e adottati dagli acquariofili, sono stati ora sostituiti da tubi fluorescenti più adatti alle specie di piante acquatiche.
Macro nutrienti:
i principali macronutrienti sono azoto (N), fosforo (P), potassio (K). I tre macronutrienti secondari sono calcio (Ca), zolfo (S), magnesio (Mg).
Micronutrienti:
elementi o sostanze chimiche richiesti in tracce per il normale sviluppo e crescita delle piante acquatiche.
Fotoperiodo:
il periodo di tempo durante ogni giorno in cui un organismo vivente riceve l'illuminazione. Lunghezza del giorno.
Plantlet:
una pianta giovane o piccola.
Propagazione:
l'atto o l'azione di propagare, aumentare il numero di qualsiasi tipo di organismo.
Rizoma:
uno stelo sotterraneo orizzontale in continua crescita che emette germogli laterali e radici avventizie a intervalli.
Substrato:
una sostanza o uno strato sottostante come ghiaia o sabbia in un acquario.
Tubero:
una parte molto ispessita o sotterranea di uno stelo o di un rizoma.
Variegato:
una pianta che presenta colori diversi, in particolare come macchie o striature irregolari.

Autore: Jared Cave

Riferimenti & Link

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi il mio preferito, acquariofiliafacile.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette